lo-spettro-del-nuovo-partito-delle-tasse
Se lo dice lui (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
19 ore

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
2 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
2 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
3 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
3 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
4 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
4 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
5 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
6 gior

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
1 sett

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
laR
 
27.04.2021 - 05:30
Aggiornamento: 17:27

Lo spettro del ‘nuovo partito delle tasse’

Il partito è formato da illustri personaggi e istituzioni che chiedono di aumentare le tasse ai ricchi per sostenere i cittadini in difficoltà

di Fabio Dozio
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

C’è uno spettro che si aggira per il mondo. Si tratta del Npdt, il nuovo partito delle tasse. In Svizzera, la Neue Zürcher Zeitung, il giornale padronale, come si diceva una volta, è preoccupata: “Il vantaggio della posizione svizzera è in pericolo”, titola. Il Tages Anzeiger, meno schierato con l’economia, non nasconde i timori: “Mette in pericolo il paradiso fiscale svizzero”. Sarà una rediviva Internazionale socialista che scorribanda fra le casseforti del capitalismo planetario?

No, niente di tutto questo. È un partito formato da illustri personaggi e istituzioni dell’establishment mondiale che chiedono di aumentare le tasse ai ricchi per sostenere i cittadini in difficoltà soprattutto a causa della pandemia.

In prima fila c’è l’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che ha rilanciato la proposta di introdurre una tassa minima mondiale per le multinazionali, “aziende che hanno tratto grandi vantaggi dalla crisi pandemica e che quindi possono essere tassate dove sono le loro attività”.

Del Npdt fa parte anche Janet Yellen, ministra del tesoro degli Stati Uniti: “Stiamo lavorando con i Paesi del G20 per concordare un’aliquota minima d’imposta sulle società, che potrebbe porre fine alla corsa trentennale al ribasso”. Il suo piano sottolinea che, dal 1950 ad oggi, la quota delle tasse sui redditi da lavoro sul totale delle entrate Usa sono aumentate dal 50 all’attuale 85%, mentre quella delle aziende si è ridotta dal 28 all’8%. Propone di tassare maggiormente le aziende americane dal 21 al 28% e di raddoppiare l’imposizione per gli utili generati all’estero.

Fra i propugnatori di nuove tasse figura anche il Fondo Monetario Internazionale (Fmi). Nel recente fiscal monitor  pubblicato in aprile il FMI sottolinea che la pandemia ha “esarcerbato le preesistenti diseguaglianze di reddito e di accesso ai servizi pubblici di base, come la sanità e i vaccini”. Ciò rischia di alimentare tensioni sociali quindi bisogna riequilibrare il sistema fiscale che negli ultimi anni ha favorito i grandi ricchi. Il Fondo rilancia l’idea di introdurre una tassa sulle grandi ricchezze. Un prelievo dell’1% sui patrimoni dell’1% più ricco dei Paesi avanzati potrebbe ridurre le diseguaglianze.

Anche il Segretario Generale dell’Onu, Antonio Guterres, ha proposto di tassare coloro che si sono arricchiti durante il Covid. “Gli ultimi rapporti – ha detto – indicano che la ricchezza dei più ricchi al mondo, nell’ultimo anno, è aumentata di 5 mila miliardi di dollari”, è quindi auspicabile introdurre una tassa di solidarietà o di ricchezza su coloro che hanno tratto profitto dalla pandemia.

Fra i paladini di una maggiore solidarietà mondiale non poteva mancare Papa Francesco che, come sua abitudine, ha parlato in modo schietto e chiaro: condividere la proprietà – ha detto, di fronte a infermieri, detenuti e rifugiati  – “non è comunismo, ma è cristianesimo allo stato puro”.

Il partito delle tasse non è più quello della sinistra, come da anni ripetono i ragionieri nostrani che con il pallottoliere cercano di far quadrare sgravi fiscali con parità di bilancio. No, è l’establishment finanziario mondiale: Fmi, Ocse, Onu, Usa. E l’Uomo vestito di bianco.

Che farà l’eldorado elvetico? La tassa mondiale proposta dall’OCSE a quanto ammonterà, 15 o 20%? Per ora, il ministro delle finanze Ueli Maurer ha detto che per la Svizzera sarà “sopportabile”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fmi janet yellen ocse onu papa francesco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved