laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
59 min
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
2 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
3 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
4 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
4 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
5 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
5 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
6 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
L'analisi
13.05.2020 - 06:300

Zero + zero per ridare fiducia al Ticino

Per la prima volta né contagi né vittime da coronavirus, si può cominciare a respirare

La partita non si è conclusa. La pandemia con il suo carico di drammi, angosce, e il peso delle incertezze mediche e sociali, rimane in agguato. Ma quegli zero contagi registrati per la prima volta in Ticino accanto a un altro zero, quello dei decessi, consentono finalmente un po’ di vivido ottimismo. 

Il governo, nell’intelligente progetto coordinato con BancaStato, si mostra proattivo: nel momento più opportuno si tende una mano al turismo ticinese. Le scuole hanno riaperto tra difficoltà e polemiche: ma era corretto procedere per trovare il giusto equilibrio tra rischi legati al Covid-19 e quelli altrettanto temibili, spesso ignorati dagli oppositori, legati alle patologie psichiatriche e sociali dell’isolamento.

Decisione giusta e al passo con l’evoluzione epidemiologica generale. Anche se è prematuro pasteggiare a champagne. Gli allentamenti sono gravidi di rischi come sembra indicare qualche dato dalla Germania dove il tasso di contagio (R0) è salito, seppur lievemente sopra 1, la soglia oltre la quale la decrescita del Covid-19 si ferma e la curva subisce una perniciosa inversione.

In Svizzera è la task-force federale a monitorare il numero medio di infezioni secondarie, il dato oggi più significativo per verificare l’andamento della pandemia. Ottime notizie, in contrasto con quelle tedesche, giungono da Paesi quali Danimarca e Norvegia dove la curva dei contagi è in netto calo: in quest’ultimo Paese dove asili e scuole elementari sono aperti da tre settimane, il Covid-19 continua ad arretrare. Il trend è comunque globalmente positivo un po’ ovunque: in una settimana 31% di contagi in meno in Spagna, 21% in Italia e addirittura 48% nel nostro Paese. L’America paga invece a caro prezzo una politica condotta a colpi di farneticazioni imbottite di stravaganti vaticini e appare oggi tra i Paesi più in difficoltà.

Il virus appare ancora in buona parte misterioso, e le contrastanti e a volte avventate affermazioni dei virologi ed epidemiologi non aiutano. Ma i dati statistici cominciano a fornirci informazioni che consentono di gestire meglio il deconfinamento. In Svizzera l’età media delle persone decedute è di 84 anni; mentre il 97% delle vittime (la più giovane di 31 anni, la più anziana di 108) soffriva di patologie pregresse, in primis l’ipertensione arteriosa seguita da patologie cardiovascolari e diabete.

Nessuno è ancora in grado di sciogliere l’incognita su un’eventuale seconda ondata: le previsioni dello statunitense Centers for Disease Control and Prevention e dell’Istituto Norvegese di Salute Pubblica si situano agli antipodi: futuro sul quale si allungano nere ombre secondo quanto ipotizzato oltre oceano; molto rassicurante invece il panorama disegnato a Oslo dove si esclude un peggioramento epidemiologico. I dati ci dovrebbero pure ricordare che, senza dover ritornare indietro di un secolo alla micidiale “spagnola”, solo 50 anni fa la grippe di Hong Kong, finita nel dimenticatoio, fece un milione di morti, tre volte di più di quanti ne ha fatti finora la pandemia da coronavirus. Come dire che il pericolo globale può essere affrontato anche con la razionalità dei numeri e con quelle misure inedite di prudenza con le quai abbiamo già imparato a convivere.

© Regiopress, All rights reserved