DJOKOVIC N. (SRB)
0
DELLIEN H. (BOL)
0
1 set
(5-2)
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
09:40
 
nei-video-dell-udc-i-ragazzini-son-mezzi-mostri
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
3 ore

Eh già... Angelone è ancora qua

Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
3 ore

Olimpia e il prezzo della felicità

Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 gior

Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso

Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Gallery
Commento
2 gior

Tokyo 2020, comunque vada sarà memorabile

Domani la cerimonia d'apertura inaugura la 32esima edizione dei Giochi olimpici estivi: quelli rinviati, senza pubblico e senza leggende. Ma con sei ticinesi
Commento
3 gior

Il tempo sospeso dei reduci del G8

Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò
Commento
4 gior

La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)

La Masseria di Castel San Pietro rischia di scomparire. E stavolta non è colpa delle ruspe dei cementificatori
Commento
5 gior

Cuba e il fantasma della libertà

Il fronte filo cubano preferisce lo stereotipo rassicurante, perché non accetta la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro
Commento
1 sett

La Guerra Fredda riscaldata

Telefoni rossi, muri e le liti su Cuba a colpi di 'imperialisti' e 'comunisti'. Il mondo diviso in blocchi torna di moda come la musica anni 80
Commento
1 sett

Il nuovo ordine fiscale tra paure e speranze

La riforma del G20 è già stata definita enfaticamente una “rivoluzione”. No, siamo solo nell'ambito della correzione
Commento
1 sett

Gli Europei li ha vinti la radio (ode a Francesco Repice)

Del multimediale Euro 2020 resta la voce di un ‘semplice’ radiocronista in un atto poeticamente rétro: raccontarci una partita di calcio, nulla di più
Commento
 
18.05.2021 - 05:300

Nei video dell’Udc i ragazzini son mezzi mostri

Dopo la Greta di ultradestra arriva quello che se la piglia con ambientalisti, pari opportunità e diritti umani. D'altronde siamo negli anni '20

Una cosa va riconosciuta: i creativi che curano le campagne dell’Udc si danno un gran da fare per rendere simpatica un’ideologia di ben altri anni Venti. Lo si vedeva nello spot in cui trasformarono il presidente Marco Chiesa in una sorta d’italico farfallone, lo dimostra ora il video concepito per la campagna contro la legge sul Co2. Luci grigiastre, un pianoforte ansiogeno a far da sottofondo, interno giorno con famiglia svizzera nel 2030: un vecchio padre seduto al tavolo di casa con sciarpa e berretto fantozziano, perché fa un gran freddo, ma tra tasse e divieti non ci si può più riscaldare. Appesi al muro i ritratti in stile trinità di Alain Berset, Simonetta Sommaruga e Balthasar Glättli, a suggerire l’infausto trionfo di una dittatura di sinistra. Torna il figlio adolescente, intirizzito pure lui, e scopre che non si carica neppure il tablet “perché quando non soffia il vento il generatore funziona poco”. I messaggi politici sono quelli d’un partito che minimizza da sempre il cambiamento climatico, proprio come minimizza i rischi sanitari del coronavirus; ma dal punto di vista della comunicazione l’idea è buona, magari ci si fa anche una risatina.

Risatina che si contrae in un rictus tetanico non appena il figliolo incupito se ne esce con un agghiacciante “la mamma ora ha un lavoro da manager grazie alle quote rosa. Per quello è sempre via, vero?”.Alla faccia del merito femminile e della parità di genere. Segue ‘a sbalzo’ una discussione sul perché le tasse rendano impossibile viaggiare in aereo, conclusa dal secondo oligofrenico rimbrotto: i bravi svizzeri restano a casa, mentre la famiglia di una sua compagna rifugiata “va in Eritrea due volte all’anno a trovare la nonna, anche se vivono di aiuti sociali”. Eccerto.

A quel punto sorge il sospetto che il baldo giovine sia fratello maggiore della bimbetta bionda usata dall’Udc l’anno scorso, nel video contro la libera circolazione: quella che vagava strafatta per i prati parlando da sola e lamentandosi degli immigrati, della disoccupazione, del traffico, degli spacciatori ai giardinetti e della sciatica. Si potrebbe immaginare un prequel nel quale l’Udc spiega perché la prole sia ridotta così: forse è stata abbandonata nella culla dalla madre al momento di rivendicare i suoi diritti politici, come paventavano certi manifesti di un secolo fa, ma ancora coerenti con la visione sociale dell’ultradestra.

Più divertente sarebbe però un sequel un po’ autoironico: la madre torna a casa dal lavoro, posa il computer, si gira perplessa. Dal corridoio sente la conversazione tra il figlio e il marito, accusato di aver votato a sinistra con disastrose conseguenze. A quel punto irrompe in sala, alza il pargolo per le orecchie e gli suggerisce caldamente di non ripetere più a pappagallo tutto quel che sente alle riunioni della Blocherjugend, “ché se fosse per quelli lì tuo padre sarebbe già morto di silicosi in una miniera di carbone, io sarei incatenata ai fornelli e la tua compagna eritrea sarebbe dispersa chissà dove”. Il giovane abbassa lo sguardo, pare riaversi, parte una musica d’archi distensiva: “Scusa mamma, a volte non penso a quello che dico. Ti voglio bene”. La mamma sorride, lo abbraccia: “Anch’io, tesoro. Ora va’ a correre nella ruota insieme al criceto, devo ricaricare il pc”.


(Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved