1-maggio-dai-martiri-di-chicago-ai-tele-lavoratori-di-oggi
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
5 ore

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025.
Commento
2 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
2 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
3 gior

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
4 gior

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
5 gior

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
6 gior

Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa

Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
l’analisi
6 gior

Un leader che ha dimenticato il futuro

Retorica e bugie per una festa malinconica, in cui lo Zar celebra il passato e ricorda sempre più gli ingialliti gerarchi del secolo scorso
Commento
1 sett

Lo ‘schiaffo’ di Putin a papa Francesco

Il ‘nyet’ dello zar a incontrare il pontefice non ha smosso di un pollice le convinzioni del pacifismo radicale e unidirezionale
Commento
1 sett

L’Usi, il rettore, lo studente e il cliente

Ecco l’equivoco di fondo: un’università che vive sé stessa come azienda, che misura la propria efficacia in termini di iscritti e soddisfatti
laR
 
30.04.2021 - 05:30
Aggiornamento : 07.05.2021 - 17:16

1° maggio, dai martiri di Chicago ai (tele)lavoratori di oggi

Dal 1886 al 2021 (in verità anche prima) ritroviamo sempre lo stesso soggetto storico in lotta per vedere riconosciuti i propri diritti

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Possiamo dire che quella di sabato sarà la festa dei lavoratori ma anche dei telelavoratori, di tutti coloro che in Svizzera sono “obbligati” a lavorare da casa. Questa misura, ricordiamolo, è stata decisa dal Consiglio federale per proteggere dal rischio di contagio da coronavirus una parte della popolazione attiva. Quella che, appunto, può “ragionevolmente” svolgere la propria attività a distanza.

La celebrazione del primo maggio riguarda anche, e soprattutto, le cosiddette lavoratrici essenziali: infermiere, badanti, cassiere di supermercato. Spesso sottopagate, spesso dimenticate. Tutte quelle categorie che abbiamo scoperto fondamentali grazie alla pandemia. Persone, donne perlopiù, per le quali gli applausi non bastano. Un discorso, quello del precariato, che tocca diversi settori dell’economia, anche i più dinamici (all'estero ci sono gli schiavi dell’algoritmo di Amazon, da noi quelli del furgone della Dpd ), e che pure in Ticino desta sempre più preoccupazione.

Ma torniamo un passo indietro. Perché la ricorrenza il primo maggio? I libri insegnano che nel 1886 ci fu un grande sciopero a Chicago, iniziato proprio in questa data. Lo scopo dei manifestanti era quello di ottenere la giornata lavorativa di otto ore. Allora la giornata di lavoro poteva arrivare a dodici, anche a quattordici ore. Durante le manifestazioni la polizia sparò sulla folla, uccidendo due persone. Seguirono altre proteste che culminarono nella manifestazione di Haymarket, durante la quale morirono altre persone – sia manifestanti che agenti – a causa di una bomba. Gli organizzatori della manifestazione del primo maggio furono arrestati e processati. Sette di loro furono condannati a morte. Più tardi due condanne furono trasformate in ergastoli dal governatore dell’Illinois. Mentre un condannato a morte si uccise in prigione il giorno prima dell’esecuzione. Altri quattro furono uccisi. Li si conosce come i ‘martiri di Chicago’. Nel 1890 la Seconda internazionale socialista decise di promuovere in tutto il mondo la festa dei lavoratori in loro memoria.

Centotrentacinque anni dopo: chi è in grado di dire quanto dura una delle nostre giornate di telelavoro? “Rispondo veloce a una telefonata e arrivo”, dice la moglie al marito che ha appena finito di preparare cena e che ha già messo i bambini a tavola. Qualcuno ha mai assistito a una scena del genere? Chiaro che il lavoro a distanza comporta dei vantaggi. Una modalità che da un lato è sì una tutela, ma che dall’altro ha come effetto collaterale quello di eliminare il confine tra lavoro e riposo. E che può inoltre determinare una sorta di ‘isolamento digitale’ nelle persone che lo svolgono.

Ciò che diventa interessante però, alla vigilia di una nuova ricorrenza, è provare a individuare quale può essere il fil rouge che va dai ‘martiri di Chicago’ ai lavoratori essenziali e ai telelavoratori del mondo in pandemia.

Dal 1886 al 2021 (in verità anche prima) ritroviamo sempre lo stesso soggetto in lotta per vedere riconosciuti i propri diritti. Una classe sociale (sarà marxismo, ma non vi è termine più appropriato) costretta a scontrarsi con un’altra, e anche con le proprie contraddizioni.

Una dinamica in costante evoluzione (fatta da importanti conquiste e clamorose sconfitte per il movimento dei lavoratori) che funge – dicono quelli che ne sanno – da motore della storia.

 

Leggi anche:

La rivolta degli schiavi di Amazon per cambiare l’economia

Dpd: gli schiavi del furgone e l’impero dei pacchi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
martiri chicago primo maggio telelavoro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved