fiscalita-socialita-e-il-rischio-del-dare-per-avere
È giunta l'ora di intrecciare le 'giuste alleanze' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
21 ore

Matrimoni riusciti e altri da ricucire

I diritti riconosciuti alle famiglie Lgbtq+ riflettono una società che cambia rapidamente sul piano dei diritti civili. Quanto a quelli sociali, mica tanto
SGUARDO A NORD
21 ore

Note per un riformismo senza paternalismo

Per creare più giustizia sociale e ambientale le autorità devono apparire autorevoli, non autoritarie
Commento
2 gior

Il lato B di Silvio

Una mostra a Milano celebra l’anziano tycoon nel periodo che va dal ’56 al ’93. Ma il ventennio politico di Berlusconi dove lo mettiamo?
Commento
3 gior

Precisione in velocità, rispetto nell’intensità

Dopo il fattaccio Semine-Locarno sono in arrivo sanzioni esemplari. Ma l’augurio resta che il calcio regionale ritrovi i veri valori dello sport amatoriale
Commento
3 gior

Procuratori, se il candidato non è di area (partitica)

Il Gran Consiglio sarà chiamato presto a eleggere tre pp. Lottizzazione o competenze? Intanto gli esperti indicano quella che considerano la candidatura migliore
La formica rossa
3 gior

Il ‘tiro al piccione’ e l’ornitologia leghista

Per Boris Bignasca è solo un pretestuoso ciangottare quello che investe il finto sindacato leghista TiSin
Commento
4 gior

L’Arsenal e i milioni del dittatore del Ruanda

Il club inglese si fa sponsorizzare da Kagame, il padre-padrone che condanna sommariamente gli avversari politici, compreso l’eroe di Hotel Rwanda
LA TRAVE NELL’OCCHIO
5 gior

Ricchezza: pochi su e tanti giù

L’aumento delle diseguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino
Commento
5 gior

La ‘strigliata’ di Vitta e una politica che deve guardare al futuro

Rilancio del Cantone e riequilibrio delle finanze, finora il menu uscito dai partiti è vario ma confuso. Serviranno sintesi e convergenze: ‘Non si scappa’
L'ANALISI
6 gior

Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità

A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
6 gior

Putin ha vinto, ma un po’ meno

Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
 
11.09.2021 - 05:000

Fiscalità, socialità e il rischio del 'dare per avere'

Autunno politico: sulle spalle del Ppd (e non solo) grava ora un’enorme responsabilità, quella della coerenza.

Il vero rischio della valida iniziativa fiscale del Ppd è che finisca per diventare moneta di scambio in Gran Consiglio, ovvero un dare per avere tra i partiti di centro. Se da un lato appare sensata l’idea di introdurre una deduzione a livello di imposte per il canone d’affitto pagato dai contribuenti del ceto medio (il 30% del costo della locazione, massimo 8mila franchi, per le persone con figli a carico e un reddito netto inferiore a 100mila franchi; fino a 6mila franchi per le persone sole con un reddito massimo di 75mila); dall’altro il “costo” per il fisco dell’eventuale approvazione di questa iniziativa in parlamento potrebbe essere molto più alto dei 40 milioni ipotizzati: in sostanza il doppio, se pur di ottenerla i popolari democratici dovessero dare il proprio nullaosta agli sgravi voluti dal partito liberale – al momento è quasi inutile continuare ad aggiungere ‘radicale’ alla fine – per i grandi contribuenti. Tutto questo in un contesto di conti pubblici in profondo rosso: l’ultimo aggiornamento del preventivo 2021 parla di 156 milioni di deficit.

In pratica il timore è che i pipidini, pur di fare passare la loro proposta, si vedano tentati a scendere a compromessi con il Plr: ‘Votateci la nostra, noi vi votiamo la vostra’, potrebbe essere il ‘gentlemen’s agreement’ tra i due presidentissimi, fino a poco fa acerrimi nemici. “Speziali mente sapendo di mentire”, tuonava Dadò subito dopo l’affaire Ghisolfi. “Accuse irriflessive e impetuose”, la replica di Speziali. Ma il tempo passa e la politica è brava a dimenticare, soprattutto quando cominciano a scaldarsi i motori della campagna elettorale…

Sta di fatto che sulle spalle del Ppd (e non solo) grava ora un’enorme responsabilità: quella della coerenza. Di per sé l’idea di lasciare circa 500 franchi in più all’anno nelle tasche di liberi professionisti, piccoli e medi imprenditori e quadri aziendali – i principali beneficiari dell’iniziativa ‘Anche la casa pesa’–, lo ribadiamo, è buona: sono soldi che sicuramente confluiranno nell’economia reale. Diventeranno facilmente consumo, quindi gettito, quindi posti di lavoro. È questo il distinguo fondamentale rispetto all’iniziativa dei liberali per sgravare i ricchi e ricchissimi. Difficilmente la riduzione dell’aliquota delle persone facoltose voluta dal Plr avrebbe delle ripercussioni concrete sull’occupazione e sul Pil. È invece altamente probabile che la liquidità in più, frutto degli sgravi, una volta lasciata in mano ai grandi contribuenti finisca investita sui mercati finanziari o in qualche modo tesaurizzata. Motivo per cui il riscontro per l’economia ticinese risulterebbe praticamente nullo.

D’altro canto non ha tutti i torti Ivo Durisch, capogruppo del Ps, quando dice che la fiscalità non è lo strumento adeguato per fare socialità. In effetti la misura promossa dal Ppd non va ad aiutare le fasce più vulnerabili della popolazione: disoccupati, precari, famiglie monoparentali. Loro sono esenti dalle imposte. Ai socialisti però non dovrebbe sfuggire l’idoneità della misura proposta dai popolari democratici da un punto di vista macroeconomico, e cioè in termini keynesiani, quale forma di sostegno alla domanda aggregata.

A Ppd e Ps quindi il compito di intrecciare le “giuste alleanze” per favorire una politica sociale degna del suo nome, sorretta da una fiscalità al servizio della cittadinanza e non viceversa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved