ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
9 ore

I 70 anni di Putin e i bivi della Storia

Sta lasciando il Paese peggio di come l’ha trovato, in crisi e in guerra. Cosa sarebbe accaduto se Eltsin avesse scelta il liberale Nemtsov al suo posto?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
16 ore

Il disastro rimosso

I cambiamenti climatici non sono proprio in cima alle preoccupazioni degli svizzeri. L’analfabetismo politico non aiuta
il commento
1 gior

La monarchia delle banane

Divieti assurdi, arresti e comici censurati: il lutto a oltranza del Regno Unito per Elisabetta II è sconfinato nella caricatura di dittature tropicali
Commento
2 gior

Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida

Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
3 gior

Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto

Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
3 gior

L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi

Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
4 gior

Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia

Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
6 gior

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
6 gior

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
1 sett

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
laR
 
24.03.2021 - 05:30
Aggiornamento: 17:09

Il futuro degli spazi verdi e dei beni culturali

Sono passati quasi sette anni dalla consegna di due importanti iniziative popolari che meriterebbero un’evasione in tempi decisamente più veloci

di Fabio Dozio
il-futuro-degli-spazi-verdi-e-dei-beni-culturali
Quanto ci vorrà per veder applicata la volontà popolare? (Ti-Press)

Tempi lunghi per attuare la democrazia. Sono passati quasi sette anni dalla consegna di due importanti iniziative popolari, che nel 2014 sono state firmate, ognuna, da 15 mila cittadini. E non è ancora finita!

Iniziative lanciate in contemporanea da due associazioni. “Spazi verdi per i nostri figli”, promossa dai Cittadini per il territorio del Mendrisiotto, con l’adesione dell’Unione dei contadini e di Agrifutura e con il sostegno di associazioni ambientaliste. “Un futuro per il nostro passato: per un’efficace protezione del patrimonio culturale del territorio ticinese”, lanciata dalla Stan, la Società ticinese per l’arte e la natura, sezione di Heimatschutz svizzera.

Due associazioni eccellenti che ben rappresentano, in modo diverso, la società civile. La Stan, un’istituzione pluricentenaria che continua a lanciare battaglie in difesa del patrimonio culturale, architettonico e paesaggistico del Ticino. I Cittadini per il territorio è stata fondata nel 2010, espressione dei movimenti ambientalisti e dei gruppi che sono nati e cresciuti attorno a rivendicazioni concrete e significative per la protezione e la salvaguardia del territorio.

“Spazi verdi” propone di vincolare nella Legge sullo sviluppo territoriale il principio che gli spazi verdi di fondovalle non edificabili - o non edificati in larga misura - vadano protetti e tutelati come zona agricola, forestale o per lo svago e che dove ancora queste zone non sono edificate venga ridotta l‘edificabilità. Insomma, difendere il verde, dove ancora sopravvive, con una pianificazione cantonale.

“Un futuro per il nostro passato” chiede di creare un inventario cantonale dei beni culturali protetti, che deve comprendere anche oggetti e luoghi censiti dall’Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere (Isos), di sostenere finanziariamente questi beni e di imporre l’obbligo di ripristino se ci fossero alterazioni della cosa protetta. A un anno dalla consegna dell’iniziativa, nell’ottobre del 2015, il governo ha licenziato un messaggio che propone una revisione della Legge sulla protezione dei beni culturali (Lbc) che asseconda in larga parte i contenuti dell’iniziativa presentata dalla Stan, che a sua volta ha accolto positivamente la proposta governativa.

Però, da più di cinque anni, le due iniziative sono ferme sui tavoli della Commissione ambiente, territorio ed energia del Gran Consiglio.

Finalmente, la Commissione ha concluso il rapporto su “Spazi verdi” proponendo una correzione, non sostanziale, rispetto a quanto richiesto dagli iniziativisti, che ora devono valutare se accettare questo compromesso o se andare al voto popolare.

Per l’iniziativa della Stan la Commissione deve ultimare il rapporto sul messaggio del governo. In Commissione si esprimono anche gli interessi dei privati e dei Comuni, meno propensi a sostenere le misure di protezione proposte dalla Stan e dal governo.

Nelle prossime settimane dovremmo capire quale sarà il destino delle due iniziative. Si proteggerà il verde e si salveranno ville storiche e preziose, e non solo?

Quanto ci vorrà, ancora, per veder applicata la volontà popolare? Gran Consiglio e governo sono ingolfati da atti parlamentari, interrogazioni, interpellanze e mozioni. Con tutto il rispetto per i deputati, va detto che le iniziative popolari, espressione privilegiata della nostra democrazia, meriterebbero un’evasione in tempi decisamente più veloci.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved