COB Jackets
1
OTT Senators
2
fine
(1-1 : 0-1 : 0-0)
NJ Devils
2
LA Kings
3
3. tempo
(2-1 : 0-1 : 0-1)
Seattle Kraken
0
FLO Panthers
1
1. tempo
(0-1)
VAN Canucks
STL Blues
04:00
 
il-discorso-di-candidatura-di-zemmour-con-de-gaulle-e-brassens
Keystone
“Mi sa che mi son scordato Jacques Tati”
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

L’eterno ritorno di Hillary Clinton e la mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo l’ex first lady per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
2 gior

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
3 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
4 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
5 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
6 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
6 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
1 sett

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
1 sett

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
1 sett

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
1 sett

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
 
01.12.2021 - 05:300
Aggiornamento : 17:23

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo

«Il Paese di Giovanna d’Arco e di Luigi XIV, il Paese di Bonaparte e del generale de Gaulle, il Paese dei cavalieri e delle damigelle, il Paese di Victor Hugo e di Chateaubriand (lo scrittore, non il filetto), il Paese di Pascal e di Descartes» e così via di anafora in anafora, inanellando in un vertiginoso bignami dell’orgoglio francese Molière e Lavoisier, il Gavroche dei Miserabili e il Johnny Hallyday di ‘Viens danser le twist’, Pasteur e Clemenceau, i ‘poilus du 14’, che hanno fatto la guerra, e Brigitte Bardot, che ha fatto Brigitte Bardot. E poi ancora Barbara, Aznavour, Gabin, Delon. E il Concorde. E le centrali nucleari (giuro).

Il video di candidatura all’Eliseo di Éric Zemmour è anzitutto un inno spudorato alla Francia che fu, dieci minuti di effetto-nostalgia che accostano idilliache immagini d’archivio – i bei tempi di quando il macellaio ti teneva da parte l’andouillette e potevi parcheggiare in Place Vendôme – a brutali scene di teppismo urbano. Nelle prime son tutti bianchi, nelle seconde tutti neri. Il messaggio è chiaro, enfatizzato dal tono grave e lento di Zemmour, come si fa coi moribondi e gli storditi: «Camminate per le strade della vostra città, ma non la riconoscete. Guardate i vostri schermi e sentite parlare una lingua strana e, diciamolo, straniera… Non vi siete trasferiti, eppure non vi sentite più a casa vostra».

La messinscena ricorda un po’ la bimbetta ariana di una recente pubblicità Udc, quella che si lamentava geriatricamente degli immigrati e di non trovar posto sul tram. Ma qui siamo a un livello ancora più estremo: non si fa neppure finta di negare la bufala del ‘grand remplacement’, della sostituzione dei ‘veri’ francesi a opera di islamisti, jihadisti, teppisti, terzomondisti, europeisti, comunisti, genderisti e gommisti (la passione per le liste di Zemmour è contagiosa).

L’effetto è quello di un signore poco raccomandabile che prende per mano l’omarello smarrito e lo conduce alla riscossa del Paese: «Non è più tempo di riformare la Francia, ma di salvarla». Pazienza se nel momento di massima celebrazione della bellezza francese si mette in mostra la piramide del Louvre, forma egizia ridisegnata da un cinese naturalizzato americano. O se i passaggi più drammatici sono sottolineati dagli archi della Settima sinfonia composta da un tedesco. O ancora se certe frasi sono prese pari pari dai classici della retorica politica americana: il “governo del popolo, dal popolo, per il popolo” del Lincoln di Gettysburg, o quel ripetuto “nous les Français” che fa tanto “We, the People”, oltre a ricordare una sgarzolina marcetta di Georges Milton. Tanto copre tutto la salsa burrosa dello sciovinismo – “siamo tra le potenze che hanno fatto la Storia del mondo” – in quella che pare a tutti gli effetti una caricatura del francese arrogante, talmente protervo da risultare ridicolo: come quando si commuove per la nazione “leggera e brillante”, “intelligente e stravagante”, neanche fosse la réclame della Twingo.

D’altronde Zemmour mette le mani avanti: non teme “les quolibets et les crachats”, battutacce e sputi, e chiede ai suoi di non temere, anche se “vi chiameranno razzisti” (ma guarda un po’). L’importante è tenere lo sguardo fisso sulla gloria all’orizzonte, o meglio sullo specchietto retrovisore, insomma: su quelle neiges d’antan che hanno fatto la fine delle mezze stagioni, della buona educazione tra i giovani e del Concorde. Dispiace solo che in mezzo alla nomenclatura amata da Zemmour sia finito anche Georges Brassens, il quale se fosse ancora vivo risponderebbe probabilmente con un suo celebre ritornello a tanta nostomania: ‘Le temps ne fait rien à l’affaire / Quand on est con, on est con’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved