schiave-invisibili-dei-trafficanti
(foto Sabine Rock)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
10 ore

Il Ddl Zan e il muoia Sansone della sinistra italiana

La bocciatura della legge contro l’omofobia è il suo ennesimo errore strategico, figlio di arroganza e incapacità di raggiungere compromessi
Commento
1 gior

Spesa e tagli, perché il no del Ps al referendum non convince

Il non contrastare l’iniziativa Morisoli raccogliendo le firme è un’occasione persa. Se la situazione è davvero così grave meglio l’attacco della difesa
Commento
2 gior

Sostiene Barbero (sfidando l’uragano)

Da qualche giorno il famoso medievista è bersaglio di uno ‘shitstorm’ per una sua opinione sulle disparità sociali di genere
LA TRAVE NELL’OCCHIO
3 gior

Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco

La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
3 gior

Il San Gottardo senza i social

Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
5 gior

Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse

Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
6 gior

È giunta l’ora delle aggregazioni

Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
1 sett

Quelli col poster di Ronald Reagan

L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
1 sett

Per un salario certificato

Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
1 sett

Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente

Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
Commento
1 sett

Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine

Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
il commento
1 sett

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
Commento
17.09.2021 - 10:440
Aggiornamento : 15:18

Schiave invisibili dei trafficanti

Per incastrare i criminali servono testimoni, ma le vittime vanno difese meglio e sostenute, altrimenti nessuno parla

La schiavitù esiste ancora per donne, bambini e uomini: schiavi e schiave. Sono persone sfruttate in cantieri o ristoranti senza paga, obbligate a vendere il loro corpo in condizioni disumane, forzate a lavori domestici e baby-sitting 7 giorni su 7. Vivono come fantasmi a Losanna, Zurigo, Lugano. Senza permesso, senza diritti. Sono schiavi perché subiscono violenza, controllo, minacce e non possono decidere liberamente della propria vita, in spregio ad ogni diritto di umanità e giustizia. Attirati in Svizzera con false promesse, spesso da connazionali che credevano amici, arrivano qui illegalmente e poi devono sgobbare da mattina a sera senza salario. Nelle orecchie sempre il solito ritornello: ‘Tieni la bocca chiusa, altrimenti ti denuncio e avrai sgobbato per niente! Se parli, ti arrestano perché qui tu non puoi lavorare senza un permesso’. Forzati a lavorare per ripagare un debito di viaggio esorbitante (dai 25 ai 60 mila franchi), contratto spesso a seguito di frodi. Diversi casi stanno emergendo nella moderna Svizzera, dove qualche mese fa per la prima volta, i 4 consultori elvetici specializzati nella lotta contro la tratta di esseri umani - riuniti in una piattaforma comune - hanno dato qualche cifra: 174 nuove vittime nel 2020. Dietro questi numeri ci sono storie allucinanti che svelano un volto opaco della Svizzera. Purtroppo sono solo la punta dell’iceberg di un fenomeno molto più diffuso (perché poco indagato) che non riguarda solo l’ambito della prostituzione, stanno emergendo situazioni di sfruttamento della forza lavoro (ad esempio nell’impiego domestico e nella ristorazione) e attività illecite (accattonaggio e furti forzati) svolte sotto costrizione.

La tratta di esseri umani è un crimine per sua natura nascosto, perseguibile d’ufficio: per contrastarlo sono necessari un occhio esperto e la volontà politica di combatterlo.

Senza la collaborazione delle vittime è difficile, se non impossibile, avviare inchieste di polizia e arrivare ad una condanna, di conseguenza le reti criminali continuano indisturbate a fare i loro loschi traffici e rafforzarsi soprattutto in quei cantoni dove l’assistenza alle vittime è insufficiente. In Ticino manca un dispositivo professionale per l’accompagnamento e la protezione di queste persone. Diversa la situazione nel Canton Vaud, un esempio virtuoso che vi raccontiamo, dove grazie alla volontà politica di combattere questo crimine, si sono investiti soldi e molte vittime di tratta stanno uscendo dall’ombra. In pochi anni, si è passati da 10 a 75 casi. Grazie al lavoro di identificazione e accompagnamento fatto dall’associazione Astrée a Losanna, queste vittime, in alcuni casi minorenni, hanno iniziato a collaborare con le autorità giudiziarie. Secondo la codirettrice dell’antenna, Angela Oriti, ci sono anche in Ticino, ma se non si fa nulla per identificarle, proteggerle e assisterle, questo crimine resta un fenomeno sommerso.

I venti casi emersi lo scorso anno in Ticino potrebbero essere molti di più. La Svizzera ha firmato la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani e deve quindi applicare i diritti delle vittime.

Scoperchiato il vaso di pandora, emergono situazioni allucinanti. In un cantiere di Ginevra sono stati scoperti operai clandestini dell’Est pagati tra 20 centesimi e 6 franchi l’ora. L’imprenditore lituano che li aveva reclutati con l’inganno e sfruttati è stato condannato a sei anni per tratta di esseri umani. Condannata anche una coppia dell’Est di Winterthur: la loro tata in nero, a cui avevano tolto il passaporto, doveva lavorare fino a tarda notte, 7 giorni su 7, con poca o nessuna paga.
Grazie al coraggio delle vittime gli autori sono stati condannati. Già, ma alla fine del processo che succede alla vittima? Secondo disposizioni internazionali dovrebbero ottenere un permesso di soggiorno indipendentemente dalla collaborazione con le autorità giudiziarie. Questo in teoria, in pratica queste persone possono essere rispedite a casa loro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved