ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
16 ore

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
16 ore

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
1 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
2 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
3 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
4 gior

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
4 gior

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
5 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
5 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
1 sett

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
05.05.2021 - 05:30
Aggiornamento: 06.05.2021 - 16:05

I guardiani della risata

Per molti, se una battuta non ci fa ridere, non deve ridere nessuno. Ma per il comico Ricky Gervais "se ti senti offeso, non è detto tu abbia ragione"

i-guardiani-della-risata
Checco Zalone ed Helen Mirren nel video di "La vacinada"

Non ringraziamo mai abbastanza, nemmeno ora che - dopo oltre un anno di pandemia - siamo diventati tutti più buoni. Invece dovremmo ringraziare il critico televisivo Aldo Grasso, la figlia di mutti e papà Aurora Ramazzotti, il politico del Ppd Marco Romano e tutte le altre migliaia, milioni di persone che sacrificano il loro tempo e le loro parole per dirci cosa ci deve fare ridere e cosa no. Quelli che si offendono per una battuta, anche per noi. Che gentili.

Metti che poi ascoltiamo una battuta e ci scappa da ridere. No, loro non vogliono farci fare brutta figura. Ci avvisano prima, così lo sappiamo e non ridiamo. E se proprio - cattivi come prima della pandemia - abbiamo riso, possiamo vergognarci per la nostra insensibilità. Siamo brutte persone, noi e i comici. Loro no: non sono noi e non sono comici. Però sanno quel che nemmeno noi e i comici sappiamo.

Nel suo spettacolo "Dark", lo scozzese Daniel Sloss scherza sulle disabilità della sorella morta in giovane età: alcuni s’indignano e ci tengono a farglielo sapere. Lui risponde: “La sorella è la mia, le risate che mi facevo con lei sono mie”. Ma altri decidono, per lui e per la sorella. Il comico del momento, Ricky Gervais, che fa ridere e commuovere con "After Life" - serie tv su un aspirante suicida - va ripetendo che “solo perché ti senti offeso, non vuol dire tu abbia ragione”. Eppure, mentre molti ticinesi ridevano per il ritratto dei ticinesi del comico franco-portoghese David Castello-Lopes, il politico Marco Romano si è preso il disturbo di spiegarci perché non faceva ridere.

Sul Corriere della Sera, Aldo Grasso è stato ancora più perentorio: “Perché la tiritera di Pio e Amedeo non ha fatto ridere e Checco Zalone con 'La Vacinada', invece sì”. "Ci" o "non ci" ha fatto ridere. A tutti. Anche se non li abbiamo visti, anche se magari Zalone non ci fa ridere. Dall’altra parte della barricata, gli scandalizzati dalla canzone del comico a cui il premio Oscar Helen Mirren si è prestata “ma solo perché le hanno tradotto male il testo, sennò non avrebbe partecipato”. Siamo al paradosso: non solo c'è chi spiega all'attrice cosa avrebbe dovuto fare, ma anche cosa non avrebbe capito.

Poche settimane fa Michelle Hunziker ha mimato gli occhi a mandorla imitando maldestramente i cinesi con la nonchalance tipica dell’avanspettacolo del secolo scorso ed è stata ipercriticata, ma non dalla figlia Aurora Ramazzotti. Tale Aurora Ramazzotti, evidentemente omonima, si indigna per il controverso monologo sull’eccesso di “politicamente corretto” di Pio e Amedeo: tesi espressa in modo zoppicante, ma che scagionerebbe anche mamma Hunziker. Discutibile? Forse. Evitabile? Certo. Nell’epoca delle tv on demand basta cambiare canale. Invece lei: “Questa cosa che si continui ad avere la presunzione di decidere cosa sia offensivo per una categoria di cui non si fa parte e di cui non si conoscono le battaglie, il dolore, le paure, il disagio, la discriminazione, rimane a me un mistero irrisolvibile. Mi dispiace, ma dovevo dirlo”. Le dispiace, ma doveva dirlo. Solo che noi non volevamo sentirlo. Si vede che del dolore, del disagio, della discriminazione dei cinesi le frega meno che delle paturnie di altri, a lei più vicini.

E rieccoci al punto di partenza. Miss Ramazzotti e gli altri guardiani della risata hanno la presunzione di decidere cosa sia offensivo contestando chi - secondo loro - ha la presunzione di decidere cosa sia offensivo. In pratica, per avere ragione si danno torto da soli. Ci sarebbe da ridere. Non fosse che dobbiamo chiedere il permesso a qualcuno per farlo.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved