GOLUBIC V./TEICHMANN J.
KICHENOK L./OSTAPENKO J.
03:30
 
NJ Devils
1
ARI Coyotes
3
2. tempo
(1-0 : 0-3)
NY Rangers
2
TOR Leafs
3
2. tempo
(1-3 : 1-0)
il-tempo-sospeso-dei-reduci-del-g8
Un manifestante davanti alla polizia il 20 luglio 2001 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
21 ore

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
1 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
2 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
2 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
4 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
4 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
5 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
6 gior

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
21.07.2021 - 05:300
Aggiornamento : 17:30

Il tempo sospeso dei reduci del G8

Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò

Tutto quel che di orribile accadde vent’anni fa alla scuola Diaz, ormai associata per sempre alla parola macelleria, è – secondo Amnesty International – la più grande sospensione dei diritti civili in un Paese democratico.

Tutto quel che stiamo vedendo oggi è una sospensione del tempo. A parte una sparuta minoranza che ha provato a fare i conti con gli anni che passano, con quella follia chiamata G8 di Genova e con se stessa, il resto continua a replicare pensieri, parole, abiti e abitudini. Sembra ieri, il 2001, e per qualcuno lo è ancora. Come in quelle faide familiari infinite in cui un torto subito dal trisavolo è un buon motivo per giustificare ogni torto fatto, ogni pensiero sbilenco. Autocritica: nessuna. E quella certezza dell’essere nel giusto, al cento per cento, sempre e comunque, accentuata da appartenenze a bolle social che sostengono e coccolano ogni tesi.

Senza mai chiedersi se un’altra strada fosse possibile. Questa abbiamo percorso e questa ci dobbiamo tenere, ok. Ma fare avanti e indietro col paraocchi non solo non porta lontano, non porta da nessuna parte. E quindi ecco poliziotti e amici di poliziotti, politici conniventi o semplicemente abituati a strizzare l’occhio a quella destra che in Italia ama il manganello (sugli altri), ma poi va a farsi togliere la multa dall’amico vigile, che rimpiange il Duce, ma poi frigna e parla di regime se gli impedisci di andare al bar in piena pandemia: insultano, dileggiano, non hanno pietà per i morti e per i vivi, per i vessati, per chi porta, fuori e dentro, le ferite di quel G8 in assetto da guerra. Esibiscono tatuaggi in numeri romani, ma non sanno leggerli. Usano ancora quel vocabolario là: “zecche”, “comunisti”. Hanno aggiunto tra gli insulti e gli insultati “Greta Thunberg”, come se essere giovani e preoccuparsi di dove va il mondo fosse una colpa e non un diritto, un dovere.


Un momento degli scontri del G8 del 2001 (Keystone)

Mandano messaggi, subliminali o espliciti, coloro che hanno picchiato o goduto nel veder calpestare mani, teste, diritti e dignità. Fanno letteralmente schifo, non c’è altra parola per descriverli. Perché dopo un giorno, una settimana, un anno – stordito da certi convincimenti – puoi anche far finta di non capire che una parte dello Stato aveva deciso di giocare alla guerra come i bulli di Arancia Meccanica. Dopo vent’anni non sei tonto, sei fascista.

Ma che dire di chi inneggia oggi a Carlo Giuliani come se fosse Gandhi o Mandela? Di chi assiste a commemorazioni e celebrazioni con qualche capello bianco in più e la stessa identica mise, comprata nei mercatini di strada nel 2001, nelle botteghe solidali oggi. E dell’immancabile concerto di Manu Chao, tornato a Genova in questi giorni: voce e chitarra dei buoni.

Quando Michele Vaccari, scrittore genovese – e molto di sinistra –, si è permesso di dire che cantanti come Manu Chao hanno fatto fortuna dentro al sistema che criticavano, e che non sono degni di rappresentare certi ideali, gli si sono rivoltati tutti contro. Manu Chao non si tocca, perché in quel domino costruito per vent’anni, se butti giù un pezzo butti giù tutto. A chi stava dal lato giusto della barricata mai niente si può rimproverare. Allora come oggi. Nemmeno se la voce critica arriva dalla tua stessa parte. O Giuliani e Manu Chao sono eroi anche per te o tu sei un nemico. Proprio come il 20 luglio 2001.

Intanto la polizia picchia nel carcere di Santa Maria Capua Vetere come picchiava nelle aule della Diaz, lasciando qua e là cadaveri innocenti come Federico Aldrovandi e Stefano Cucchi, troppe volte impunita.

La sospensione del tempo. Sembra ieri, anzi lo è.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved