ricomincia-sempre-troppo-presto-il-campionato
Ti-Press/Crinari
Ma Croci-Torti e i suoi giocatori non potranno più contare sul fattore sorpresa
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
13 ore

La normalità di un Festival che doveva fare festa

Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
18 ore

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
3 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
4 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
5 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
6 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
6 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
laR
 
16.07.2022 - 05:20

Ricomincia, sempre troppo presto, il campionato 

Grandi aspettative a Lugano come a Bellinzona, ma le rose potranno ancora cambiare molto da qui a settembre, ed è difficile fare analisi attendibili

A causa delle riforme apportate negli ultimi decenni al sistema-calcio svizzero, le squadre sono diminuite, ma paradossalmente, dato che far cassa è vitale, è aumentato il numero di partite da giocare. Ciò obbliga ad anticipare parecchio la ripresa dei campionati – a metà luglio – quando i ricordi dell’ultima annata sono ancora troppo freschi per aver davvero già voglia di novità. Col fischio d’inizio fissato così presto, oltretutto, la pausa lunga è diventata quella invernale, durante la quale, per via del mercato, spesso le rose vengono stravolte e il rendimento di una compagine risulta assai diverso fra la prima e la seconda fase della stagione. Non sappiamo quanto a livello sportivo sia corretto, ma è ciò che passa il convento del football nazionale. I roster, ad ogni modo, potrebbero variare molto anche da qui all’inizio di settembre – data di chiusura del lunghissimo mercato estivo – specie se ci sono di mezzo le coppe, come nel caso del Lugano. Una positiva campagna nei preliminari continentali, infatti, potrebbe indurre qualche giocatore ancora indeciso a scegliere di rimanere per il resto della stagione. Ma potrebbe anche, in caso di prematura eliminazione, spingere altri ad abbandonare la nave quando il campionato è già in corso da un pezzo. Questo discorso vale però, quasi nella stessa misura, anche per i club non impegnati nelle coppe europee.

Date certe premesse risulta difficile, alla vigilia dell’inizio dei campionati, stilare pronostici o fare analisi troppo attendibili della situazione in cui si trovano Fc Lugano e Ac Bellinzona. Certo si può dire che attorno a entrambi ci sono grandi aspettative. I bianconeri, vincitori di una Coppa Svizzera forse nemmeno ipotizzabile un anno fa, dovranno confermare quanto mostrato in questi dodici mesi. E non sarà facile, innanzitutto perché Croci-Torti e i giocatori non potranno più contare sul fattore sorpresa: oggi tutti li conoscono e prenderanno adeguate contromisure. Inoltre la squadra ha perso elementi di spessore dentro e fuori dal campo – come Lovric, Lavanchy e Custodio – fondamentali per i recenti successi. Dal mercato sono giunti calciatori validi e in teoria capaci di far dimenticare i partenti, ad esempio Doumbia, Mai e Mahou. Come sempre, però, sarà il campo a certificare la bontà degli innesti. Le certezze risiedono in una società forte, in un tecnico preparato e benvoluto e nella conferma di due istituzioni come Bottani e Sabbatini. L’auspicio, invece, è recuperare presto gli infortunati, specie in difesa, il reparto più in emergenza.

Molte speranze aleggiano pure sul fronte granata: il Bellinzona, dieci anni dopo il fallimento targato Giulini, si riaffaccia finalmente nel calcio che conta. La promozione è giunta non solo per meriti propri – data la licenza negata al Breitenrain dominatore della Promotion League – ma è stata comunque guadagnata. Il torneo cadetto è duro, ma anche strano: spesso i favoriti falliscono, a beneficio degli outsider. Quest’anno poi la formula prevede più promozioni dirette, consentendo dunque di sognare anche a David Sesa e ai suoi uomini, specie se il mercato porterà altri elementi d’esperienza e affidabilità, sull’esempio di quanto fatto per assicurarsi Berardi e Tosetti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
campionato mercato
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved