e-morto-sassoli-abbasso-sassoli-viva-sassoli-viva-me
David Sassoli (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
21 ore

Putin e l’arma della grande fame

Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
2 gior

Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai

La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
2 gior

Non è la panacea, ma proviamoci

La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
3 gior

Il disagio psichico e il circo Barnum dei social

Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
3 gior

Schröder, poltrone come matrioske

I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
4 gior

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
5 gior

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
5 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
6 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
1 sett

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
1 sett

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
1 sett

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
il commento
14.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 18:15

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi

Ne ferisce più la penna che la spada. Per non parlare della tastiera, che non solo ferisce, ma spesso uccide un uomo già morto. Perché sì, i nostri avi ci hanno messo secoli a capire come seppellire al meglio i nostri morti. Chissà quanto ci vorrà per imparare a seppellire i personaggi famosi sui social network.

Quel che – su Facebook e dintorni – ha fatto seguito alla morte di David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, sarebbe materiale buono almeno per un capitoletto di un manuale che purtroppo ancora non c’è.

Da una parte l’ennesima rappresentazione di Gesù Cristo in terra, l’umile, simpatico, empatico ex giornalista che stava salvando più o meno da solo l’Europa senza che nessuno lo sapesse (e lo dicesse) fino al giorno prima, dall’altra i complottisti amatoriali e di mestiere, che al posto delle ali usano la connessione internet per saltare come avvoltoi sull’ultimo cadavere ancora caldo. Lo fanno per tirare acqua al proprio mulino e somme di una matematica imprecisa e sbilenca, tutta loro.

Questi ultimi, sui social, spesso nascondono le loro facce dietro ad avatar e slogan, a volte perché una faccia non ce l’hanno – essendo profili inventati di sana pianta solo per aizzare polemiche – a volte perché hanno ancora quella briciola di amor proprio (ma non per gli altri) da nasconderla. Poi c’è chi la esibisce: ma si sa, le facce toste esistono da prima del web, solo che ne incrociavamo meno. L’immagine perfetta per dare un volto a tutti questi cannibali, che divorano – post dopo post – l’umanità pezzo a pezzo, è dentro un’acquaforte che si chiama “Las resueltas”, dove animali molto simili a pipistrelli si lanciano a tutta velocità contro un cadavere per spolparlo.


“Las resueltas”, acquaforte di Francisco Goya (Wikipedia)

“Las resueltas” fa parte delle 82 incisioni che formano “I disastri della guerra” di Francisco Goya (sì, proprio lui, quello, non a caso, de “Il sonno della ragione genera mostri”), dove l’artista spagnolo sembra fare – con due secoli d’anticipo – una precisa allegoria del nostro accapigliarci quotidiano: eppure parlava di altri morti, di guerra e carestie. Ma la morte, come diceva Totò, è una livella: ci rende tutti uguali. A differenziarci era, sarebbe, l’immagine che lasciamo in vita a chi ci sopravvive: ma ormai l’immagine che i personaggi più o meno famosi ci lasciano non è più la loro, ma lo specchio riflesso di chi la commenta. Un’istantanea del nostro ego e delle nostre certezze.

David Sassoli sembrava una brava persona che aveva saputo incarnare ideali di fratellanza e convivenza civile, uno stimato professionista, un politico non urlatore, forse per via dei privilegi che in parte aveva avuto in sorte e in parte si era guadagnato. Chi era davvero David Sassoli, come per tutti noi, resta incastrato nella famosa frase di Gabriel García Márquez: “Abbiamo tutti una vita pubblica, una privata e una segreta”. E sia chiaro, non è un’insinuazione, ma solo pratica del beneficio del dubbio, quello che non esercita mai chi celebra un morto oltremisura per celebrare in realtà sé stesso, una vicinanza fisica o di pensiero, spesso casuale, fittizia e illusoria come un’amicizia superficiale, una breve intervista, una colazione al bar, un tratto di strada assieme.

Lo stesso identico dubbio ignorato da chi sputa veleno su un morto in un reparto oncologico per una disfunzione al sistema immunitario dando la colpa al vaccino. Chi si spiega tutta la vita come un complotto, ribalta ogni cosa rispetto al suo significato. Un po’ come l’onnipresente “Rip”, che si moltiplica svuotato sulle bacheche social: non più “riposa in pace”, ma “in polemica”.


Uno dei messaggi social che mette in correlazione la morte di Sassoli con il vaccino (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
david sassoli facebook francisco goya morte paolo becchi social
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved