ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
47 min

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
47 min

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
1 gior

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
2 gior

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
3 gior

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
4 gior

Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre

Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
4 gior

L’era del tofu merluzzato

Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
4 gior

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
5 gior

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
1 sett

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
02.03.2021 - 18:50

La selva oscura dei sottosegretari

In Italia abbondano: quello all'Istruzione ha citato Topolino pensando fosse Dante, quella alla Cultura dice di non aver mai letto un libro in tre anni

la-selva-oscura-dei-sottosegretari
(Keystone)

Che dire del sottosegretario italiano all’Istruzione Rossano Sasso – fresco di nomina – che scrive su Twitter “chi si ferma è perduto, mille anni ogni minuto” pensando di citare Dante e invece cita Topolino? Che almeno legge Topolino. Il nuovo sottosegretario alla Cultura, nemmeno quello. Per sua stessa ammissione, Lucia Borgonzoni – ex candidata alla presidenza dell’Emilia-Romagna per la Lega – non apre un libro da almeno tre anni.

La figura del sottosegretario ha un che di mistico, una carica nata durante il Regno d’Italia che non è nemmeno prevista nella Costituzione repubblicana. Non dovrebbero esistere, eppure proliferano. Creature mitologiche, per metà umani e per metà risarcimenti: ufficialmente affiancano e aiutano il ministro designato, in realtà sono dei puntelli per mantenere in piedi equilibri più o meno precari. E spesso nascosti. Servono ad accontentare il partito che non ha avuto abbastanza ministri o quello che voleva proprio quel ministero lì, non quell’altro. E per recuperare raccomandati, silurati e poco lesti al gioco della poltrona, variante ad alta remunerazione di quello della sedia che tutti abbiamo fatto da bambini. Il tutto in attesa del sottosegretario definitivo: un petroliere all’Ambiente, il Mostro di Firenze alle Pari opportunità, il campione di Monopoly all’Economia, un parcheggiatore abusivo ai Trasporti, un no-vax alla Sanità, Paolo Maldini alla Difesa. 

Le vere competenze non contano per i ministri, figuriamoci per i sottosegretari. Uno si aspetterebbe una preparazione specifica e invece: Andrea Orlando (Pd) è stato ministro della Giustizia con Renzi, ministro dell’Ambiente con Letta e ora ministro del Lavoro con Draghi. O è un genio o c’è qualcosa che non quadra. Il ministro uscente dello Sport Vincenzo Spadafora (M5S) ha ammesso appena insediato di “non conoscere lo sport”. Per coerenza ha firmato una riforma del Comitato olimpico nazionale talmente malfatta che l’Italia rischia l'esclusione dalle Olimpiadi. Ecco, se questi sono i titolari, figuriamoci le riserve.

Quando escono le nomine dei ministri e poi dei sottosegretari si tira fuori il “Manuale Cencelli”, un prontuario di spartizione del potere creato negli anni ’60 da un funzionario della Democrazia Cristiana. Il manuale è una specie di bilancia che pesa l’importanza dei partiti e sputa fuori numeri e cariche. Funziona benissimo, a dispetto degli anni che passano, per ogni nomina pubblica, Rai compresa. Dice, ad esempio, quanti sottosegretari debba avere oggi la Lega: purtroppo non quanti libri dovrebbero avere letto. È così che chi legge Topolino arriva all’Istruzione e chi non legge proprio alla Cultura, nel silenzio più o meno generale. Anche perché alcuni quando parlano fanno ancor più danni. Come il segretario del Pd Nicola Zingaretti, ex Pci, che – mercoledì – davanti alla chiusura di uno dei programmi più trash della tv, “Non è la D’Urso”, twitta un messaggio solidale alla conduttrice (subito ribattezzata Barbara D’Urss) dicendole che lei sì “avvicinava la gente alla politica”. Un salotto ultrakitsch in cui chi era a caccia di consensi si faceva fare domande sparate a salve tra un morto di fama del Grande Fratello e un servizio sull’amante in fuga dal balcone (è successo davvero). Roba da rimpiangere le vecchie, noiosissime tribune politiche capaci di stenderti all’istante come solo il Lexotan e certi Gran Premi di Formula 1.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved