le-ingerenze-cinesi-colpiscono-anche-la-svizzera
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
5 ore

La replica dei comunisti

I dibattiti
8 ore

La Valle Morobbia è un quartiere di Bellinzona

Paudo non deve essere l’ombelico del mondo, ma certamente ha la dovuta attenzione, come tutto il resto del territorio cittadino
I dibattiti
6 gior

Uno per tutti, tutti per uno?

La riduzione del Contributo di Livellamento proposta dal Consiglio di Stato è una sorta di ‘solidarietà inversa’ dai comuni poveri a quelli più ricchi
I dibattiti
1 sett

Un Gigante giallo dai piedi di argilla

Chiudere gli uffici postali locali significa anche perdere in umanità. A Coldrerio ci si è messi di traverso
NAUFRAGHI.CH
1 sett

La rivolta degli schiavi di Amazon per cambiare l’economia

L'economista Christian Marazzi sul significato strutturale della battaglia per i diritti condotta dagli impiegati del colosso dell'e-commerce
I dibattiti
1 sett

Cultura aziendale e servizio pubblico Ssr, un binomio ottimale?

Un contributo di Nelly Valsangiacomo sulla visione budgetaria e manageriale della radiotelevisione e il ruolo sociale riconosciuto, a parole, nel mandato
I dibattiti
1 sett

Potere vuol dire responsabilità

Ci si chiede come facciano i Consiglieri federali a dormire la notte a fronte dell’enorme potere che hanno sulla vita dei cittadini
I dibattiti
2 sett

Un villaggio degli anziani a Vacallo

Alfine il Consiglio di Stato ha detto la sua, promuovendo la variante del Municipio. Adesso ci vogliono dei politici coraggiosi
NAUFRAGHI.CH
2 sett

La pandemia e la ‘libera volpe in libero pollaio’

I paladini della privatizzazione sono diventati statalisti, ma sempre per riempirsi le tasche
I dibattiti
2 sett

Casa anziani a Vacallo, né vincitori né vinti

Dopo la decisione del Consiglio di Stato sui ricorsi contro la variante di Piano regolatore. Ricorrenti pronti a non fermarsi qui
I dibattiti
2 sett

Chiacchiere e distintivo

Una politica di controllo scriteriata e anacronistica non colpisce solo giovani e cittadini, ma anche le forze di polizia, poste di fronte a una situazione difficilmente gestibile
I dibattiti
30.03.2021 - 05:300
Aggiornamento : 31.03.2021 - 11:48

Le ingerenze cinesi colpiscono anche la Svizzera

La recente polemica tra l'ambasciatore di Pechino a Berna e il Consiglio federale è solo l'ultimo di una serie di incresciosi episodi

"ll Consiglio Federale è bugiardo e calunniatore". Così lunedì scorso l'Ambasciatore della Cina a Berna ha insultato il Consiglio Federale svizzero, reclamando per le timide critiche contenute nel documento intitolato "Strategia Cina 2021-2024" diffuso dal Governo svizzero venerdì scorso. L'Unione Europea, gli Stati Uniti, il Canada, l'Olanda e diverse commissioni delle Nazioni Unite accusano e sanzionano il Governo e determinati alti funzionari cinesi a causa del genocidio praticato da anni in danno di minoranze etniche e religiose in Cina. L'art. 264a del Codice Penale svizzero elenca una serie di dieci comportamenti che sono punibili come crimini contro l'Umanità, fra i quali i lavori forzati, le deportazioni, il sequestro di bambini, l'uso sistematico dello stupro e della sterilizzazione forzata e altre atrocità documentate da migliaia di testimonianze e dai reportage delle principali catene televisive mondiali. L'Ambasciatore cinese a Berna ha pubblicamente sbugiardato il Consiglio Federale negando l'esistenza del genocidio cinese. La negazione di un genocidio è punibile per discriminazione razziale secondo l'art. 261bis del Codice Penale. Ciò significa che l'Ambasciatore cinese in Svizzera ha sfruttato l'immunità diplomatica per insultare il Consiglio federale e per commettere il reato di negazionismo. Ora tocca al Consiglio Federale e semmai alle Camere federali reagire contro questa rinnovata ingerenza pubblica cinese negli affari interni svizzeri.

Ma questa è soltanto una delle numerose interferenze: il Consiglio Federale ha già protestato per azioni di spionaggio cinese in Svizzera. Ha permesso ai servizi segreti cinesi di indagare in territorio svizzero sulla presenza di profughi delle etnie perseguitate dal Partito Comunista cinese. Il 9 maggio scorso, dieci Comuni del Cantone di Vaud avevano deciso di esporre la bandiera del Tibet in memoria della rivolta tibetana contro l'occupazione cinese del 1959. L'Ambasciata cinese è intervenuta e il Governo vodese ha scritto ai dieci Comuni, convincendoli a rinunciare. Quando il Presidente Xi-Jinping venne in Svizzera nel gennaio 2017 per partecipare al Summit economico a Davos, su intervento cinese, la Polizia svizzera lungo la tratta dello spostamento del Presidente cinese rinchiuse per ore cittadini svizzeri di origine tibetana, in modo che non si vedessero le bandiere tibetane. Giovedì scorso una trasmissione del telegiornale svizzero in cui si intervistava un giornalista francese è stata interrotta da un segnale cinese che impedì la continuazione dell'intervista. Anche il prof. Urs Hafner dell'Università di Basilea ha riferito di una serie di altre interferenze in territorio svizzero da parte di un'organizzazione del Partito Comunista cinese denominata "United Front", che contatta i cinesi in Svizzera, chiedendo loro di cooperare e che contatta tibetani e uiguri in Svizzera, in modo intimidatorio, facendo loro presente il rischio che corrono le loro famiglie che abitano in Cina.

C'è di peggio: le infiltrazioni più gravi sono quelle per condizionare i vertici delle organizzazioni internazionali, in particolare delle Agenzie delle Nazioni Unite, facendo eleggere fra i dirigenti dei funzionari cinesi oppure delegati di quei fragili paesi sottosviluppati che vengono comperati grazie ai miliardi distribuiti attraverso il canale d'infiltrazione economica cinese, denominato "Via della seta". Tutto bene per l'Unione democratica di centro (Udc), per voce del suo consigliere nazionale Köppel e del suo megafono Weltwoche, in aiuto della Camera di commercio Svizzera-Cina.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved