ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
5 ore

Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto

Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
5 ore

L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi

Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
1 gior

Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia

Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
3 gior

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
3 gior

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
4 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
5 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
6 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
1 sett

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 sett

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 sett

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
1 sett

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
laR
 
01.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 17:23

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo

il-discorso-di-candidatura-di-zemmour-con-de-gaulle-e-brassens
Keystone
“Mi sa che mi son scordato Jacques Tati”

«Il Paese di Giovanna d’Arco e di Luigi XIV, il Paese di Bonaparte e del generale de Gaulle, il Paese dei cavalieri e delle damigelle, il Paese di Victor Hugo e di Chateaubriand (lo scrittore, non il filetto), il Paese di Pascal e di Descartes» e così via di anafora in anafora, inanellando in un vertiginoso bignami dell’orgoglio francese Molière e Lavoisier, il Gavroche dei Miserabili e il Johnny Hallyday di ‘Viens danser le twist’, Pasteur e Clemenceau, i ‘poilus du 14’, che hanno fatto la guerra, e Brigitte Bardot, che ha fatto Brigitte Bardot. E poi ancora Barbara, Aznavour, Gabin, Delon. E il Concorde. E le centrali nucleari (giuro).

Il video di candidatura all’Eliseo di Éric Zemmour è anzitutto un inno spudorato alla Francia che fu, dieci minuti di effetto-nostalgia che accostano idilliache immagini d’archivio – i bei tempi di quando il macellaio ti teneva da parte l’andouillette e potevi parcheggiare in Place Vendôme – a brutali scene di teppismo urbano. Nelle prime son tutti bianchi, nelle seconde tutti neri. Il messaggio è chiaro, enfatizzato dal tono grave e lento di Zemmour, come si fa coi moribondi e gli storditi: «Camminate per le strade della vostra città, ma non la riconoscete. Guardate i vostri schermi e sentite parlare una lingua strana e, diciamolo, straniera… Non vi siete trasferiti, eppure non vi sentite più a casa vostra».

La messinscena ricorda un po’ la bimbetta ariana di una recente pubblicità Udc, quella che si lamentava geriatricamente degli immigrati e di non trovar posto sul tram. Ma qui siamo a un livello ancora più estremo: non si fa neppure finta di negare la bufala del ‘grand remplacement’, della sostituzione dei ‘veri’ francesi a opera di islamisti, jihadisti, teppisti, terzomondisti, europeisti, comunisti, genderisti e gommisti (la passione per le liste di Zemmour è contagiosa).

L’effetto è quello di un signore poco raccomandabile che prende per mano l’omarello smarrito e lo conduce alla riscossa del Paese: «Non è più tempo di riformare la Francia, ma di salvarla». Pazienza se nel momento di massima celebrazione della bellezza francese si mette in mostra la piramide del Louvre, forma egizia ridisegnata da un cinese naturalizzato americano. O se i passaggi più drammatici sono sottolineati dagli archi della Settima sinfonia composta da un tedesco. O ancora se certe frasi sono prese pari pari dai classici della retorica politica americana: il “governo del popolo, dal popolo, per il popolo” del Lincoln di Gettysburg, o quel ripetuto “nous les Français” che fa tanto “We, the People”, oltre a ricordare una sgarzolina marcetta di Georges Milton. Tanto copre tutto la salsa burrosa dello sciovinismo – “siamo tra le potenze che hanno fatto la Storia del mondo” – in quella che pare a tutti gli effetti una caricatura del francese arrogante, talmente protervo da risultare ridicolo: come quando si commuove per la nazione “leggera e brillante”, “intelligente e stravagante”, neanche fosse la réclame della Twingo.

D’altronde Zemmour mette le mani avanti: non teme “les quolibets et les crachats”, battutacce e sputi, e chiede ai suoi di non temere, anche se “vi chiameranno razzisti” (ma guarda un po’). L’importante è tenere lo sguardo fisso sulla gloria all’orizzonte, o meglio sullo specchietto retrovisore, insomma: su quelle neiges d’antan che hanno fatto la fine delle mezze stagioni, della buona educazione tra i giovani e del Concorde. Dispiace solo che in mezzo alla nomenclatura amata da Zemmour sia finito anche Georges Brassens, il quale se fosse ancora vivo risponderebbe probabilmente con un suo celebre ritornello a tanta nostomania: ‘Le temps ne fait rien à l’affaire / Quand on est con, on est con’.

Leggi anche:

La Greta dell'Udc è nata un secolo fa (ma ora fa ridere)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved