Genoa
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
eppure-il-vaccino-non-fa-l-unanimita
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
10 ore

L’eterno ritorno di Hillary Clinton e la mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo l’ex first lady per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
1 gior

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
2 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
3 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
4 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
4 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
5 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
1 sett

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
1 sett

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
1 sett

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
 
09.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:13

Eppure il vaccino non fa l'unanimità

Forse un primo passo per vincere qualche resistenza del fronte no-vax sarebbe quello di ripristinare la gratuità dei test diagnostici

L’unica alternativa a nuovi lockdown si chiama Covid pass. Sembra essere questa, in estrema sintesi, la conclusione alla quale è giunto ieri il Consiglio federale. In effetti il governo ha deciso di non attendere oltre e di estendere a partire da lunedì prossimo l’uso obbligatorio del certificato Covid praticamente a tutte le attività al chiuso: bar, ristoranti, musei, teatri, palestre, piscine. Questo per evitare, appunto, di dover attuare misure più restrittive, come successo lo scorso autunno.

Nel frattempo in Ticino anche il Consiglio di Stato si è mosso, decidendo l’obbligatorietà di eseguire test regolari al personale sanitario non vaccinato e adottando l’uso del certificato per i visitatori di cliniche e ospedali. Nelle scuole, poi, il governo cantonale ha mantenuto l’obbligo delle mascherine in aula per i docenti e per gli allievi delle Medie non vaccinati almeno fino alle vacanze autunnali.

Alla base delle decisioni governative, sia a livello federale che a livello cantonale, vi è la volontà di evitare il sovraccarico delle strutture sanitarie, alle prese con una situazione particolarmente tesa nei reparti di cure intense: ad oggi circa l’85% dei letti in terapia intensiva è occupato. Tra le persone ricoverate “che lottano per la propria sopravvivenza”, ha ribadito ieri il consigliere federale Alain Berset, nove su dieci non sono vaccinate. Ed è per questo che le autorità hanno rinnovato con determinazione l’appello affinché più persone si vaccinino il più rapidamente possibile.

Ma lo sappiamo: il vaccino non fa l’unanimità. È un dato di fatto che sarebbe imprudente ignorare di fronte a circa metà della popolazione non ancora vaccinata, tra cui diversi apertamente contrari all’inoculazione del siero. A livello sociale poi si accentua sempre di più la spaccatura tra pro-vax e no-vax.

Lontani restano i primi tempi della pandemia, quelli degli applausi al personale sanitario dai balconi e delle catene di solidarietà spontanea per assistere le persone anziane. Oggi invece lo scenario è tutt’altro, quasi di scontro aperto tra due fazioni.

Questo “dialogo tra sordi”, come scriveva ieri su queste colonne la consigliera nazionale Greta Gysin, non è di certo la via che ci permetterà di proteggerci in modo efficace dal virus, e tanto meno di lasciarci alle spalle la pandemia. Il Covid pass è un valido strumento di prevenzione, ma probabilmente è poco adatto a convincere le persone più scettiche a vaccinarsi. Ed è pure vero ciò che afferma il presidente della Confederazione, Guy Parmelin: “I titolari del pass avranno vantaggi notevoli rispetto alle persone che ne sono sprovviste”.

Forse un primo passo per vincere qualche resistenza del fronte anti-vaccino sarebbe quello di ripristinare la gratuità dei test diagnostici. E così garantire la parità di trattamento a tutte le persone di fronte all’estensione dell’uso del certificato. Ricchi e poveri, vaccinati e non.

In fondo è una regola d’oro per qualsiasi processo di mediazione tra due posizioni in netto contrasto: l’altra parte deve sentirsi ascoltata e rispettata nella sua scelta, pure quando non la si condivide, nonostante la sua irragionevolezza e pericolosità. Soltanto da lì in poi ci potrà essere la possibilità di costruire un vero dialogo, che metta al centro la necessità di agire insieme come collettività per porre fine a questo flagello.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved