il-futuro-degli-spazi-verdi-e-dei-beni-culturali
Quanto ci vorrà per veder applicata la volontà popolare? (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro

Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
22 ore

Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini

Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 gior

La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti

India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
2 gior

Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra

La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
DISTRUZIONI PER L’USO
2 gior

Classici e razzismo: precisazioni su Howard (e Marion)

L'università afroamericana non chiude il dipartimento di ‘Classics’ per via della ‘cancel culture’. Ma in Italia e in Ticino si preferisce non verificare
Commento
3 gior

Il non rinnovo di Pelletier, un epilogo in parte già scritto

Non si tratta di un fulmine a ciel sereno, ma la fine di un capitolo probabilmente solo rimandato dalla pandemia
Commento
3 gior

I guardiani della risata

Per molti, se una battuta non ci fa ridere, non deve ridere nessuno. Ma per il comico Ricky Gervais "se ti senti offeso, non è detto tu abbia ragione"
La formica rossa
4 gior

C’era una volta il fioretto, ora la spada affonda il Triciclo

Gli accordi saltano quando si parla di poltrone. E di Centro. Serve leggere tra le righe, non solo in un pomeriggio dei lunghi coltelli come quello di ieri
Commento
4 gior

La storiella, la campana e il coraggio politico (che ci manca)

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta: 'È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto'
Commento
5 gior

Fedez mente libera, trent'anni dopo Elio

Al Concertone del 1991 gli Elii cantarono 'ti amo' ai furfanti della Prima Repubblica; sabato scorso, il rapper le ha cantate alla Lega. Senza autotune.
Commento
24.03.2021 - 05:300
Aggiornamento : 17:09

Il futuro degli spazi verdi e dei beni culturali

Sono passati quasi sette anni dalla consegna di due importanti iniziative popolari che meriterebbero un’evasione in tempi decisamente più veloci

Tempi lunghi per attuare la democrazia. Sono passati quasi sette anni dalla consegna di due importanti iniziative popolari, che nel 2014 sono state firmate, ognuna, da 15 mila cittadini. E non è ancora finita!

Iniziative lanciate in contemporanea da due associazioni. “Spazi verdi per i nostri figli”, promossa dai Cittadini per il territorio del Mendrisiotto, con l’adesione dell’Unione dei contadini e di Agrifutura e con il sostegno di associazioni ambientaliste. “Un futuro per il nostro passato: per un’efficace protezione del patrimonio culturale del territorio ticinese”, lanciata dalla Stan, la Società ticinese per l’arte e la natura, sezione di Heimatschutz svizzera.

Due associazioni eccellenti che ben rappresentano, in modo diverso, la società civile. La Stan, un’istituzione pluricentenaria che continua a lanciare battaglie in difesa del patrimonio culturale, architettonico e paesaggistico del Ticino. I Cittadini per il territorio è stata fondata nel 2010, espressione dei movimenti ambientalisti e dei gruppi che sono nati e cresciuti attorno a rivendicazioni concrete e significative per la protezione e la salvaguardia del territorio.

“Spazi verdi” propone di vincolare nella Legge sullo sviluppo territoriale il principio che gli spazi verdi di fondovalle non edificabili - o non edificati in larga misura - vadano protetti e tutelati come zona agricola, forestale o per lo svago e che dove ancora queste zone non sono edificate venga ridotta l‘edificabilità. Insomma, difendere il verde, dove ancora sopravvive, con una pianificazione cantonale.

“Un futuro per il nostro passato” chiede di creare un inventario cantonale dei beni culturali protetti, che deve comprendere anche oggetti e luoghi censiti dall’Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere (Isos), di sostenere finanziariamente questi beni e di imporre l’obbligo di ripristino se ci fossero alterazioni della cosa protetta. A un anno dalla consegna dell’iniziativa, nell’ottobre del 2015, il governo ha licenziato un messaggio che propone una revisione della Legge sulla protezione dei beni culturali (Lbc) che asseconda in larga parte i contenuti dell’iniziativa presentata dalla Stan, che a sua volta ha accolto positivamente la proposta governativa.

Però, da più di cinque anni, le due iniziative sono ferme sui tavoli della Commissione ambiente, territorio ed energia del Gran Consiglio.

Finalmente, la Commissione ha concluso il rapporto su “Spazi verdi” proponendo una correzione, non sostanziale, rispetto a quanto richiesto dagli iniziativisti, che ora devono valutare se accettare questo compromesso o se andare al voto popolare.

Per l’iniziativa della Stan la Commissione deve ultimare il rapporto sul messaggio del governo. In Commissione si esprimono anche gli interessi dei privati e dei Comuni, meno propensi a sostenere le misure di protezione proposte dalla Stan e dal governo.

Nelle prossime settimane dovremmo capire quale sarà il destino delle due iniziative. Si proteggerà il verde e si salveranno ville storiche e preziose, e non solo?

Quanto ci vorrà, ancora, per veder applicata la volontà popolare? Gran Consiglio e governo sono ingolfati da atti parlamentari, interrogazioni, interpellanze e mozioni. Con tutto il rispetto per i deputati, va detto che le iniziative popolari, espressione privilegiata della nostra democrazia, meriterebbero un’evasione in tempi decisamente più veloci.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved