fenomenologia-di-raffaella-carra
Raffaelle
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
9 ore

L’Urc2022, Cassis e la Storia

C’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol: il Consiglio federale ha avviato de facto una revisione della politica di neutralità
Commento
9 ore

Fedez e la Corte Suprema dentro di noi

Gli scempi in nome dei vecchi valori di una volta sono sotto gli occhi di tutti, ma per ergerci a giudici ci basta che un rapper non conosca Strehler
Commento
2 gior

Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità

La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
3 gior

L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’

Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
4 gior

Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij

Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
4 gior

Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese

Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
6 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 sett

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
1 sett

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
1 sett

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 sett

Le conseguenze della guerra

Commento
1 sett

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Il commento
laR
 
06.07.2021 - 05:30
Aggiornamento: 15:39

Fenomenologia di Raffaella Carrà

Regina del miglior varietà televisivo italiano, voce da 60 milioni di dischi venduti nel mondo, sex symbol. “Ma non ho mai ammiccato”, diceva.

Ma sì, generalizziamo. Per tutti gli italiani sui cinquanta è stata il primo amore dopo la mamma e prima della compagna di classe, oltre che il primo fenomeno mediatico dell’adolescenza. Una specie di Chiara Ferragni ante litteram, ma con molte, moltissime litteram in più. Per tutti gli italiani (sempre quelli sui cinquanta, ma anche per i più cresciutelli) è stata pure il primo sex symbol, fuoriuscito a fatica e quasi involontariamente da una televisione di Stato dalle mille censure; un sex symbol prodotto della femminilità e non della provocazione, un simbolo naturale, schietto, potente e mai volgare. “Non ho mai ammiccato”, ci teneva a specificare. E così fu, davvero. Ma del tema dell’ombelico, del ‘Tuca Tuca’ dapprima oscurato e poi riammesso in prima serata nella ‘Canzonissima’ del 1971 (dopo l’esecuzione con un rassicurante Alberto Sordi), e dell’icona gay, parliamo a pagina 2.

La morte di Raffaella Carrà, 78 anni da pochi giorni, piomba più inaspettata di altre illustri dipartite, complice una certa sana riservatezza che ha accompagnato in vita un’artista osannata tanto in patria che oltreoceano, e che la propria riservatezza l’ha difesa a denti stretti. “Ciao Raffaella. Questo, da te, non ce lo saremmo mai aspettato”, scrivono gli Elio e le Storie Tese, per i quali Raffaella fu molto più che una citazione vivente in una canzone, ‘Presidance©’, una volta ancora esempio dell’autoironia che è propria dei più grandi (lei, e anche un po' loro). La morte di Raffaella Carrà giunge all’inizio di un’estate italiana di nanniniana/bennatiana memoria, una bella stagione di riabilitazioni prettamente sportive, quelle di una nazione che almeno nello sport si ritrova unita, talentuosa, creativa e pure decisionista (calcisticamente parlando), in vetta alle classifiche mondiali (Måneskin parlando), alla ricerca di idoli più giovani (ora persino tennistici) per non dover rimpiangere sempre e soltanto i grandi di una certa età. L’addio a Raffaella Carrà si mette in coda a quelli di Milva in aprile, a Franco Battiato e Carla Fracci in maggio, cominciando da Gigi Proietti, novembre 2020, privazione non troppo distante da un 2021 decisamente, artisticamente, funesto.

Nel 1961, con intenti più sarcastici che realmente celebrativi – la reale riabilitazione del presentatore, “esempio vivente e trionfante del valore della mediocrità”, avvenne “per effetto boomerang”, così sostenne il presentatore stesso – Umberto Eco scriveva ‘Fenomenologia di Mike Bongiorno’, ritenuto il primo esempio di critica televisiva. Esiste anche una ‘Fenomenologia di Raffaella Carrà’ e si deve all’artista Francesco Vezzoli, che a Milano, nel settembre del 2017, volle riproporre integralmente tanto ‘Milleluci’ (1974) che ‘Ma che sera’ (1978), due esempi di varietà televisivo italiano all’interno di un evento complessivo denominato ‘Maratone TV 70’, nato per riabilitare un prodotto di altissima qualità a lungo screditato e oggi pienamente riabilitato e rimpianto. Raffaella Carrà è la storia di quel varietà, e insieme quella della musica, del costume, della moda e dello spettacolo in genere, lo spettacolo provato, mai improvvisato. Raffaella Carrà è anche uno spartiacque di onestà intellettuale e di rispetto per il pubblico: chi storse in naso per il melodrammatico ‘Caràmba! Che sorpresa’ non sapeva cosa in realtà sarebbe stata la vera tv del dolore, cui la stessa Carrà non si sarebbe mai prestata, né come conduttrice, né come ospite. Anche questo ce l’ha fatta amare. Sempre dopo la mamma, e prima della compagna di classe.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fenomenologia raffaella raffaella carrà
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved