l-usi-il-rettore-lo-studente-e-il-cliente
Ti-Press
Uno sguardo sul nuovo campus/vetrina
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
16 ore

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
2 gior

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
3 gior

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
5 gior

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
6 gior

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
1 sett

Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura

Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
1 sett

Neutralità non è star sopra un albero

Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
laR
 
07.05.2022 - 05:30
Aggiornamento: 09:15
di Claudio Lo Russo

L’Usi, il rettore, lo studente e il cliente

Ecco l’equivoco di fondo: un’università che vive sé stessa come azienda, che misura la propria efficacia in termini di iscritti e soddisfatti

L’Università della Svizzera italiana e il suo rettore si separano anzitempo. Indubbiamente, è una notizia. La Commissione di controllo su Usi e Supsi esprime sorpresa (ma non troppa). E (almeno) un professore si è sentito autorizzato a far sentire la propria voce, richiamando la necessità di una riflessione su quale sia il ruolo dell’Università e quali i ruoli al suo interno (laRegione, 30 aprile). Comunque, la separazione tra l’Usi e Boas Erez non crediamo vada drammatizzata, soffocando un’autentica riflessione, da estendere alla Supsi, su ciò che oggi un’Università vuole essere. Del resto, su queste colonne ci è capitato di considerare con un certo stupore alcune uscite pubbliche del rettore: non tanto le opinioni espresse, quanto la solidità delle sue argomentazioni.

Ad ogni modo, per fortuna, la Commissione non può entrare nel merito delle dimissioni del rettore o del suo allontanamento (ognuno scelga la definizione che ritiene più calzante). Eppure qualcosa dice, per bocca del suo presidente (laRegione, 28 aprile). Incomprensioni, nuove figure organizzative, la gestione della pandemia… Comunque, un esito spiacevole e inatteso, perché dopotutto le cose andavano al meglio. Dati alla mano: iscrizioni in costante ascesa, al pari della qualità dell’insegnamento.

E qui veniamo al punto, finora eluso. Soprattutto, ci pare, da chi all’Usi o alla Supsi ci lavora. Se, da un lato, ci si potrebbe chiedere quali siano gli strumenti a disposizione dei nostri parlamentari per misurare la qualità dell’insegnamento universitario, dall’altro si impone un dubbio: siamo certi che l’aumento delle iscrizioni – come l’apertura del nuovo campus/vetrina – vada accolto, a priori, come la prova della qualità dell’offerta formativa? Fatte salve le dovute distinzioni, chi ha conosciuto da dentro entrambe le istituzioni, potrebbe esprimere qualche perplessità in proposito. Al pari dei tanti insegnanti silenti che, in molte Università, oggi, si adeguano a una realtà di fatto insidiosa: quella per cui lo studente viene sempre meno considerato come tale, ma, piuttosto, in quanto fruitore pagante di un servizio; un cliente da assecondare.

Sta anzitutto in questo equivoco di fondo, crediamo, la perversione di un’Università che vive sé stessa come azienda, che misura la propria efficacia in termini di iscritti e soddisfatti, tanto più in realtà prive di una tradizione consolidata. Non ci diffonderemo qui sulle derive di un’istituzione i cui docenti giungono al punto da non sentirsi autorizzati a richiedere l’acquisto di libri di testo, ma devono affidarsi a fotocopie (esili) e diapositive in Power Point… Limitiamoci a constatare che il germe della superficialità, spesso spacciata per novità o dinamismo, che caratterizza la nostra epoca, da tempo insidia anche gli spazi deputati alla costruzione metodica, rigorosa, mai banale della conoscenza. E la infiltra con tanta più facilità proprio quando l’Università stessa inizia a percepirsi come azienda che, va da sé, parla ai propri "azionisti" numeri alla mano.

Ogni Università, tanto più oggi, nel momento in cui intende consolidare la propria struttura, si confronta forse, più o meno consapevolmente, con una scelta: assecondare questa cultura prêt-à-porter, di fatto utilitaristica, pur di far contento ogni "cliente", oppure sedurre i propri studenti con il rigore del proprio modello e il valore del titolo rilasciato. Di questo vorremmo che si parlasse, anche con i rettori attuali e futuri.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boas erez università usi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved