ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
23 ore

Minchia signor Zelensky

Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
1 gior

L’altra battaglia nel cuore di Mosca

Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
2 gior

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
3 gior

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
5 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
5 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
6 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 sett

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
1 sett

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
1 sett

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
1 sett

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
1 sett

Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata

Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
24.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 19:25

Il concorrente Zelensky, la guerra come X Factor

Il conflitto si sposta sui social e il presidente ucraino viene criticato per l’abbigliamento e i videomessaggi come se partecipasse a un reality show

il-concorrente-zelensky-la-guerra-come-x-factor
Zelensky nella serie “Servitore del popolo” (Keystone)

Abbiamo finalmente una risposta al beffardo quesito di Albert Einstein, che ci lasciò sostenendo di sapere come sarebbe stata combattuta la Quarta guerra mondiale (con pietre e bastoni), ma non la Terza. Ora lo sappiamo: con le tastiere. Ovviamente sui social network, trincea virtuale in cui frulliamo bombe e morti, verità e finzione, i bagni di folla telecomandati di Putin e il tour mondiale da fermo di Zelensky. Un luogo che non c’è, eppure dove tutto sembra avvenire, farsi e disfarsi; dove ognuno prende posizione senza essersela guadagnata, in cui sembrerebbe davvero che "uno vale uno", invece non vale niente; e dove tutto o quasi viene usato per dimostrare una cosa e il suo contrario. Si spara a salve, da dietro a uno schermo, eppure ci si fa male davvero. Non è escluso che alla fine, da lì, si possa perfino orientare l’esito della guerra.

L’hanno capito i russi e anche gli ucraini che si combatte tanto sui social quanto sul campo: tant’è che il campo non si vede quasi più, se non fosse per alcuni valorosi reporter come i due giornalisti di Associated Press rimasti nella Mariupol assediata e sventrata o inviate col pedigree come Francesca Mannocchi, che è andata, ha filmato tutto quel che poteva – rischiando la pelle – e poi è tornata lamentandosi del fatto che per la prima volta (dopo Siria, Libano, Yemen, Afghanistan… Alla faccia di chi dice che le altre guerre non si raccontano) non è potuta arrivare, con la sua telecamera, dove la guerra si fa davvero.


Il discorso di Zelensky al Parlamento italiano (Keystone)

Gli inglesi la chiamano "fog of war", nebbia di guerra, quella foschia che non ci fa capire dove si trova il pericolo, o magari la verità. A volte è la conformazione di un territorio a impedire la visuale, a volte è il nemico a gettarti fumo negli occhi. Ma sempre più spesso siamo noi a sabotarci, confondendo un conflitto con X Factor.

Succede così che Zelensky fa il giro virtuale delle aule parlamentari di mezzo mondo provando a far capire cosa vuol dire stare sotto alle bombe a occidentali che le bombe le hanno viste solo in tv o al museo: mostra una video-simulazione di Parigi bombardata e chiede di immaginarsi Genova ridotta come Mariupol e i francesi e gli italiani si risentono parlando di "cattivo gusto". Sui social riceve insulti, viene criticato per la maglietta e il giorno dopo per la felpa che copre la maglietta, si criticano il tono, la voce, le idee: tutto. Per molti ormai è un concorrente di un reality da giudicare, non il presidente di un Paese sotto attacco.

Selvaggia Lucarelli, giudice di ‘Ballando con le stelle’ e influencer sempre attenta ad assecondare il suo pubblico, tra gli applausi della maggioranza dei suoi adepti sottolinea che i video sulla guerra di Zelensky (ex concorrente di ‘Ballando con le stelle’) sembrano un trailer di Netflix. Tutto, insomma, viene riportato a una dinamica da pop corn e televoto.


Il video di propaganda che che ha fatto infuriare molti parigini (Keystone)

Intanto sui nostri schermi scorrono in alta definizione immagini di soldati in mimetica nel fango, vecchi carri armati con la bandiera sovietica e profughi spaesati, uguali da sempre, nipoti e insieme fratelli di quelli che vediamo nei filmati d’epoca. C’è poi lo zar che rivuole il suo Impero, la Guerra Fredda Mosca-Washington, gente che parla (a sproposito) di maccartismo, i battaglioni nazisti, il mondo diviso in blocchi, tutto il Novecento che ritorna, ammesso che se ne sia mai andato.

C’è anche il Cremlino che congela i colloqui per il Trattato di pace con il Giappone, reo di avere imposto le stesse sanzioni dell’Occidente. Già, perché formalmente Russia e Giappone sono ancora in guerra per via delle Isole Curili dal 1945. Tutti preoccupati per la Terza guerra mondiale e ancora deve finire la Seconda.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved