rete-due-e-la-resistenza-alla-cultura-on-demand
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
4 ore

La replica dei comunisti

I dibattiti
7 ore

La Valle Morobbia è un quartiere di Bellinzona

Paudo non deve essere l’ombelico del mondo, ma certamente ha la dovuta attenzione, come tutto il resto del territorio cittadino
I dibattiti
6 gior

Uno per tutti, tutti per uno?

La riduzione del Contributo di Livellamento proposta dal Consiglio di Stato è una sorta di ‘solidarietà inversa’ dai comuni poveri a quelli più ricchi
I dibattiti
1 sett

Un Gigante giallo dai piedi di argilla

Chiudere gli uffici postali locali significa anche perdere in umanità. A Coldrerio ci si è messi di traverso
NAUFRAGHI.CH
1 sett

La rivolta degli schiavi di Amazon per cambiare l’economia

L'economista Christian Marazzi sul significato strutturale della battaglia per i diritti condotta dagli impiegati del colosso dell'e-commerce
I dibattiti
1 sett

Cultura aziendale e servizio pubblico Ssr, un binomio ottimale?

Un contributo di Nelly Valsangiacomo sulla visione budgetaria e manageriale della radiotelevisione e il ruolo sociale riconosciuto, a parole, nel mandato
I dibattiti
1 sett

Potere vuol dire responsabilità

Ci si chiede come facciano i Consiglieri federali a dormire la notte a fronte dell’enorme potere che hanno sulla vita dei cittadini
I dibattiti
2 sett

Un villaggio degli anziani a Vacallo

Alfine il Consiglio di Stato ha detto la sua, promuovendo la variante del Municipio. Adesso ci vogliono dei politici coraggiosi
NAUFRAGHI.CH
2 sett

La pandemia e la ‘libera volpe in libero pollaio’

I paladini della privatizzazione sono diventati statalisti, ma sempre per riempirsi le tasche
I dibattiti
2 sett

Le ingerenze cinesi colpiscono anche la Svizzera

La recente polemica tra l'ambasciatore di Pechino a Berna e il Consiglio federale è solo l'ultimo di una serie di incresciosi episodi
I dibattiti
2 sett

Casa anziani a Vacallo, né vincitori né vinti

Dopo la decisione del Consiglio di Stato sui ricorsi contro la variante di Piano regolatore. Ricorrenti pronti a non fermarsi qui
I dibattiti
2 sett

Chiacchiere e distintivo

Una politica di controllo scriteriata e anacronistica non colpisce solo giovani e cittadini, ma anche le forze di polizia, poste di fronte a una situazione difficilmente gestibile
I dibattiti
3 sett

Dico no alla terza corsia fra Lugano e Mendrisio

Un altro pezzo di territorio rischia di essere cementificato. Poi ci sono gli effetti sulla salute: con il traffico aumenta lo smog
I dibattiti
3 sett

Paradossi al Macello

I dibattiti
06.12.2020 - 22:320

Rete Due e la resistenza alla cultura on demand

Tommaso Soldini sul progetto di trasformare la radio culturale della Rsi in un canale prevalentemente musicale

Quando si trattò di difendere il servizio pubblico dal durissimo attacco di chi percepiva come eccessiva la Billag, io, votando per la salvaguardia della Rsi, pensavo soprattutto all’informazione, agli approfondimenti e alla cultura. Insomma, si potrebbe quasi dire che pensassi a Rete 2.

Alla rete culturale che c’era, che in parte c’è ancora e che qualcuno, ormai sembra chiaro, sulla base di un principio di lettura della società che poco ha a che vedere con il mandato pubblico, vuole spazzare via. Qual è questo principio? Gli ascolti o, meglio, il rapporto tra costi di produzione e ascolti.

Se io fossi a capo di un giornale che deve garantirsi la sopravvivenza, infatti, non potrei prescindere da un ragionamento di questo genere; dunque potrei essere costretto a ridurre continuamente il numero di pagine dedicate all’approfondimento per rincorrere gli interessi del pubblico potenziale. Il rischio di diventare una Gazzetta dello sport mascherata sarebbe molto alto.

Sono però abbastanza sicuro che la ragione per cui ancora abbiamo dei giornali generalisti è che vi è una netta differenza, negli auspici dei lettori, tra quel che si consuma regolarmente e quel che si vuole che ci sia sul giornale che leggiamo. In effetti le notizie serie, le trasmissioni alte spesso capita che non abbiamo voglia di leggerle o di seguirle, perché abbiamo poco tempo o perché ci sembra che la stanchezza giustifichi una sorta di abbrutito ozio, e stiamo volentieri davanti a una trasmissione frivola e leggera, che ci consenta di staccare dai pesi della quotidianità. Sembra essere questa la (non più) nuova legge morale del cittadino occidentale. Staccare, rilassarsi, svagarsi. Ed ecco, come a voler ammansire le crisi di un eroinomane, le dosi di quiz televisivi, di film per tutti, di chiacchierate fresche e ridanciane.

Anche nell’informazione e nella cultura, fatta eccezione, appunto, per Rete 2 e per le poche trasmissioni di approfondimento che la dirigenza della Rsi continua a mantenere, ridere, essere simpatici è diventata una necessità. Non si può parlare di libri a meno che non vi sia un comico pronto a stemperare, a rinfrescare. La frivolezza deve essere sempre in scena, così come in alcune culture vi erano le prèfiche, ad assicurare la presenza di lacrime e strazio nelle diverse fasi del lutto.

Ma non è sempre così, perché capitano momenti virulenti come questo, in cui il desiderio di comprensione torna ad essere impellente. Negli ultimi mesi siamo stati compatti nel guardare le conferenze stampa dei nostri governi, abbiamo letto e ascoltato esperti di virus, politici, sociologi, abbiamo cercato risposte alle nostre ansie; abbiamo sospeso la necessità di staccare, di sorridere di tutto.

Molti hanno riscoperto, credo, il senso del servizio pubblico, capace di offrire un giornalismo alto, serio, professionale. La Rete 2, come per magia, è tornata ad essere la stazione radio ammiraglia della Rsi, pronta a raccogliere le esigenze della società, viva e pulsante proprio perché, per anni, ha svolto il proprio mestiere con la lentezza di chi sa che il divertimento sta anche nella comprensione.

Se tutti i proprietari di giornali, di reti radiofoniche e televisive si comportassero come chi oggi vuole depotenziare la radio culturale, Il mondo nuovo di Huxley non sarebbe quasi più una distopia, la dittatura della trasmissione fresca somiglierebbe sempre di più a quel “Soma” distribuito per intorpidire tutti. Se il servizio pubblico rinunciasse a scandagliare con lentezza la terra che abitiamo, forte del fatto che paghiamo perché lo faccia, per dirottare tutto ciò che è poco seguito sulla rete o, peggio ancora, per cancellarlo, agirebbe non solo in modo disonesto di fronte a chi paga il canone perché siano garantite trasmissioni di qualità, tradirebbe anche tutte quelle persone che hanno bisogno che il mondo della cultura sia pronto a dare risposte quando la vita lo rende necessario.

Nella Svizzera italiana esiste solo un’ultima redazione culturale ricca di personale e di infrastrutture ed è, appunto, quella di Rete 2. La magia del servizio pubblico è anche questa, chiede un contributo a tutti i cittadini per tenere vivo un atteggiamento che non deve per forza essere al centro degli interessi della maggior parte della popolazione. Seguire le mostre, i concerti, la programmazione cinematografica e culturale, gli spettacoli di danza, le pubblicazioni di narrativa, di poesia, i saggi letterari, storici. È un mondo vastissimo, che richiede sforzi, competenze e risorse. Dare credito e importanza alla vita culturale del paese non è solo parte del mandato pubblico, è anche un atto di pazzia, la pazzia di chi crede che la conoscenza sia un bene, sia bella in sé, a chi crede che il successo non risieda solo nel numero degli ascoltatori e delle risate a basso costo, ma anche nella lenta costruzione del senso e del sapere.

© Regiopress, All rights reserved