Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(4-3)
i-primi-della-classe-la-hunziker-e-la-concretezza-che-non-c-e
Una ripresa a fuoco lento (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
16 ore

Matrimoni riusciti e altri da ricucire

I diritti riconosciuti alle famiglie Lgbtq+ riflettono una società che cambia rapidamente sul piano dei diritti civili. Quanto a quelli sociali, mica tanto
SGUARDO A NORD
16 ore

Note per un riformismo senza paternalismo

Per creare più giustizia sociale e ambientale le autorità devono apparire autorevoli, non autoritarie
Commento
2 gior

Il lato B di Silvio

Una mostra a Milano celebra l’anziano tycoon nel periodo che va dal ’56 al ’93. Ma il ventennio politico di Berlusconi dove lo mettiamo?
Commento
3 gior

Precisione in velocità, rispetto nell’intensità

Dopo il fattaccio Semine-Locarno sono in arrivo sanzioni esemplari. Ma l’augurio resta che il calcio regionale ritrovi i veri valori dello sport amatoriale
Commento
3 gior

Procuratori, se il candidato non è di area (partitica)

Il Gran Consiglio sarà chiamato presto a eleggere tre pp. Lottizzazione o competenze? Intanto gli esperti indicano quella che considerano la candidatura migliore
La formica rossa
3 gior

Il ‘tiro al piccione’ e l’ornitologia leghista

Per Boris Bignasca è solo un pretestuoso ciangottare quello che investe il finto sindacato leghista TiSin
Commento
4 gior

L’Arsenal e i milioni del dittatore del Ruanda

Il club inglese si fa sponsorizzare da Kagame, il padre-padrone che condanna sommariamente gli avversari politici, compreso l’eroe di Hotel Rwanda
LA TRAVE NELL’OCCHIO
5 gior

Ricchezza: pochi su e tanti giù

L’aumento delle diseguaglianze impone di ripensare un modello di sviluppo dominato dalla ‘teoria dello sgocciolamento’. Anche in Ticino
Commento
5 gior

La ‘strigliata’ di Vitta e una politica che deve guardare al futuro

Rilancio del Cantone e riequilibrio delle finanze, finora il menu uscito dai partiti è vario ma confuso. Serviranno sintesi e convergenze: ‘Non si scappa’
L'ANALISI
6 gior

Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità

A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
 
07.07.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:35

I primi della classe, la Hunziker e la concretezza che non c'è

C’è chi dal ‘Gruppo strategico per il rilancio del paese’ si aspettava una sorta di ‘Piano Marshall’ nostrano. Ci si sbagliava

Se alla fine di una conferenza stampa del Dfe ciò che riporti in redazione è una voluminosa cartella di documenti con tante parole e poche cifre, vuol dire che qualcosa non è andato per il verso giusto.

Saremo pure “i primi della classe”, come ha più volte sottolineato ieri il professor Mauro Baranzini (un ragionamento che tra l’altro varrà sì per la Svizzera, un po’ meno per il Ticino). Ma dai più bravi ci si poteva attendere qualcosa in più. C’è chi in effetti, noi compresi, dal ‘Gruppo strategico per il rilancio del Paese’ si aspettava una sorta di ‘Piano Marshall’ nostrano. Ci si sbagliava. Forse perché ad aprile 2020, quando è stato istituito, non abbiamo capito quale fosse lo scopo del gruppo capitanato dal consigliere di Stato Christian Vitta. Oppure perché nel frattempo la situazione è cambiata e il gruppo l’ha vista lunga: dopo una ventina d’incontri in cui si è occupato di “monitorare l’evoluzione della congiuntura” è arrivato alla conclusione che, dati alla mano, non c’era alcuna congiuntura sulla quale dover intervenire.

Il tavolo di lavoro che ha visto riuniti politici, economisti, parti sociali e qualche ospite illustre, dopo quindici mesi di analisi e discussione, ha partorito una lunga serie di raccomandazioni che vanno, tutto sommato, ad iscriversi nel contesto della trasformazione economica che il Cantone sta già affrontando da tempo. Una strategia definita a grandi linee nel lontano 2015 – quando di pandemia si parlava solo nei film di fantascienza – e che ora, secondo le autorità, necessita soltanto di una qualche rinfrescata.

Quindi nessun piano massiccio d’investimento in settori strategici dell’economia, neanche uno o più programmi occupazionali mirati per le fasce più fragili (giovanissimi e over 50) del mondo del lavoro. Secondo Vitta non c’è bisogno di alcuna “rivoluzione”, ma semplicemente di continuare sulla via tracciata da determinate politiche strutturali che permettano allo Stato di “accompagnare la fase di ripresa”. Al resto penserà poi il mercato, bastava aggiungere.

Tanto, anche sul piano della fiscalità siamo piuttosto pronti. Perché non sottolineare, a questo punto, la lungimiranza della riforma cantonale approvata nel 2019? Se tutto va come previsto, per il 2025 saremo intorno alla famigerata aliquota del 15% voluta dal G20.

Se c’è una cosa che comunque va riconosciuta a Christian Vitta è di essere un ministro piuttosto fortunato. Come quando qualche mese fa annunciò l’estensione degli aiuti per i casi di rigore e qualche ora dopo gli arrivò dalla Banca Nazionale una cinquantina di milioni “inattesi”.

“Serve maggiore concretezza”, ci dirà Stefano Modenini, direttore dell’Aiti, a proposito della presentazione del Gruppo per il rilancio del Paese. Non ha tutti i torti. C’è poi quella frase che una volta all’università ho sentito dire a un prof di storia sociale: “Va bene se c’è qualcuno che è il più bravo della classe, ma di ciò non ci si fa nulla. L’importante è capire quali responsabilità è pronto ad assumersi in quanto tale”.

Certo, non si può nemmeno dire di essere usciti da Palazzo delle Orsoline a mani vuote: durante il suo intervento il direttore del Dfe ha anticipato che Michelle Hunziker sarà uno dei nuovi volti della campagna di promozione turistica della Svizzera.

Buon viso a cattivo gioco.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved