e-morto-sassoli-abbasso-sassoli-viva-sassoli-viva-me
David Sassoli (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
4 ore

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
2 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
3 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
3 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
4 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
5 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
6 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
Commento
1 sett

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
il commento
14.01.2022 - 05:300
Aggiornamento : 18:15

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi

Ne ferisce più la penna che la spada. Per non parlare della tastiera, che non solo ferisce, ma spesso uccide un uomo già morto. Perché sì, i nostri avi ci hanno messo secoli a capire come seppellire al meglio i nostri morti. Chissà quanto ci vorrà per imparare a seppellire i personaggi famosi sui social network.

Quel che – su Facebook e dintorni – ha fatto seguito alla morte di David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, sarebbe materiale buono almeno per un capitoletto di un manuale che purtroppo ancora non c’è.

Da una parte l’ennesima rappresentazione di Gesù Cristo in terra, l’umile, simpatico, empatico ex giornalista che stava salvando più o meno da solo l’Europa senza che nessuno lo sapesse (e lo dicesse) fino al giorno prima, dall’altra i complottisti amatoriali e di mestiere, che al posto delle ali usano la connessione internet per saltare come avvoltoi sull’ultimo cadavere ancora caldo. Lo fanno per tirare acqua al proprio mulino e somme di una matematica imprecisa e sbilenca, tutta loro.

Questi ultimi, sui social, spesso nascondono le loro facce dietro ad avatar e slogan, a volte perché una faccia non ce l’hanno – essendo profili inventati di sana pianta solo per aizzare polemiche – a volte perché hanno ancora quella briciola di amor proprio (ma non per gli altri) da nasconderla. Poi c’è chi la esibisce: ma si sa, le facce toste esistono da prima del web, solo che ne incrociavamo meno. L’immagine perfetta per dare un volto a tutti questi cannibali, che divorano – post dopo post – l’umanità pezzo a pezzo, è dentro un’acquaforte che si chiama “Las resueltas”, dove animali molto simili a pipistrelli si lanciano a tutta velocità contro un cadavere per spolparlo.


“Las resueltas”, acquaforte di Francisco Goya (Wikipedia)

“Las resueltas” fa parte delle 82 incisioni che formano “I disastri della guerra” di Francisco Goya (sì, proprio lui, quello, non a caso, de “Il sonno della ragione genera mostri”), dove l’artista spagnolo sembra fare – con due secoli d’anticipo – una precisa allegoria del nostro accapigliarci quotidiano: eppure parlava di altri morti, di guerra e carestie. Ma la morte, come diceva Totò, è una livella: ci rende tutti uguali. A differenziarci era, sarebbe, l’immagine che lasciamo in vita a chi ci sopravvive: ma ormai l’immagine che i personaggi più o meno famosi ci lasciano non è più la loro, ma lo specchio riflesso di chi la commenta. Un’istantanea del nostro ego e delle nostre certezze.

David Sassoli sembrava una brava persona che aveva saputo incarnare ideali di fratellanza e convivenza civile, uno stimato professionista, un politico non urlatore, forse per via dei privilegi che in parte aveva avuto in sorte e in parte si era guadagnato. Chi era davvero David Sassoli, come per tutti noi, resta incastrato nella famosa frase di Gabriel García Márquez: “Abbiamo tutti una vita pubblica, una privata e una segreta”. E sia chiaro, non è un’insinuazione, ma solo pratica del beneficio del dubbio, quello che non esercita mai chi celebra un morto oltremisura per celebrare in realtà sé stesso, una vicinanza fisica o di pensiero, spesso casuale, fittizia e illusoria come un’amicizia superficiale, una breve intervista, una colazione al bar, un tratto di strada assieme.

Lo stesso identico dubbio ignorato da chi sputa veleno su un morto in un reparto oncologico per una disfunzione al sistema immunitario dando la colpa al vaccino. Chi si spiega tutta la vita come un complotto, ribalta ogni cosa rispetto al suo significato. Un po’ come l’onnipresente “Rip”, che si moltiplica svuotato sulle bacheche social: non più “riposa in pace”, ma “in polemica”.


Uno dei messaggi social che mette in correlazione la morte di Sassoli con il vaccino (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved