ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
23 ore

Da Guzmán a Messina Denaro

Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
1 gior

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
3 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
3 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
4 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
5 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
5 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
6 gior

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
1 sett

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
laR
 
04.11.2021 - 05:30
Aggiornamento: 11:51

I deliri complottisti dell’Udc Donald Moos

Il neopresidente della sezione vallesana sposa le tesi più infondate sul ruolo di Gates, Soros e compagnia nella diffusione della pandemia.

di Franco Zantonelli
i-deliri-complottisti-dell-udc-donald-moos
Capro espiatorio (Keystone)

“Mamma, ho perso l’aereo”, verrebbe da commentare dopo che la compagnia United Airlines ha lasciato a terra, a Kloten, Marco Chiesa, presidente dell’Udc svizzera, giunto in ritardo per prendere un volo che lo avrebbe dovuto portare negli Stati Uniti insieme a una delegazione parlamentare elvetica. “Mamma, ho perso la trebisonda” viene invece da dire di fronte alle teorie complottiste oggi in voga in molti ambienti di destra e abbracciate da Donald Moos, fresco presidente romando dell’Udc vallesana. L’ennesimo strappo democentrista, dopo la maglietta che strizzava l’occhio ai No vax indossata da Ueli Maurer che il Consiglio Federale, nel nome della collegialità, si è ben guardato dal sanzionare.

Ma cosa ha detto il presidente di una frazione dell’Udc vallesana, per balzare agli onori della cronaca? In un frullato di affermazioni degne dei peggiori slogan di movimenti del calibro di Forza Nuova, Moos, che di mestiere fa il fiduciario, ha attribuito la responsabilità della pandemia alla solita cupola di avidi magnati quali Bill Gates e George Soros, il cui obiettivo sarebbe quello di asservire l’intera umanità ai loro interessi. Interessi ‘demoplutocratici’ li avrebbero sprezzantemente definiti Benito Mussolini e la sua banda. Il Coronavirus, rincara il politico vallesano, sarebbe stato concepito in laboratorio, come una vera e propria arma biologica. Tra i protagonisti dei vaneggiamenti di Moos troviamo pure il fondatore del World economic forum, Klaus Schwaab, colpevole di aver spiegato come il mondo possa resettarsi dopo il Covid-19.

Non è chiaro se l’esponente democentrista vallesano, divulgando il suo pensiero complottista, intenda sostenere il referendum contro la legge Covid-19 su cui saremo chiamati alle urne il 28 novembre. Qualche imbarazzo di certo lo creerà anche all’interno del suo partito, visto che, ad esempio, la sezione Udc di Argovia si è dichiarata a favore della legge Covid-19.

Moos ha, per contro, ricevuto la benedizione di un ex pezzo da novanta dell’Udc svizzera, l’ex vicepresidente del partito ed ex-Consigliere Nazionale Oskar Freysinger: “Saluto il coraggio di quest’uomo”, così lo ha gratificato del proprio appoggio colui che, un tempo, è stato il codino più popolare della Svizzera dopo Giuliano Bignasca. Per Freysinger, che quando era un politico in voga non ebbe alcun ritegno a solidarizzare con Marine Le Pen, “il solo fatto di avere una voce discordante salva l’onore della democrazia”. Per capire – meglio ancora: ribadire – con chi abbiamo a che fare, quale sia cioè il milieu in cui gravitano personaggi come Moos, basta riandare a un frammento della vita di Freysinger, che in uno sgabuzzino di casa conservava gelosamente una bandiera creata nel 1871 dall’Impero tedesco e poi ripresa dai nazisti, che dal simbolo al centro dello stendardo ricavarono la croce uncinata. Quel simbolo, una volta proibita la croce uncinata, è diventato una sorta di elemento di identificazione per i neonazisti.

Fatto sta che siamo sempre lì, alla ricerca di un nemico da inventarci, o per scaricare frustrazioni represse, oppure perché facendo leva sulle frustrazioni altrui ci costruiamo una carriera politica.

Leggi anche:

Le teorie complottiste del neopresidente Udc del Vallese romando

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved