islam-dopo-il-si-all-iniziativa-spazio-ai-veri-quesiti
Keystone
Wobmann, presidente del Comitato di Egerkingen
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
16 ore

I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha

Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
1 gior

Nella padella del ‘woke’

L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
2 gior

La normalità di un Festival che doveva fare festa

Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
2 gior

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
5 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
6 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
laR
 
08.03.2021 - 06:00
Aggiornamento: 12:24

Islam, dopo il ‘sì’ all’iniziativa spazio ai veri quesiti

Minareti, niqab/burqa. E domani forse il velo a scuola. Ma sono altre le questioni che vanno affrontate in Svizzera.

Dodici anni dopo il divieto dei minareti, quello del velo integrale. Ma se la prima iniziativa del Comitato di Egerkingen prendeva di mira esplicitamente l’islam, quella per il ‘sì alla dissimulazione del proprio viso’ lo ha fatto solo in modo indiretto. Allora cadde un tabù, perché in gioco c’era un simbolo indiscusso per ogni credente musulmano; oggi non c’era alcun tabù da infrangere: si trattava in sostanza di decidere cosa fare del niqab, indumento indossato qui da un paio di dozzine di convertite e che suscita per lo più repulsione tra i 400mila musulmani che vivono in Svizzera.

Dal ‘sì’ di popolo e Cantoni non sono da attendersi conseguenze concrete per le donne interessate, né per altre/i. Sarebbe stato più o meno lo stesso in caso di ‘no’, d’altronde. Il “chiaro segnale” contro le derive dell’islam? D’accordo. Ma non è a colpi di segnale che si può sperare di costruire un sano dialogo inter-religioso, di gettare solide fondamenta per la convivenza civile.

Dodici anni: in questo lasso di tempo tematiche come il velo nelle scuole, la partecipazione di allieve musulmane ai corsi di nuoto, le strette di mano negate da allievi musulmani alle loro insegnanti, il finanziamento delle moschee e il terrorismo islamista sono balzate regolarmente agli onori delle cronache anche in Svizzera. È un bene che di simili ‘incidenti’ – rivelatori di trasformazioni sociali alle quali nemmeno la placida Confederazione può illudersi di sfuggire – si continui a dibattere. Come tutto sommato è stato un bene che in questi ultimi mesi si sia potuto parlare apertamente e in maniera pacata del ruolo della donna nell’islam. Ma domani, di cosa parleremo?

Non sappiamo ancora quale sarà la prossima mossa dei nostrani fustigatori dell’islam, occasionali campioni dei diritti delle donne. Il consigliere nazionale Walter Wobmann (Udc), presidente del Comitato di Egerkingen, afferma che col minareto e il velo integrale sono stati affossati due simboli tipici dell’islam politico e che non è il momento, adesso, di guardare al futuro.

Il futuro però è già incominciato. Con un’iniziativa popolare a livello cantonale (giudicata irricevibile dal Gran Consiglio vallesano e poi dal Tribunale federale) e un’iniziativa parlamentare (subito naufragata a Berna), il consigliere nazionale Jean-Luc Addor (Udc/Vs) ha già avviato la ‘crociata’ contro il velo nelle scuole. E la sua collega Marianne Binder-Keller (Alleanza del Centro) ha chiesto lo scorso anno al Consiglio federale di illustrare in che modo si possa creare una base legale affinché nelle scuole “sia garantita a tutti i bambini la possibilità di svilupparsi liberamente senza velo”. Il suo postulato è stato respinto. Ma il governo, pur ricordando che il Tribunale federale ha giudicato anticostituzionale un divieto generalizzato, non ha chiuso la porta a “soluzioni individuali e locali (...) più appropriate”, rispettose della competenza dei Cantoni in ambito scolastico.

Lo si è capito: non siamo al riparo dal rischio che altri dibattiti, più o meno sterili, distolgano nuovamente l’attenzione dai quesiti essenziali che interessano l’islam in Svizzera. Come ad esempio: quale tipo di riconoscimento accordare alle decine di organizzazioni musulmane esistenti? In che modo evitare che le moschee si trasformino in covi di estremisti, aizzati da imam radicali? Come vanno formati questi ultimi? Quali prospettive offrire ai giovani, musulmani e non? E qui non parliamo di simboli.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
comitato egerkingen iniziativa anti-burqa islam minareti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved