ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000

È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
6 ore

Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria

Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
la guerra in ucraina
16 ore

Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’

Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
guerra di date
16 ore

Gli ucraini cambiano la data del Natale, mai più insieme a Mosca

Decisione dei greco-cattolici, la Natività d’ora in poi il 25 dicembre e non più il 7 gennaio
italia
16 ore

Il tiramisù non è vegano, muore ragazza allergica al latte

Quattro indagati a Milano. Prodotto ritirato dal ministero della Salute
diplomazie
17 ore

La Cina insiste: ‘Palloni civili’. Un video la smaschera

Immagini del 2018 su un social network mostrano un test militare con un aerostato identico. Pechino se la prende con gli Usa
Estero
19 ore

‘Pray for Syria and Turkey’. L’inizio di un incubo

Il terremoto visto dal Ticino e con gli occhi della bellinzonese Sara Demir, con parenti sia in Turchia sia in Siria
Estero
20 ore

Turchia, del castello di Gaziantep non restano che macerie

Il terremoto miete vittime anche fra i monumenti storici: completamente distrutta la fortezza patrimonio dell’Unesco
Estero
22 ore

La visita dei parlamentari svizzeri a Taiwan preoccupa la Cina

Pechino critica i contatti ufficiali fra le autorità dell’isola che considera una provincia ribelle e i Paesi che hanno relazioni diplomatiche con la Cina
22.03.2021 - 17:33
Aggiornamento: 17:54

Ambasciatore cinese critica strategia di Berna verso Pechino

Secondo l'ambasciatore cinese a Berna, le accuse della Svizzera sulla situazione dei diritti umani in Cina sono infondate

Ats, a cura de laRegione
ambasciatore-cinese-critica-strategia-di-berna-verso-pechino
(Keystone)

L'ambasciatore cinese a Berna ha criticato aspramente la strategia ufficiale della Confederazione nei confronti di Pechino per il periodo 2021-2024. In diversi media, ha accusato la Svizzera di interferire negli affari interni della Cina.

"Purtroppo, la Svizzera lancia accuse infondate e attacchi al sistema politico, alla politica delle minoranze e alla situazione dei diritti umani in Cina", ha detto oggi l'ambasciatore cinese Wang Shihting al programma "Rendez-vous am Mittag" della radio svizzerotedesca SRF.

All'agenzia Keystone-ATS il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha indicato di aver preso atto delle dichiarazioni dell'ambasciatore. Comunque, il DFAE non commenta le affermazioni dei rappresentanti diplomatici in Svizzera.

Il Consiglio federale ha presentato venerdì scorso gli obiettivi e le misure della politica svizzera nei confronti della Cina per gli anni 2021-2024. Tra le altre cose, ha notato che le tendenze autoritarie sono aumentate in Cina negli ultimi anni, così come la repressione dei dissidenti e la persecuzione delle minoranze. L'esecutivo federale intende attuare nei confronti di Pechino una politica indipendente - disgiunta da una polarizzazione sino-americana - con un dialogo costruttivo e critico, anche sui diritti umani.

Di fatto il dialogo è sospeso da due anni, da quando gli Stati Uniti hanno pubblicato una presa di posizione sulla politica cinese nei confronti della minoranza musulmana degli Uiguri turchi. Ventidue stati hanno firmato il documento, compresa la Svizzera. La Cina ha successivamente cancellato il dialogo sui diritti umani previsto per l'agosto del 2019. E anche nel 2020 non ci sono stati ulteriori colloqui.

Nel contributo radiofonico di SRF, l'ambasciatore Wang Shihting ha affermato che la Cina è ancora disposta a continuare il dialogo sui diritti umani con la Svizzera. Il diplomatico ritene possibile anche rinnovare l'accordo di libero scambio tra Svizzera e Cina.

Riguardo alla minoranza musulmana uigura dello Xinjiang, l'ambasciatore cinese ha detto in un'intervista odierna con Tamedia che negli ultimi anni il governo di Pechino ha preso misure contro gli estremisti di quella regione che non sono diverse dalle pratiche antiestremismo di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. In tal modo la situazione della sicurezza nel territorio autonomo del Nord-ovest della Cina è migliorata significativamente. "Non ci sono campi di internamento, rieducazione o gulag", ha sostenuto Wang Shihting.

Intanto, per la prima volta da oltre trent'anni, l'UE oggi ha imposto sanzioni a Pechino per le violazioni dei diritti umani: i ministri degli esteri dei 27 stati membri hanno deciso di adottare misure punitive contro i responsabili dell'oppressione degli Uiguri. L'ultima volta che Bruxelles ha imposto sanzioni contro la Cina è stato dopo il massacro di piazza Tienanmen a Pechino nel 1989.

La Segreteria di Stato dell'economia (SECO), interpellata da Keystone-ATS, ha precisato che un'eventuale adozione di queste sanzioni europee da parte della Svizzera è attualmente oggetto di discussione interna al Consiglio federale. Al momento non è ancora stata presa una decisione in merito. La Confederazione non ha alcun obbligo legale o politico di adottare le sanzioni dell'UE. La valutazione viene fatta caso per caso sulla base di vari criteri di politica estera, economica e di diritto.

Leggi anche:

La nuova strategia di Cassis sulla Cina

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved