la-canzone-del-fibra
Mattia Guolo
Al secolo, Fabrizio Tarducci
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
10 ore

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
10 ore

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
1 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
2 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
2 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
3 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
4 gior

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
5 gior

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
Sguardo a Nord
1 sett

Casa dolce casa

laR
 
17.06.2022 - 05:30
Aggiornamento : 14:44

La canzone del Fibra

È pericoloso come dicono le femministe? O siamo bacchettoni? Comunque sia, prima di portare un artista in piazza, meglio ascoltarsi un paio di suoi dischi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Mettiamola così. Chissà come sarebbe stata ‘La canzone del sole’ se invece che Lucio Battisti l’avesse scritta Fabri Fibra. Magari al posto di "Dove sei stata cosa hai fatto mai?", oggi i teenager sulla spiaggia canterebbero "Dove c**** sei stata brutta t****?". Con una certa dose di astrazione, e scusandoci col Mogol, l’accostamento ci serve per dire che il linguaggio muta col tempo, anche nelle canzoni (anche troppo). E ciò che era ‘pruriginoso’ negli anni 70 non lo è più oggi soprattutto in ambiti di rap, genere nato più o meno negli anni de ‘La canzone del sole’ (ma è solo una coincidenza) con intenti leggermente diversi.

Scriviamo di Fabri Fibra a Lugano il 6 luglio, che le femministe ticinesi non vogliono per via degli "incitamenti all’odio, ai femminicidi, agli stupri e alla violenza propagati e banalizzati". Il collettivo ‘Io l’8 ogni giorno’ denuncia le canzoni del rapper marchigiano in un j’accuse di estratti delle liriche più controverse, già riportate senza asterischi su queste pagine. Da una settimana a questa parte ne chiediamo al mondo del rap un parere: il social è prodigo di dichiarazioni come "Che ignoranza. Mo’ nel 2022 tutto a un tratto il problema è Fabri Fibra", ma i rapper locali non rilasciano dichiarazioni alla stampa (alla Rete sì); "Non sono abbastanza informato su Fabri Fibra", risponde lo storico invitato a spiegarci il linguaggio del rap; "Qualsiasi cosa dicessi, verrei sicuramente frainteso", risponde uno dei guru del rap italiano, facendo rimpiangere il coraggio di un altro grande frontman, dj Silvio, che prima di definirsi frainteso almeno la sparava grossa.

Fabri Fibra è pericoloso? Anche se i poeti maledetti non hanno mai usato la parola "recchione" ("Il mio c**** è in questione ne vuoi un’illustrazione / Vorresti anche toccarlo brutto pezzo di un recchione" - ‘Su le mani’, 2006), si dice che gli odierni rapper ne siano i discendenti. Perché anche i poeti maledetti, come le parole delle canzoni, cambiano. Alcuni diventano addirittura benedetti. Si pensi a Jim Morrison: si è fumato mezza foresta amazzonica, auspicava di unirsi carnalmente con la propria madre, una sera del 1969 mostrò il proprio gingillo al pubblico di Miami e lo arrestarono. Oggi è Santo. Qualcuno, nel giugno del 2022, ha ancora paura di Jim Morrison?

Più seriamente parlando. "I miei bimbi ascoltano Fabri Fibra, ma non sapevo di questi testi...", dice un padre di famiglia leggendo tra le righe femministe; leggiamo anche noi, e per quanto "in tutti i luoghi in tutti i laghi" sia uno dei versi più brutti dai tempi del Paleolitico superiore (da quando cioè l’uomo si è inventato una lingua propria), il contenuto di ‘A me di te’, squallido attacco omofobo contro Valerio Scanu costato a Fabri Fibra una condanna, fa tremare l’assunto che l’arte non vada recintata. E cozza con la saltellante ‘Propaganda’, marzo 2022. Cozza anche con un’intervista del 2018 in cui l’artista liquida le rime contro i gay come "scherzo".

Dato per certo che la censura non ha cambiato il corso di nessuna storia, un appunto: un centro culturale sempre attento al livello della proposta come il Lac, inserito in una città ‘sensibilizzante’, avrebbe potuto ascoltarsi un paio di suoi dischi. Ma è vero anche che la più vecchia delle canzoni del Fibra sotto accusa risale al 2006, e se davvero è pericolosa, allora siamo in ritardo di 16 anni. Tutti, non solo il Lac.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fabri fibra femministe rap
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved