riecco-mattarella-il-residente-della-repubblica
Sergio Mattarella (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
20 ore

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
3 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
3 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
4 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
4 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
5 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
5 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
6 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
1 sett

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
1 sett

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
Sguardo a Nord
1 sett

Casa dolce casa

Commento
1 sett

Il Tour, i Tir e quello striscione-verità

Il Mendrisiotto è attraversato da un moto di ribellione: dalle istituzioni al popolo. Colpa delle troppe corsie A2 e delle scarse attenzioni cantonali
31.01.2022 - 05:30
Aggiornamento: 18:51

Riecco Mattarella, il residente della Repubblica

Il presidente al secondo mandato. La politica abdica riscrivendo ‘Il Gattopardo’ per pigri: ‘Se vogliamo che tutto rimanga com’è, lasciamo tutto com’è’

Tutti a dare addosso ai politici italiani, bollati come scaldapoltrone buoni a nulla, intrallazzoni incapaci di intrallazzare e perfino di eleggere un presidente della Repubblica. Eppure, in quest’ultima settimana di fumate nere, prima della rielezione di Mattarella e del ritorno allo status quo, la vituperata politica italiana è riuscita a riscrivere nientemeno che ‘Il Gattopardo’, siciliano e da quel sapore vagamente rétro che non passa mai di moda, proprio come Mattarella.

Il libro contiene il celebre passaggio “se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”, una specie di formula magica per vedere disvelato l’immobilismo che rende l’Italia quel che è. Ma quella frase sottintendeva uno sforzo innecessario che il Parlamento attuale, più pigro di una corte siciliana risorgimentale, non ha avuto alcuna intenzione di fare. E quindi se si vuole che tutto rimanga com’è, tanto vale non cambiare nulla. Ecco il colpo di genio, il passaggio che toglie perfino quell’aggrapparsi alle apparenze, che da sempre è il marchio di fabbrica di chi vuole mantenere il potere.


Una scena de ‘Il Gattopardo’ di Luchino Visconti

D’altronde, delegando a un tecnico e a una sorta di eterno presidente-papa i ruoli chiave della politica, i partiti e i loro leader chiedono apertamente il ruolo di attore non protagonista: nel grande cinema può valere un Oscar, ma in Italia non ci sono nemmeno più i Telegatti. Certo, c’è chi s’accontenta del Tapiro d’oro pur di strappare un minuto in più alle telecamere, misurando il consenso in punti di share in un Paese in cui il voto è prigioniero di un sistema elettorale alieno, nato per un bipolarismo che non c’è più.

Ma se tutto quel che vuoi è rimanere vivo e nulla più, lasciare tutto com’è, è la risposta. Ci sono organismi unicellulari poco ambiziosi che non hanno mai dovuto far nulla più che esistere per continuare a esistere. Molti partiti oggi applicano lo stesso schema. E funziona pure.


Salvini durante il voto alla Camera (Keystone)

Per non farsi mancare niente c’è stato anche il momento grottesco della candidatura di una donna, fatto senza alcuna convinzione. Prima Elisabetta Casellati, l’unica a crederci davvero, poi Elisabetta Belloni, oscura donna delle istituzioni capace di avere un seguito sbalorditivo per essere un individuo di cui l’italiano medio non sapeva e ancora oggi non sa nulla. Chi è Elisabetta Belloni? È di destra? È di sinistra? Cosa pensa dell’Europa? E del Gattopardo? È cattolica? Atea? Militarista? Pacifista? Juventina? Vegana? Capricorno? Non importava. Era diventata un’allegorica Marianne italiana a cui dare il Tricolore da sventolare sino al Quirinale. Tifoseria, nulla più. Lo stesso trasporto cieco per cui si sostiene Berrettini all’Australian Open o i Maneskin all’Eurovision. Che è anche giusto, ma la corsa alla presidenza non è un torneo di tennis né un festival musicale, anche se ormai si fa di tutto per renderla tale.


Elisabetta Belloni (Keystone)

Belloni magari era davvero il nome migliore di tutti, il futuro (o anche semplicemente il presente) che non si è avuto il coraggio di sostenere, però nessuno ci ha spiegato davvero perché, anche perché – diciamolo – non interessava a chi la osteggiava e ancor meno a chi la spingeva.

Mattarella, che aveva già fatto (fare) i pacchi per traslocare, resta dov’è. Si è sempre detto ‘l’inquilino del Quirinale’ indicando implicitamente che di lì si passava e non si restava. La differenza tra un presidente e un re, o un papa. ‘Solo contratti transitori di sette anni’, avrebbe recitato un ipotetico annuncio immobiliare. Al Quirinale si era ospiti, per servire il Paese, mai davvero padroni di casa. E invece eccolo lì, Sergio Mattarella: il residente della Repubblica.


Murale dedicato al trasloco di Mattarella (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved