credit-suisse-confrontata-con-perdita-trimestrale-e-malcontento
Keystone
ULTIME NOTIZIE Notizie Economia
Economia
2 gior

‘Blockchain, tecnologia ad alto potenziale ma poco compresa’

Intervista a Jenny Johnson, da due anni Ceo di Franklin Templeton. ‘Futuro con alti tassi di interesse, ambiente al quale i gestori non sono più abituati’
Economia
2 gior

La Fed ha perso 6-7 mesi e ora deve inseguire gli eventi

La conseguenza: una pericolosa accelerazione della stretta monetaria. Quadro economico assai incerto, soprattutto in Europa
Economia
1 sett

Ecco servito il caro-ipoteche: tassi ai massimi da dieci anni

Prime conseguenze dopo la decisione della Banca nazionale di alzare il tasso di riferimento. E secondo gli analisti non è finita
Economia
1 sett

Raiffeisen riconferma il CdA per i prossimi due anni

Assemblea generale ieri a Locarno. Il presidente Thomas A. Müller è stato confermato alla carica con il 96% dei voti
Economia
1 sett

Altri guai giudiziari per la filiale francese di Ubs

L’istituto bancario elvetico verrà processato per presunte molestie sui due ex dipendenti all’origine delle rivelazioni di frode fiscale
Economia
1 sett

Ubs e Credit Suisse rafforzano le loro basi patrimoniali

Entrambe le banche hanno superato i requisiti della regolamentazione ‘too big to fail’. Lo indica un rapporto sulla stabilità della Bns
Economia
1 sett

Competitività economica, la Danimarca fa meglio

La Svizzera perde il primato in classifica: ora è seconda in un podio completato da Singapore. Italia 41esima
Economia
1 sett

Accordi di libero scambio, risparmi per 2,3 miliardi in dazi

È quanto economizzato dalle imprese elvetiche nel 2020 per le loro importazioni (per un totale di 214,26 miliardi) in Svizzera
Economia
1 sett

Prezzi alla produzione e all’importazione sempre in crescita

Oltre ai prodotti petroliferi, più cari carne e legno. In controtendenza il settore farmaceutico e i computer
Economia
1 sett

Ripresa economica più lenta, ma costante

Nel primo trimestre Pil è cresciuto oltre le aspettative, ma gli effetti della guerra in Ucraina potrebbero incidere oltre il previsto
Economia
2 sett

‘Choc elettrico’ per Axpo: raddoppia il fatturato

L’impennata dei prezzi fa decollare i ricavi del gruppo: 6,0 miliardi nel primo semestre dell’esercizio 2021/22 anziché i 2,9 previsti
Economia
2 sett

Mille posti di lavoro in più in Irlanda grazie a TikTok

L’Isola di smeraldo si conferma un importante hub per l’Europa del social network: la forza lavoro sull’isola passerà a 3’000 unità
borse
2 sett

L’inflazione Usa vola ai massimi, i mercati affondano

Tonfo a Wall Street: solo nell’Ue bruciati 265 miliardi. La Borsa svizzera chiude in calo del 2,10%
Economia
2 sett

‘Inizio anno difficile, i bitcoin si sono rivelati inaffidabili’

Gli analisti di Ubs tracciano un bilancio del 2022: ‘L’inflazione diminuirà ma i prezzi resteranno alti’. Preoccupa l’approvvigionamento energetico
Economia
2 sett

Investimenti sostenibili, boom nel 2021: +30% a 1’983 miliardi

Secondo gli autori dello studio la crescita si spiega con l’aumento dei mezzi messi a disposizione e con l’andamento complessivamente positivo del mercato
25.04.2022 - 15:35
Aggiornamento: 16:00
Ats, a cura de laRegione

Credit Suisse confrontata con perdita trimestrale e malcontento

Venerdì si terrà l’assemblea generale degli azionisti. Non si escludono cambiamenti ai vertici.

Riflettori puntati su Credit Suisse (Cs) questa settimana: mercoledì la seconda banca svizzera presenterà i dati trimestrali che già si annunciano in profondo rosso, mentre venerdì si terrà l’assemblea generale degli azionisti. Non si escludono cambiamenti ai vertici.

Gli analisti si attendono una perdita trimestrale di circa 250 milioni di franchi, caratterizzata in particolare da massicci accantonamenti per dispute legali – pari a 700 milioni di franchi – e dagli effetti dell’invasione russa in Ucraina. Peserà anche la riorganizzazione avvenuta sulla scia della debacle di Archegos, nonché dei postumi del caso Greensill.

Già la scorsa settimana Credit Suisse aveva messo le mani avanti, annunciando una perdita nel primo trimestre del 2022.

Azionisti sul piede di guerra

Venerdì gli azionisti non si riuniranno fisicamente, ma sul tavolo ci saranno numerose questioni dopo gli ultimi mesi segnati da scandali e controversie. La proposta di discarico del Consiglio di amministrazione e della direzione per i due esercizi 2020 e 2021 sarà probabilmente l’highlight dell’assemblea che si terrà in diretta streaming: se dovesse essere accolta, i membri non potranno più essere ritenuti responsabili.

Il fondo sovrano norvegese, principale azionista di Cs, ha già reso noto che non concederà il discarico al Consiglio di amministrazione e alla direzione. È quanto emerge da un documento sulle decisioni di voto sul sito web del fondo, precedentemente riportato dal Financial Times.

Il fondo norvegese si è inoltre detto favorevole a una verifica speciale per i casi Greensill e Suisse Secrets, chiesta nelle scorse settimane da Ethos, la fondazione ginevrina attenta ai principi del buon governo d’impresa. Questa richiesta, tuttavia, è stata respinta dai rappresentanti degli azionisti Iss e Glass Lewis e ha dunque poche possibilità di essere accolta. Stesso discorso per quanto avanzato da Actares, associazione di azionisti per un’economia sostenibile, che chiede un adattamento degli statuti di Credit Suisse per ancorare una strategia sul clima e l’obbligo di reporting.

Non dovrebbero esserci sorprese in merito all’elezione dei membri del Consiglio di amministrazione, compreso il nuovo presidente Axel Lehmann.

Il caso Bermuda

A tenere banco in questi giorni sono però le controversie legali – in realtà relative a oltre dieci anni fa, a detta della banca – che alcuni analisti sospettano essere relative a un caso nelle Bermuda, territorio d’oltremare britannico.

La filiale assicurativa Credit Suisse Life Bermuda aveva perso davanti a un tribunale dell’arcipelago. Circa un mese fa, Credit Suisse ha annunciato che il caso potrebbe portare a un pagamento di oltre 500 milioni di dollari (oltre 470 milioni di franchi). La disputa legale riguarda le polizze di assicurazione sulla vita del miliardario Bidzina Ivanishvili, ex primo ministro della Georgia.

Dal 2011 al più tardi, il consulente ginevrino al soldo di Credit Suisse Patrice Lescaudron avrebbe sottratto centinaia di milioni dal patrimonio che gestiva per clienti facoltosi, tra cui Ivanishvili. L’accusa contro Credit Suisse è che la banca non abbia preso del tutto, o allora solo in misura insufficiente, provvedimenti per prevenire una "gestione fraudolenta".

Direzione: tre manager a rischio

Stando al domenicale zurighese Nzz am Sonntag, che cita fonti ben informate, questa settimana potrebbe anche portare diversi cambiamenti importanti nella direzione. Il capo giurista della banca Romeo Cerutti e il Ceo della regione Asia-Pacifico (Apac) Helman Sitohang potrebbero essere sostituiti, così come il responsabile delle finanze (Cfo) David Mather. Il primo è finito nell’occhio del ciclone a causa del caso delle Bermuda, mentre il secondo – a detta della stampa – sarebbe direttamente coinvolto nello scandalo Greensill.

Per la Nzz am Sonntag, la partenza di Mather sarebbe quella più sorprendente, rispetto alle possibili sostituzioni di Cerutti e Sitohang, poiché è sopravvissuto a tutti gli sconvolgimenti nella gestione dalla sua nomina nel 2010.

Un portavoce dell’istituto, contattato dall’agenzia finanziaria Awp, ha tenuto a precisare che "il Consiglio di amministrazione non ha ancora preso alcuna decisione" e ha poi aggiunto che "non appena le decisioni saranno prese, la banca le comunicherà".

Guerra in Ucraina

Credit Suisse si aspetta che anche la guerra in Ucraina abbia un impatto di circa 200 milioni di franchi sul risultato a causa di perdite e accantonamenti per perdite su crediti. Il risultato sarà inoltre influenzato da perdite di 350 milioni di franchi per la partecipazione nella piattaforma di fondi Allfunds, di cui Credit Suisse detiene l’8,6%. Il prezzo delle sue azioni si è quasi dimezzato dall’inizio dell’anno.

Complessivamente gli effetti negativi ammontano a 1,25 miliardi di franchi: queste perdite saranno in parte compensate dalla dissoluzione di accantonamenti relativi all’implosione del fondo statunitense Archegos, pari a 170 milioni di franchi, e da guadagni immobiliari, per 160 milioni. Al netto di questi effetti positivi, rimane però ancora un onere di oltre 900 milioni per il risultato trimestrale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
credit suisse greensill suisse secrets
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved