laRegione
le-zone-grigie-di-un-bel-successo
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Nel Locarnese mano alle riserve

Un 2021 che si annuncia in trincea, tra cifre rosse, grandi progetti anticiclici e necessità di sostegno sociale
Commento
1 gior

I furbetti del vagoncino e la società de li perditempo

In quanto tempo si mangia un panino sul treno? I no-mask, è noto, ci mettono tutto il viaggio. Ma l'Ufficio federale dei trasporti ha la soluzione. Anzi no.
Commento
2 gior

Aiuti Covid, manca il coraggio politico

I 75 milioni di franchi votati dal Gran Consiglio per sostenere le Pmi probabilmente non saranno sufficienti
Commento
3 gior

Altro che ‘Sleepy Joe’: Biden preme sull’acceleratore

Con un tripudio di decreti esecutivi il 46esimo presidente cancella, come fosse un colpo di spugna, parte di quel trumpismo che ha avvelenato il paese
Commento
5 gior

Il liberismo spara sulla Posta

Invece di privatizzare Postfinance, perché non creare un istituto alternativo dedicato agli investimenti per l’ambiente e al sostegno di giovani imprenditori?
Commento
5 gior

Le parole che restano, da Luis Sepúlveda a Erminio Ferrari

Scrittori che con un occhio nel microscopio e uno nel telescopio hanno saputo analizzare le storture del mondo e orientarci verso la sua poesia
DISTRUZIONI PER L’USO
5 gior

Amanda, Miranda e Bernie: pensierini un po’ commossi

La poesia di Gorman letta all’insediamento di Joe Biden è una cosa da tirar fuori i Kleenex. Resta da capire perché
Commento
6 gior

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 sett

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
Commento
13.11.2017 - 09:250
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:12

Le zone grigie di un bel successo

Per capire la portata del traguardo tagliato dalla Nazionale rossocrociata, la conquista di un tagliando per i Mondiali di Russia, giova ricordare che l’edizione del prossimo anno rappresenta il settimo grande torneo al quale la Svizzera accede dagli Europei del Portogallo (su otto edizioni, all’appello mancano solo gli Europei del 2012). È il nono (su tredici eventi) dal lontano 1994, anno della Coppa del mondo statunitense, apice del ciclo affidato a Roy Hodgson.

Insomma, la frequenza con la quale gli elvetici si portano a casa il diritto di misurarsi con il meglio del calcio, che sia a livello continentale o mondiale, è da grande squadra. La buona sorte – a volte anche sfacciata – mitiga leggermente la soddisfazione che scaturisce alla semplice lettura delle statistiche, ma non cancella quanto i numeri dicono: la tendenza è positiva, la qualificazione è diventata una prassi, benché scontata non sia.

In passato l’abitudine la si faceva all’eliminazione, consolandosi con la sconfitta onorevole buona solo per perdenti che faticano ad ammettere di esserlo. Esserci continuamente, quindi, è un passo avanti, una conquista, lungo un processo di crescita inequivocabile. Per dirsi grande, però, alla Svizzera continua a mancare qualcosa. Al netto del valore di una squadra che sa farsi rispettare, forte quanto basta per prevalere sulle piccole (e non si dica che non ce ne sono più, di piccole...), capace di tenere il campo anche contro le grandi (sì, qualche grande c’è ancora), la selezione rossocrociata non riesce a compiere un ulteriore salto di qualità. Bene, a volte anche benissimo, ma senza quel guizzo che, tanto per restare in tema qualificazione, le avrebbe permesso di entrare in Russia dalla porta principale, senza chiedere il visto emesso dallo spareggio. Portogallo battuto, sì, ma rimasto lì, a stretto contatto, pronto a riprendersi lo scettro, alla prima occasione. E l’occasione è arrivata, a Lisbona. Dove la Svizzera non è mai giunta per davvero. Un limite, sì. Non inficia il percorso verso i Mondiali lastricato di successi, ma lo rende meno memorabile di quanto avrebbe anche potuto essere, con uno sforzo in più.
Aver messo sotto l’Irlanda del Nord, squadra debole (perché tanta fatica nel giudicarla tale?), è un atto dovuto alla sbandierata crescita di un gruppo che non si poteva certo esimere. Svizzera nettamente superiore, Svizzera qualificata. Un’equazione non così semplice da risolvere, ma nemmeno impossibile. Ecco, questa Svizzera ha imparato a non lasciare per strada quanto è nelle sue possibilità, ma ancora non è pronta per la consacrazione.

Come se mancasse sempre qualcosa. Come se non ne avesse la possibilità. Oggi è giusto celebrare l’ennesima qualificazione, grasso che cola se il confronto andasse davvero fatto con un’altra epoca calcistica, esauritasi più o meno a metà degli anni 90, mortificando la Romania a Usa ’94, spaventando l’Inghilterra in casa sua due anni dopo. Il confronto, però, va fatto con il passato prossimo, segnato dal medesimo ciclo di calciatori che calcano il campo ancora oggi.

Ne consegue che – non ce ne voglia la bella Svizzera di Petkovic, meritatamente qualificata alla fase finale della Coppa del mondo edizione 2018 – gli applausi sono sacrosanti. Restano però innegabili i limiti di personalità che a scadenze regolari emergono ancora. Figli, i primi, di una passione e di un attaccamento che il tecnico bosniaco ha fatto rifiorire, vittoria dopo vittoria. Tipici, i secondi, di una squadra alla quale forse non va chiesto più di così, benché essa stessa si ostini a dire di esserne capace.

© Regiopress, All rights reserved