cristo-si-e-fermato-a-swiebodzin
Migranti si scaldano al confine tra Polonia e Bielorussia (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
11 ore

L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’

Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
1 gior

Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij

Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
1 gior

Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese

Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
3 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
4 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
6 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
6 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 sett

Le conseguenze della guerra

Commento
1 sett

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
1 sett

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
1 sett

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
11.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 19.11.2021 - 17:43

Cristo si è fermato a Swiebodzin

La cattolicissima Polonia si vanta della sua enorme statua del Cristo Re, ma sui migranti si dimentica dei suoi insegnamenti, come l’Ue e la Svizzera

A Swiebodzin, nella cattolicissima Polonia, c’è la statua del Cristo Re più alta d’Europa. Ma i fedeli polacchi, che hanno contribuito alla sua realizzazione con 1 milione e mezzo di euro, dicono che è la più alta del mondo, ridefinendo il confine – sempre molto labile – tra miracolo, bugia e autoinganno, visto che la statua è alta 36 metri, il Cristo Redentore di Rio è alto 38 e in Indonesia ce n’è una alta quaranta. Per guadagnare qualche metro contano anche la collinetta su cui poggia la statua, ricordando le tragicomiche misurazioni nella commedia con Hugh Grant “L’uomo che salì sulla collina e scese dalla montagna”: nel film, ambientato nel 1917, un intero villaggio gallese si dannava perché, per poco, la loro cima non misurava i 1’000 piedi che l’avrebbero resa una montagna.

Nel giorno dell’inaugurazione della statua di Swiebodzin, il 6 novembre 2010, il sacerdote Sylwester Zawadzki aveva dichiarato che era il giorno più bello della sua vita “perché, da sempre, i suoi sogni erano diventare prete e costruire la statua”.

Da qualche giorno la cattolicissima Polonia sta respingendo 4mila migranti assiepati nella terra di nessuno che la unisce e la divide dalla Bielorussia, ridefinendo il confine – sempre più labile – tra bugia, nazionalismo, menefreghismo e carità cristiana e il concetto stesso di confine. È la stessa Polonia che zittisce i giornali non allineati, vota leggi liberticide e che dall’Europa prende fondi per riempire fondine e alzare muri. Lei che dietro a un muro era finita e che l’Europa ha accolto, per amore sì, ma del mercato.


Il Cristo Re di Swiebodzin (Keystone)

Lo scorso weekend un gruppo di civili armati ha formato un commando per pattugliare la frontiera, come se dall’altra parte ci fosse l’Armata Rossa. C’erano famiglie di disperati, persone per cui non sembra esserci posto in una nazione con 38 milioni di abitanti. Certo, Giovanni Paolo II, figlio della cattolicissima Polonia, tra le tante cose che ha detto – e spesso si contraddicono (vale per noi e pure per i papi) – ha detto anche questo: “Bisogna esercitare il controllo dei flussi migratori in considerazione delle esigenze del bene comune. L’accoglienza deve realizzarsi nel rispetto delle leggi e salvaguardare il patrimonio culturale proprio di ogni nazione”. Messa così sembra un discorso di Orbán.

Eppure era lo stesso Papa che, quando parlava dei polacchi intrappolati dietro la Cortina di ferro, diceva “non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! Alla sua salvatrice potestà aprite i confini degli Stati, i sistemi economici come quelli politici... non abbiate paura! Cristo sa cosa è dentro l’uomo. Solo Lui lo sa!”. Ecco, magari non solo Lui, di sicuro non il governo polacco né l’Unione europea, che riceve premi Nobel e consegna premi Sacharov, pulendosi la coscienza come quei mafiosi che usano il confessionale come una lavanderia per sciacquarsi via il sangue dall’anima.

L’Europa, per quel che rappresenta, ha il dovere di risolvere questa crisi umanitaria. Così come la Svizzera, che invece nega la naturalizzazione a un capoverdiano per un parabrezza sbrinato male e finora ha detto sì a tre richieste di asilo politico sulle quasi ottomila arrivate dall’Afghanistan. Evidentemente, questa volta Cristo si è fermato a Swiebodzin, a contemplare una statua con una corona d’oro che gli somiglia poco e una cattolicissima Polonia che non gli somiglia per niente.


Le forze di polizia polacche dietro al filo spinato (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved