boas-erez-e-usi-ognun-per-se-le-reazioni
Ti-Press
Boas Erez, nominato nel luglio del 2016. Il comunicato dell’Usi parla di decisone presa ‘di comune accordo’
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
2 ore

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
4 ore

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
5 ore

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
5 ore

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
5 ore

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
5 ore

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Spettacoli
5 ore

Cinquant’anni dopo, l’Academy chiede scusa a ‘Piccola piuma’

Sacheen Littlefeather ritirò l’Oscar al posto di Marlon Brando. Fece un discorso in difesa dei Nativi americani e fu fischiata
La recensione
5 ore

Lucerne Festival, ‘in quell’aura sanza tempo tinta’

Luzerner Saal al completo per le ‘prime’ assolute (e assai lunghe) di Liza Lim e Tyshawn Sorey
Scienze
6 ore

Una start-up biotech per far rinascere la tigre della Tasmania

Colossal Bioscience intende ricreare geneticamente il tilacino, estinto dal 1930, per riequilibrare l’ecosistema australiano
L'intervista
7 ore

Locarno75 e il futuro, also sprach Rapahël Brunschwig

La governance futura non è di competenza del managing director’, che sul nuovo presidente rimanda al Cda. E sui numeri del 75esimo...
Sostiene Morace
8 ore

Lunga vita al Festival (quanto ai premi, ‘de gustibus’)

‘Regra 34’, confuso e ripetitivo. Meglio ‘Gigi la legge’. Solari lascia o fa come al 70esimo? L’augurio è quello di trovare una figura all’altezza.
Arte
8 ore

Morto Dmitri Vrubel: dipinse il bacio fra Breznev e Honecker

L’artista russo è morto a 62 anni per complicazioni da Covid-19. Suo il celebre graffito sul Muro di Berlino
Locarno 75
12 ore

Pardi per tre, una condanna alla selezione

Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Il ricordo
14 ore

Piero Angela e la gentilezza della scienza

Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
L'intervista
18 ore

Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’

La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
Musica
1 gior

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Culture
1 gior

A Biasca il primo Festival di letteratura per l’infanzia

Quarantotto eventi spalmati su tre giorni: al via martedì 16 agosto, per proseguire venerdì 14 e sabato 15 ottobre
Culture
1 gior

Pier Paolo Pasolini ad Airolo, una rassegna

A cent’anni dalla nascita dell’intellettuale italiano, dal 16 al 19 agosto una rassegna cinematografica a lui dedicata, curata da Nina Altoni
L’intervista
1 gior

Martin Suter, triviale come una libellula

Documentario atipico, ‘Alles über Martin Suter. Ausser die Wahrheit’ ha chiuso il Festival. Lo scrittore svizzero parla di sé (e risponde alla NZZ...)
Musica
1 gior

Rimini chiede che il ballo liscio sia patrimonio dell’Unesco

‘È una rappresentazione della vita e dei sentimenti’, dice il sindaco. Di recente si è espresso in questo senso anche Morgan, col plauso di Renzo Arbore
Culture
1 gior

Torna ‘Io sono vivo, voi siete morti’, Dick visto da Carrère

Apparso per la prima volta nel ’93, è un viaggio nella mente di Philip K. Dick, l’autore del ‘Cacciatore di androidi’ da cui è tratto il film Blade Runner
Scienze
1 gior

Roche lancia un test per la risposta immunitaria

Dovrebbe permettere di capire meglio le infezioni da coronavirus. Farà la sua apparizione sui mercati che riconoscono le marcature Ce
Spettacoli
1 gior

Trovati i riceventi per gli organi di Anne Heche

Staccati i macchinari a cui era attaccata l’attrice, cerebralmente morta dopo il grave incidente stradale
Scienze
2 gior

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
2 gior

Pomeriggio valdostano

Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
2 gior

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
2 gior

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Scienze
2 gior

Pensare stanca, fa accumulare sostanze tossiche nel cervello

Per i ricercatori vale il vecchi rimedio: riposare e dormire. ‘Ci sono molte prove che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno’
Pardo Verde Wwf
2 gior

Un premio non si rifiuta mai: vince ‘Matter Out of Place’

Il documentario di Nikolaus Geyrhalter conquista il Pardo Verde Wwf come opera che meglio affronta una tematica ecologica
Locarno 75
2 gior

A ‘Last Dance’ e ‘Annie Colère’ gli ultimi due premi

Al primo è andato il Prix du Public UBS; al secondo, il Variety Piazza Grande Award.
Scienze
2 gior

Le ondate di calore pesano su corpo e mente

Dopo Covid-19 e guerra in Ucraina, le temperature eccessive minano la salute (anche psicologica) delle persone
Scienze
3 gior

La Luna ha ereditato dei gas nobili dalla Terra

La scoperta dei ricercatori del Politecnico di Zurigo premette di comprendere meglio la formazione del nostro satellite
Locarno 75
3 gior

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
3 gior

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
3 gior

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
3 gior

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
3 gior

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
22.04.2022 - 20:21
Aggiornamento: 22:56
di Beppe Donadio, Andrea Manna, Dino Stevanovic, Elia Salsano

Boas Erez e Usi ognun per sé: le reazioni

Lascia il Rettore, resta il Professore. ‘Nessun attrito’ è la versione ufficiale dell’ateneo. Parlano Roberto Badaracco, Edo Pellegrini e Aurelio Sargenti

Boas Erez non è più il Rettore dell’Usi. La sua funzione terminerà il prossimo 9 maggio, dopo il Dies academicus. Le strade si separano, pur correndo sempre nella stessa sede, nel senso che Erez non lascia l’Università della Svizzera italiana, ma continua ad insegnarvi. Una scelta avvenuta di comune accordo. Lo hanno detto nelle prime ore di oggi le voci non ancora ufficiali e, più tardi, lo ha detto il comunicato stampa, quello sì ufficiale. Ufficiale anche il commento rilasciato a laRegione da Monica Duca Widmer, Presidente del Consiglio di fondazione dell’Usi, nell’immediato: «Il Rettore ha fatto tante cose positive in questi anni, e gli siamo riconoscenti. Abbiamo però visioni diverse su quelle che sono le dinamiche in ambiti amministrativi e, in questo senso, abbiamo trovato un accordo». E aggiunge: «All’interno di questa scelta non esiste alcun tipo di attrito personale. Il fatto che Boas Erez resti all’interno dell’Usi come professore, parte accademica nella quale egli è bravissimo, sta a dimostrare come la scelta sia stata presa di comune accordo».

‘Nuova figura apicale’

Gli attriti, secondo fonti in nostro possesso, avrebbero però un fondamento. Sulla separazione delle strade di ex Rettore e ateneo peserebbe non poco quanto scaturito dall’approvazione del nuovo organigramma dei Servizi amministrativi dell’Usi, ovvero – comunicazione dell’Usi dello scorso 30 marzo – "l’introduzione della nuova figura apicale di Direttore/Direttrice operativo/a, a guida di tutti i servizi e garante del loro coordinamento e della trasversalità", ruolo da mettersi a concorso pubblico. Il tutto in ottica di "una maggiore responsabilizzazione dei responsabili di servizio e un rafforzamento dei servizi laddove necessario" e di una "volontà di sviluppare ulteriormente le sinergie trasversali a diversi servizi, nelle Facoltà e a tutta l’organizzazione". Da noi interpellato, Boas Erez non ha commentato l’indiscrezione e si è limitato a comunicare il rispetto per quanto deciso e comunicato dall’Usi. Dando appuntamento al Dies academicus per ogni ulteriore dichiarazione in merito.

‘Ottimi risultati in campo accademico’

Quanto ad accordi, così recita l’incipit del comunicato ufficiale dell’Usi: "L’accordo considera che Boas Erez, con la sua squadra, ha portato l’Usi a ottenere ottimi risultati in campo accademico, ma sussistono divergenze di vedute con il Consiglio dell’Usi sulla gestione amministrativa dell’Università. Il Prof. Erez continuerà la sua attività all’Usi in qualità di professore ordinario". I prossimi passi: il prorettore Prof. Lorenzo Cantoni assumerà la carica di prorettore vicario, sostituendo dal 9 maggio il rettore partente avvalendosi del sostegno degli altri attuali prorettori, riconfermati. Con essi, un prorettore aggiunto, il Prof. Giorgio Margaritondo. Nell’immediato, "un concorso pubblico per la ricerca del/la nuovo/a rettore/rice dell’Usi, la cui nomina, tra qualche mese, metterà fine alla fase di transizione".

