DJOKOVIC N. (SRB)
1
DELLIEN H. (BOL)
0
2 set
(6-2 : 5-2)
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
09:55
 
il-molino-i-due-calvi-e-la-tentazione-del-manganello
(Altervista)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
4 ore

Eh già... Angelone è ancora qua

Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
4 ore

Olimpia e il prezzo della felicità

Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 gior

Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso

Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Gallery
Commento
2 gior

Tokyo 2020, comunque vada sarà memorabile

Domani la cerimonia d'apertura inaugura la 32esima edizione dei Giochi olimpici estivi: quelli rinviati, senza pubblico e senza leggende. Ma con sei ticinesi
Commento
3 gior

Il tempo sospeso dei reduci del G8

Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò
Commento
4 gior

La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)

La Masseria di Castel San Pietro rischia di scomparire. E stavolta non è colpa delle ruspe dei cementificatori
Commento
5 gior

Cuba e il fantasma della libertà

Il fronte filo cubano preferisce lo stereotipo rassicurante, perché non accetta la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro
Commento
1 sett

La Guerra Fredda riscaldata

Telefoni rossi, muri e le liti su Cuba a colpi di 'imperialisti' e 'comunisti'. Il mondo diviso in blocchi torna di moda come la musica anni 80
Commento
1 sett

Il nuovo ordine fiscale tra paure e speranze

La riforma del G20 è già stata definita enfaticamente una “rivoluzione”. No, siamo solo nell'ambito della correzione
Commento
1 sett

Gli Europei li ha vinti la radio (ode a Francesco Repice)

Del multimediale Euro 2020 resta la voce di un ‘semplice’ radiocronista in un atto poeticamente rétro: raccontarci una partita di calcio, nulla di più
Commento
 
13.03.2021 - 06:000

Il Molino, i due calvi e la tentazione del manganello

Non passano sei mesi senza che si torni a parlare dello sgombero del Molino. Ora ci si mette pure la campagna elettorale

Un cartello giallo con una scritta nera (ma di sicuro non è De André): “È vietato giocare a palla, andare in bicicletta, fare schiamazzi”. Sotto, il pennarello di mano ignota: “Allora mi drogo”. È un’immagine che gira da anni su internet, e torna in mente ogni volta che a Lugano si parla di sgombero del Molino. Cioè più o meno ogni sei mesi, ma soprattutto in campagna elettorale: i pistolotti legge-e-ordine portano voti, certi candidati hanno un gran bisogno di teste mozzate per compiacere le proprie Salomè. Se poi alcuni esagitati hanno la bella idea di andare a far casino in stazione, l’assist è a porta vuota.

Mi torna in mente, quel cartello, perché se ne potrebbe fare il motto d’una città sonnolenta, dove molti portano sì nuove idee e iniziative, eppure troppo spesso prevale la linea di chi al massimo va al Parco Ciani a parlare coi cigni. Lungo il Cassarate, invece, il Molino offre un’alternativa a molti che altrimenti non saprebbero dove sbattere la testa.

Sia chiaro: non si vogliono condonare le violenze di una frangia di molinari, gli stessi che hanno preso una nostra giornalista a testate sul naso. E neppure sdoganare i furori ideologici e l‘imporsi dei fanatici sugli autogestiti più aperti al dialogo, col rischio di allontanare molti benintenzionati. Ma non si possono neppure declassare tutti a “brozzoni”, come se decenni di musica, teatro, dibattiti, laboratori, accoglienza costituissero la più pidocchiosa delle storie, peraltro in una città dove si direbbe che ogni altra espressione artistica o culturale debba prima essere approvata da un apposito Politburo (pur con risultati a volte ottimi, come certi festival che ridanno linfa a strade e piazze).

Riesce poi difficile credere che per il Molino non ci sia spazio, all’ex Macello o altrove: un centro sociale c’è in tutte le città degne di questo nome. Certo, se gli stessi molinari si degnassero di confrontarsi col Municipio in modo più coeso e coerente sarebbe tutto più facile. Però sappiamo benissimo che la scelta non tocca a loro, e che comunque, come ha ricordato su ‘naufraghi.ch’ Franco Cavani citando Borges, stiamo assistendo alla “guerra tra due calvi per il possesso di un pettine”.

Il tutto in un momento nel quale la città e i suoi aspiranti politici dovrebbero preoccuparsi di problemi molto più gravi, da Agno a Cornaredo. A pensar male, viene da credere che il ‘caso’ Molino non sia nient’altro che un diversivo, per farsi vedere evitando come al solito di affrontare le rogne sempre più imbarazzanti della città: lo spopolamento, la vecchia palla al piede dello squallore edilizio e l’avanzata di (sotto)sviluppo urbano alla brasiliana, con sacche di disagio a due passi dalle Aston Martin e dai barboncini con la permanente. Problemi per i quali vale il caustico giudizio dell’ex sindaco/re Giorgio Giudici: “Oggi a Lugano sembra prioritario dimostrare il fare. Aggiungerei, il fare niente”.

In questa lacustre Rio de Janeiro il Molino rompe le palle, d’accordo, ma spezza anche un soffocante corsetto. E davvero riesce difficile pensare che una città possa definirsi tale senza ospitare la diversità e l’antagonismo. Per questo chi invoca lo sgombero mostra una violenza politica che dovrebbe destare più d'un dubbio, anche tra chi dei centri sociali se ne frega. Perché la legge che si fa manganello rischia di piombare sulla testa di tutti, prima o poi.


(Barzellette)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved