laRegione
Nuovo abbonamento
il-giorno-della-rabbia-nella-tragedia-libanese
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
2 ore

La nostra scuola in presenza e presente!

A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
2 ore

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
1 gior

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
1 gior

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
1 gior

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
2 gior

Piccoli sovranisti in soccorso dello zar

La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
3 gior

Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio

In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
4 gior

La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc

Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
5 gior

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
5 gior

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
L'analisi
10.08.2020 - 06:000

Il giorno della rabbia nella tragedia libanese

Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile

Se quel micidiale fungo di fumo che si stagliava nel cielo di Beirut, sopra il suo grande porto sbriciolato dall’esplosione, sull’ultima delle carneficine che da anni feriscono la città e le sue periferie, se tutto questo è il simbolo, la certificazione di una inarrestabile tragedia nazionale, occorre anche aggiungere che si tratta dell’ultimo atto di un dramma che parte da lontano, che si è costruito capitolo dopo capitolo, vendetta dopo vendetta, guerra dopo guerra.

Da tempo ormai la celebrata Beirut “Parigi” a sud del Mediterraneo, o il Libano “Svizzera del Medio Oriente”, è un ricordo lontano, sbiadito, stracciato. Se mai quelle definizioni hanno avuto gran senso. Certo, lo furono soprattutto per prìncipi e affaristi arabi in cerca di passatempi proibiti in patria, di banche generosamente ospitali con affaristi di ogni genere, di giochi e giochetti finanziari per ripulire capitali in libera e illegale uscita. Non lo furono certo per la stragrande maggioranza degli abitanti del Paese dei Cedri. Vittime delle innumerevoli faglie e dei sanguinosi conflitti che via via hanno segnato la fine di un “modello” di convivenza politico-confessionale su cui si è basata una fragilissima coabitazione, ma che al tempo stesso è stato il peccato originale dell’architettura istituzionale libanese. Musulmani sunniti, musulmani sciiti, cristiani non proprio fraternamente uniti, e i drusi. Un mosaico che non poteva reggere e non ha retto, situato com’è, com’era, al centro delle crescenti tensioni inter-comunitarie e religiose in tutta la regione.

Anche perché, in più, il Libano sconta sul suo territorio già lacerato troppe guerre per procura: a lungo il pugno duro della Siria occupante e revanscista; poi il dramma di milioni di palestinesi emarginati nei campi profughi e il tentativo dell’Olp di creare uno Stato nello Stato; quindi le invasioni militari israeliane e la loro delinquenziale alleanza con la peggiore feccia delle milizie cristiano-falangiste, incoraggiate o “protette” dalle forze di Sharon quando si trattò dell’eccidio di Sabra e Shatila (come stabilì una commissione d’inchiesta israeliana); ancora, e soprattutto, quindici anni di una feroce guerra civile sempre alimentata da famelici appetiti stranieri; infine l’inevitabile avanzata demografico-politica degli sciiti legati ad Hezbollah, alleato militare della Siria, quindi manovrabile dall’Iran, ormai unica e temuta mano armata contro Israele. Fino al baratro di una profondissima crisi economica, aggravata dagli effetti del coronavirus: prezzi alle stelle, svalutazione vertiginosa, disoccupazione a quasi il 50 per cento.

Regno, questo Libano, di una corruzione diffusa e tenace. Di tutta l’élite, di tutti i capi-bastone, di tutti i grandi o piccoli raiss decisi a non cedere i loro privilegi. Due giorni fa Beirut bruciava, è stato il “sabato della rabbia”, decine di migliaia di persone hanno rianimato le proteste iniziate già lo scorso ottobre, diversi i ministeri occupati o dati alle fiamme. Sembra che molti slogan fossero “laici”. Dunque, contro la sparizione del potere su base confessionale, religiosa. Questa sarebbe la vera “rivoluzione”, come la definiscono i manifestanti. Un Libano unito dalla e nella laicità. Non diviso da chiese e moschee, croci e mezzelune. Ma sembra ancora un sogno irrealizzabile.

© Regiopress, All rights reserved