"Durante il rettorato di Boas Erez – scrive ancora l’ateneo – i risultati sono stati ottenuti nel consolidamento dopo la fase espansiva dei primi 20 anni di esistenza dell’Usi con l’incremento della coesione del polo accademico della Svizzera italiana, con l’istituzione di una strategia comune Usi-Eoc per la ricerca in medicina umana, con l’affiliazione all’Usi dell’Irsol e della Facoltà di Teologia, nonché con la maggior integrazione accademica degli Istituti già affiliati. Importante anche il rafforzamento del servizio che l’Università offre al suo territorio di riferimento, che ha portato ad esempio al rafforzamento del polo legato all’innovazione e alle start-up, a tutte le attività di apertura sul territorio che hanno caratterizzato il recente venticinquesimo compleanno dell’Usi, alla creazione della nuova sede dell’Archivio del Moderno e al progetto della Casa della sostenibilità ad Airolo". E ancora: "L’Usi ha inoltre rafforzato la sua internazionalizzazione, con un sistematico lavoro per sviluppare accordi di partenariato in ambito formativo e di ricerca. Il Prof. Erez ha lavorato per il rafforzamento delle strutture accademiche e organizzative, ad esempio proponendo l’istituzione dei prorettorati, e per l’aumento della democrazia universitaria, ad esempio proponendo la creazione del Senato accademico e della Corporazione degli studenti".

Le reazioni/1

‘Presto un sostituto, ne va della ricerca’

«Con Boras Erez abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto di collaborazione», commenta Roberto Badaracco, capodicastero Cultura. «Sui vari dossier che hanno riguardato la cultura in genere, la formazione e i giovani, è stato un interlocutore sempre aperto e disposto a dialogare in maniera costruttiva, cercando di raggiungere risultati concreti a favore di tutta la comunità». «Sono preoccupato», dice invece il Granconsigliere Udc Edo Pellegrini. Per il Presidente della Commissione parlamentare di controllo su Usi e Supsi «non vi erano segnali di quanto accaduto». Almeno per quanto emerso dal un recente incontro coi vertici dell’Usi: «Li abbiamo incontrati lo scorso 6 aprile e nulla ci è stato detto in merito. Erano presenti la Presidente del Consiglio di Fondazione, il Rettore e il Segretario, e un rappresentante del Decs. Quel che posso dire in questo momento è che per noi, di certo personalmente, è una sorpresa». Torniamo anche con Pellegrini sulla ricerca della "figura apicale" di cui sopra: «Secondo la Presidente, si sarebbe trattato di una normale riorganizzazione che avrebbe fatto funzionare meglio le cose a livello amministrativo. Ma non mi è sembrato che potessero esserci attriti. Fino a questo momento le cose sembrava andassero bene, registravamo l’incremento degli strumenti e dei dipartimenti. Ripeto, sono colto di sorpresa».


Ti-Press
Roberto Badaracco, capodicastero Cultura Città di Lugano


Ti-Press
Edo Pellegrini, Presidente della Commissione parlamentare di controllo su Usi e Supsi

I prossimi passi, la Commissione li muoverà molto presto: «Lunedì avremo una riunione dell’intera Commissione formazione e cultura, della quale noi siamo una sorta di sottocommissione. In quell’occasione chiederò di mettere la questione all’ordine del giorno». E la rapidità dell’agire è così spiegata: «Dal mio punto di vista, occorre trovare soluzioni nell’immediato perché il momento è molto caldo, specialmente in ambiti di ricerca, dove è necessario tenere i contatti con le altre università per capire se i crediti decisi dal Consiglio federale per sostituire quelli che non arrivano dall’Unione Europea sono sufficienti o se non è soltanto una questione finanziaria, come probabilmente è. Perché il fatto di non partecipare attivamente alle ricerche europee impedisce, anche se noi ci mettiamo i soldi, di essere leader nella ricerca stessa. Per tenere il passo con questi sviluppi, il Rettore è persona di riferimento molto più che il Consiglio d’Istituto. Mi auguro che il sostituto venga individuato al più presto o che ove possibile, e mi esprimo a puro titolo personale, la cosa rientri».

Parlando col Presidente della Commissione di controllo su Usi e Supsi ma anche col deputato democentrista, non si può non chiedergli se alla luce di quanto successo l’apprensione per le conseguenze sulla ricerca non strida con la contrarietà dell’Udc alla legge-quadro: «Le soluzioni – replica e conclude Pellegrini – vanno trovate indipendentemente dalla posizione politica. Credo che il Consiglio federale avrebbe potuto portare avanti una rivendicazione più rapidamente. Dalla storia dell’accordo-quadro sono trascorsi ormai dei mesi».

Le reazioni/2

‘Non è un fulmine a ciel sereno’

Boas Erez, classe 1962, è nato a Coira. Ha conferito la maturità scientifica al liceo di Lugano nel 1981, proseguendo gli studi all’università di Ginevra, dove ha conseguito sia il diploma che il dottorato in Matematica, rispettivamente nel 1985 e nel 1987. Ha ricoperto il ruolo di assistente all’uni ginevrina tra il 1985 e il 1990 e il ruolo di Benjamin Peirce assistent professor all’università di Harvard tra il 1990 e il 1993. Nel mondo accademico, dal 1993 è stato professore ordinario di matematica all’università di Bordeaux, dove ha ricoperto numerosi incarichi direttivi, fino a quello di vicepresidente tra il 2005 e il 2008. Molte sue ricerche scientifiche sono state pubblicate da ‘Annals of Mathematics’, una delle riviste di matematica più prestigiose al mondo. Alla vigilia del suo insediamento all’Usi, in un’intervista concessa alla Regione’ il 31 agosto del 2016, affermava che l’Usi era "aperta al mondo" e che riteneva la vicinanza dell’istituto al mondo dell’economia, in particolare con quello della finanza, "sproporzionata". In quell’occasione, riteneva anche che quella vicinanza avrebbe impedito all’istituto di agire in maniera indipendente a favore della creatività e della libertà intellettuale.

Sulla scena mediatica e politica ticinese, il Boas Erez più recente è il facilitatore intervenuto a più riprese per calmare le acque e favorire il dialogo tra il Municipio e gli autogestiti nella vicenda dell’ex-Macello. Durante la manifestazione del 5 giugno 2021, dopo la demolizione dell’edificio, aveva dichiarato: "Io mi sono esposto e sto compiendo un esercizio di grande e complicato equilibrismo". In questo senso, «la notizia di ieri non è per me un fulmine a ciel sereno». A parlare è Aurelio Sargenti, ex direttore del Liceo Cantonale Lugano 2, oggi tornato («Felicemente») alla ricerca letteraria all’interno del Centro Nazionale di Studi Manzoniani di Milano. «Dopo l’annunciata apertura del concorso per una nuova figura come quella del direttore/trice operativo/a, in una struttura che per altro ha già una direttrice amministrativa e un segretario generale, ci si è affrettati a dire che "è un passo naturale da compiere e non un ridimensionamento del ruolo del rettore" (come dicevano i latini: Excusatio non petita!). D’altra parte – continua Sargenti – l’impegno di Boas Erez nei confronti dei problemi politici della Città andava a scontrarsi con le posizioni della destra luganese, e così come il suo essere alla testa di un comitato (‘Lugano aperta’) che lavora per un’aggregazione di manifestazioni culturali, tutte azioni che io condivido, ma che fatte da un rettore possono apparire poco ordinarie, se per rettore s’intende qualcuno che si occupa solo di politica universitaria, di relazioni tra università, di nomine e meno di politica culturale in senso ampio. Tenendo presente questo quadro, la cosa non mi sorprende».

Da Sargenti, una constatazione – «Il Consiglio di Fondazione per le facoltà di Lugano dell’Usi è nominato dal Municipio e ha un suo peso» – e una parola di elogio per «il coraggio di chi, di fronte a una divergenza d’opinione con il Consiglio dell’Usi, avrebbe potuto accettare un compromesso di comodo alla fine del suo mandato e che invece l’ha coraggiosamente rifiutato in nome di una propria coerenza, merce oggi piuttosto rara».


Ti-Press
Aurelio Sargenti, ex direttore Liceo Lugano 2

I sindacati

‘Maggior democrazia in Usi e Supsi’

"A fronte delle vicende legate alla conclusione del mandato del rettore dell’Università di Lugano, ma senza entrare nel merito della vicenda", il Sindacato del personale dei servizi pubblici e sociosanitari Vpod Ticino torna a chiedere "maggior democrazia accademica all’Usi e alla Supsi". È quanto contenuto nell’iniziativa depositata nel 2011 e "formalmente pendente" che verte sui diritti di partecipazione e le libertà accademiche del corpo accademico e intermedio nella gestione di Usi e Supsi, come da raccomandazioni Unesco del novembre 1997. Nello specifico, si chiede che il Consiglio dell’Usi, e così la quello della Supsi, si compongano dei rappresentanti delle facoltà e da 5 a 11 membri designati, ogni 4 anni, dal Consiglio di Stato. "I rappresentanti del corpo accademico e del corpo intermedio devono costituire la maggioranza dei membri del Consiglio dell’Usi". Attualmente la presenza è limitata a 2 persone su 11 nei due Consigli, "componente troppo esigua che non rispetta le raccomandazioni Unesco". Da cui l’invito al Parlamento a riprendere la questione.

Leggi anche:

Boas Erez non è più il rettore dell’Usi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boas erez università usi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved