eppure-il-vaccino-non-fa-l-unanimita
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Matrimoni riusciti e altri da ricucire

I diritti riconosciuti alle famiglie Lgbtq+ riflettono una società che cambia rapidamente sul piano dei diritti civili. Quanto a quelli sociali, mica tanto
SGUARDO A NORD
22 ore

Note per un riformismo senza paternalismo

Per creare più giustizia sociale e ambientale le autorità devono apparire autorevoli, non autoritarie
Commento
2 gior

Il lato B di Silvio

Una mostra a Milano celebra l’anziano tycoon nel periodo che va dal ’56 al ’93. Ma il ventennio politico di Berlusconi dove lo mettiamo?
Commento
3 gior

Precisione in velocità, rispetto nell’intensità

Dopo il fattaccio Semine-Locarno sono in arrivo sanzioni esemplari. Ma l’augurio resta che il calcio regionale ritrovi i veri valori dello sport amatoriale
Commento
3 gior

Procuratori, se il candidato non è di area (partitica)

Il Gran Consiglio sarà chiamato presto a eleggere tre pp. Lottizzazione o competenze? Intanto gli esperti indicano quella che considerano la candidatura migliore
La formica rossa
3 gior

Il ‘tiro al piccione’ e l’ornitologia leghista

Per Boris Bignasca è solo un pretestuoso ciangottare quello che investe il finto sindacato leghista TiSin
Commento
4 gior

L’Arsenal e i milioni del dittatore del Ruanda

Il club inglese si fa sponsorizzare da Kagame, il padre-padrone che condanna sommariamente gli avversari politici, compreso l’eroe di Hotel Rwanda
LA TRAVE NELL’OCCHIO
5 gior

Ricchezza: pochi su e tanti giù

L’aumento delle diseguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino
Commento
5 gior

La ‘strigliata’ di Vitta e una politica che deve guardare al futuro

Rilancio del Cantone e riequilibrio delle finanze, finora il menu uscito dai partiti è vario ma confuso. Serviranno sintesi e convergenze: ‘Non si scappa’
L'ANALISI
6 gior

Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità

A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
 
09.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:13

Eppure il vaccino non fa l'unanimità

Forse un primo passo per vincere qualche resistenza del fronte no-vax sarebbe quello di ripristinare la gratuità dei test diagnostici

L’unica alternativa a nuovi lockdown si chiama Covid pass. Sembra essere questa, in estrema sintesi, la conclusione alla quale è giunto ieri il Consiglio federale. In effetti il governo ha deciso di non attendere oltre e di estendere a partire da lunedì prossimo l’uso obbligatorio del certificato Covid praticamente a tutte le attività al chiuso: bar, ristoranti, musei, teatri, palestre, piscine. Questo per evitare, appunto, di dover attuare misure più restrittive, come successo lo scorso autunno.

Nel frattempo in Ticino anche il Consiglio di Stato si è mosso, decidendo l’obbligatorietà di eseguire test regolari al personale sanitario non vaccinato e adottando l’uso del certificato per i visitatori di cliniche e ospedali. Nelle scuole, poi, il governo cantonale ha mantenuto l’obbligo delle mascherine in aula per i docenti e per gli allievi delle Medie non vaccinati almeno fino alle vacanze autunnali.

Alla base delle decisioni governative, sia a livello federale che a livello cantonale, vi è la volontà di evitare il sovraccarico delle strutture sanitarie, alle prese con una situazione particolarmente tesa nei reparti di cure intense: ad oggi circa l’85% dei letti in terapia intensiva è occupato. Tra le persone ricoverate “che lottano per la propria sopravvivenza”, ha ribadito ieri il consigliere federale Alain Berset, nove su dieci non sono vaccinate. Ed è per questo che le autorità hanno rinnovato con determinazione l’appello affinché più persone si vaccinino il più rapidamente possibile.

Ma lo sappiamo: il vaccino non fa l’unanimità. È un dato di fatto che sarebbe imprudente ignorare di fronte a circa metà della popolazione non ancora vaccinata, tra cui diversi apertamente contrari all’inoculazione del siero. A livello sociale poi si accentua sempre di più la spaccatura tra pro-vax e no-vax.

Lontani restano i primi tempi della pandemia, quelli degli applausi al personale sanitario dai balconi e delle catene di solidarietà spontanea per assistere le persone anziane. Oggi invece lo scenario è tutt’altro, quasi di scontro aperto tra due fazioni.

Questo “dialogo tra sordi”, come scriveva ieri su queste colonne la consigliera nazionale Greta Gysin, non è di certo la via che ci permetterà di proteggerci in modo efficace dal virus, e tanto meno di lasciarci alle spalle la pandemia. Il Covid pass è un valido strumento di prevenzione, ma probabilmente è poco adatto a convincere le persone più scettiche a vaccinarsi. Ed è pure vero ciò che afferma il presidente della Confederazione, Guy Parmelin: “I titolari del pass avranno vantaggi notevoli rispetto alle persone che ne sono sprovviste”.

Forse un primo passo per vincere qualche resistenza del fronte anti-vaccino sarebbe quello di ripristinare la gratuità dei test diagnostici. E così garantire la parità di trattamento a tutte le persone di fronte all’estensione dell’uso del certificato. Ricchi e poveri, vaccinati e non.

In fondo è una regola d’oro per qualsiasi processo di mediazione tra due posizioni in netto contrasto: l’altra parte deve sentirsi ascoltata e rispettata nella sua scelta, pure quando non la si condivide, nonostante la sua irragionevolezza e pericolosità. Soltanto da lì in poi ci potrà essere la possibilità di costruire un vero dialogo, che metta al centro la necessità di agire insieme come collettività per porre fine a questo flagello.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved