riecco-mattarella-il-residente-della-repubblica
Sergio Mattarella (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
2 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
3 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
4 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
5 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
5 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
6 gior

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
1 sett

Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura

Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
1 sett

Neutralità non è star sopra un albero

Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
2 sett

Il Covid muta, la Cina no

Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
31.01.2022 - 05:30
Aggiornamento: 18:51

Riecco Mattarella, il residente della Repubblica

Il presidente al secondo mandato. La politica abdica riscrivendo ‘Il Gattopardo’ per pigri: ‘Se vogliamo che tutto rimanga com’è, lasciamo tutto com’è’

Tutti a dare addosso ai politici italiani, bollati come scaldapoltrone buoni a nulla, intrallazzoni incapaci di intrallazzare e perfino di eleggere un presidente della Repubblica. Eppure, in quest’ultima settimana di fumate nere, prima della rielezione di Mattarella e del ritorno allo status quo, la vituperata politica italiana è riuscita a riscrivere nientemeno che ‘Il Gattopardo’, siciliano e da quel sapore vagamente rétro che non passa mai di moda, proprio come Mattarella.

Il libro contiene il celebre passaggio “se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”, una specie di formula magica per vedere disvelato l’immobilismo che rende l’Italia quel che è. Ma quella frase sottintendeva uno sforzo innecessario che il Parlamento attuale, più pigro di una corte siciliana risorgimentale, non ha avuto alcuna intenzione di fare. E quindi se si vuole che tutto rimanga com’è, tanto vale non cambiare nulla. Ecco il colpo di genio, il passaggio che toglie perfino quell’aggrapparsi alle apparenze, che da sempre è il marchio di fabbrica di chi vuole mantenere il potere.


Una scena de ‘Il Gattopardo’ di Luchino Visconti

D’altronde, delegando a un tecnico e a una sorta di eterno presidente-papa i ruoli chiave della politica, i partiti e i loro leader chiedono apertamente il ruolo di attore non protagonista: nel grande cinema può valere un Oscar, ma in Italia non ci sono nemmeno più i Telegatti. Certo, c’è chi s’accontenta del Tapiro d’oro pur di strappare un minuto in più alle telecamere, misurando il consenso in punti di share in un Paese in cui il voto è prigioniero di un sistema elettorale alieno, nato per un bipolarismo che non c’è più.

Ma se tutto quel che vuoi è rimanere vivo e nulla più, lasciare tutto com’è, è la risposta. Ci sono organismi unicellulari poco ambiziosi che non hanno mai dovuto far nulla più che esistere per continuare a esistere. Molti partiti oggi applicano lo stesso schema. E funziona pure.


Salvini durante il voto alla Camera (Keystone)

Per non farsi mancare niente c’è stato anche il momento grottesco della candidatura di una donna, fatto senza alcuna convinzione. Prima Elisabetta Casellati, l’unica a crederci davvero, poi Elisabetta Belloni, oscura donna delle istituzioni capace di avere un seguito sbalorditivo per essere un individuo di cui l’italiano medio non sapeva e ancora oggi non sa nulla. Chi è Elisabetta Belloni? È di destra? È di sinistra? Cosa pensa dell’Europa? E del Gattopardo? È cattolica? Atea? Militarista? Pacifista? Juventina? Vegana? Capricorno? Non importava. Era diventata un’allegorica Marianne italiana a cui dare il Tricolore da sventolare sino al Quirinale. Tifoseria, nulla più. Lo stesso trasporto cieco per cui si sostiene Berrettini all’Australian Open o i Maneskin all’Eurovision. Che è anche giusto, ma la corsa alla presidenza non è un torneo di tennis né un festival musicale, anche se ormai si fa di tutto per renderla tale.


Elisabetta Belloni (Keystone)

Belloni magari era davvero il nome migliore di tutti, il futuro (o anche semplicemente il presente) che non si è avuto il coraggio di sostenere, però nessuno ci ha spiegato davvero perché, anche perché – diciamolo – non interessava a chi la osteggiava e ancor meno a chi la spingeva.

Mattarella, che aveva già fatto (fare) i pacchi per traslocare, resta dov’è. Si è sempre detto ‘l’inquilino del Quirinale’ indicando implicitamente che di lì si passava e non si restava. La differenza tra un presidente e un re, o un papa. ‘Solo contratti transitori di sette anni’, avrebbe recitato un ipotetico annuncio immobiliare. Al Quirinale si era ospiti, per servire il Paese, mai davvero padroni di casa. E invece eccolo lì, Sergio Mattarella: il residente della Repubblica.


Murale dedicato al trasloco di Mattarella (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved