quando-e-il-credito-a-creare-la-moneta
Un momento della campagna dei favorevoli alla proposta (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
2 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
4 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
4 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
5 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
5 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
6 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
6 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
1 sett

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
1 sett

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
1 sett

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
08.05.2018 - 06:30
Aggiornamento: 07:03
di Generoso Chiaradonna

Quando è il credito a creare la moneta

L'iniziativa popolare 'Moneta intera' chiede di lasciare alla sola Banca nazionale la potestà di emettere i soldi necessari al sistema economico

Fra poco più di un mese i cittadini svizzeri – unici al mondo a poterlo fare – saranno chiamati a esprimersi su un’iniziativa popolare, denominata per brevità ‘Moneta intera’. Come è noto, il sistema elvetico basato sulla democrazia semidiretta permette a un gruppo di cittadini, oltre a potersi opporre all’entrata in vigore di una determinata legge (con il referendum), di chiedere delle modifiche costituzionali (attraverso l’istituto dell’iniziativa) in modo da recepire eventualmente le istanze della maggioranza dei cittadini e dei Cantoni (da qui la doppia maggioranza richiesta affinché un’iniziativa possa essere accolta).
Ora l’iniziativa ‘Moneta intera’, solo apparentemente complessa e per addetti ai lavori, chiede di dare alla sola Banca nazionale la potestà di emissione monetaria. Al comune cittadino questa richiesta appare una domanda ridondante: ‘Ma non è già così?’, risponderebbe l’ignaro elettore.

No, non è così. Bisogna, infatti, sapere che soltanto il dieci per cento del denaro fisico in circolazione è ‘prodotto’, per usare un termine tecnico-industriale, dalla Banca nazionale svizzera (è così all’incirca anche nel resto del mondo). Una piccolissima parte (meno dell’1%) è invece costituita da monete metalliche coniate dalla Confederazione. La stragrande maggioranza del circolante è quindi formata da denaro ‘virtuale’ o moneta bancaria che esiste solo come espressione numerica sui conti a vista della clientela delle banche commerciali. Tale moneta è creata da questi istituti attraverso l’emissione del credito, che a sua volta genererà depositi che a loro volta potranno diventare altri crediti e via di seguito, attraverso un meccanismo che la teoria economica ha definito ‘il moltiplicatore dei depositi e del credito’. In pratica è l’attività d’intermediazione finanziaria delle banche a creare, nell’ordine, ulteriori crediti, ulteriori depositi e in ultima istanza nuova moneta.

Gli iniziativisti chiedono che questo processo, per quanto riguarda i depositi a vista (in pratica il ‘denaro’ che si trova sui conti correnti), sia interamente lasciato alla Banca nazionale. Si tratta, spiegano, di una prerogativa già prevista dalla Costituzione federale e che l’accettazione del testo in votazione rafforzerebbe. Non solo, anche i rischi in capo ai risparmiatori, in caso di crisi finanziaria, sarebbero quasi del tutto assenti imponendo alle banche di iscrivere fuori bilancio – non tra gli attivi e i passivi della banca – i conti (non remunerati) del traffico dei pagamenti. L’attuale garanzia dei depositi fino a 100mila franchi in caso di dissesto è solo teorica e in futuro sostanzialmente inutile, se passasse l’iniziativa. Infine, gli utili attribuibili al sistema bancario grazie alla ‘potestà’ monetaria, con il nuovo ordine monetario andrebbero tutti a beneficio della collettività.

Per i contrari il sistema monetario svizzero va bene così e le proposte dei fautori della ‘Moneta intera’ sono – parole del presidente della Banca nazionale svizzera, Thomas Jordan – “inutili e pericolose”. In realtà le buone intenzioni degli iniziativisti (la volontà di rafforzare il sistema finanziario) sono state sottolineate oltre che dal banchiere Jordan, anche dal consigliere federale Ueli Maurer. Quello che spaventa è in sostanza il salto nel buio e la natura di ‘esperimento’ mai tentato prima da un’economia avanzata come è quella svizzera. A onor del vero bisogna aggiungere che anche la politica monetaria ultraespansiva dei tassi negativi è un esperimento mai tentato prima. L’eventuale rapido ritorno a una ‘normalità’ monetaria – con famiglie e imprese che si sono abituate a un costo del denaro molto basso – non è quindi privo di rischi e nessuno può escluderli a priori oggi.

© Regiopress, All rights reserved