ULTIME NOTIZIE Estero
Italia
8 ore

Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati

Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
Canada
8 ore

Terrore all’atterraggio: aereo fuori pista, salvi i passeggeri

Un Boeing, proveniente da Vancouver, era appena arrivato all’aeroporto internazionale della regione canadese di Waterloo
Bielorussia
9 ore

Morto il ministro degli Esteri bielorusso: avvelenamento?

Sessantaquattro anni, aveva in programma un incontro con il suo omologo russo Serghei Lavrov: ‘Siamo scioccati’
Italia
9 ore

Selfie con estorsione: ‘Dacci 500 euro o ti picchiamo!’

Arrestati tre centurioni che fanno bella mostra di sé per i turisti nella capitale romana davanti al Colosseo
video
Italia
10 ore

Frana a Ischia: dispersi ed evacuati

Lo smottamento, provocato dalle intense piogge, ha invaso diverse case e travolto alcune auto in sosta, trascinandole fino al mare
Italia
11 ore

A Milano inaugurata la linea blu della metro che porta a Linate

Sarà un’apertura a tappe: al momento sono disponibili le prime sei stazioni che collegano l’aeroporto a piazzale Dateo
Italia
12 ore

Prendere di petto le elezioni: una pornostar per la Lombardia

Dopo Cicciolina a Roma e Sandy Balestra a Bellinzona si candida a governatrice meneghina Fortunata Ciaco al secolo Priscilla Salerno
Ucraina
14 ore

Mosca e le perdite in vite umane: oltre 86mila soldati uccisi

L’esercito russo ha perso anche caccia, elicotteri, droni senza contare le migliaia di carri armati, artiglieria, navi e missili abbattuti
eutanasia
1 gior

Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera

La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior

Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’

Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
thailandia
06.10.2022 - 15:12
Aggiornamento: 21:19

Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini

Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso

Ansa, a cura di Red.Estero
entra-nell-asilo-e-fa-una-strage-37-vittime-24-sono-bambini
Keystone
Il luogo della strage

Bangkok – Una strage senza senso, accanendosi su piccoli bambini indifesi in un luogo dove si sentivano protetti: 37 persone sono morte, tra cui 24 bambini, nell’attacco a un asilo compiuto da un ex poliziotto nel nord della Thailandia, di recente licenziato per uso e traffico di metanfetamine, che alla fine si è suicidato.

Una tragedia che giunge a due anni da un’altra uccisione di massa nel ‘Paese dei sorrisi’, allora ad opera di un soldato, e che ancora più di quella riproporrà riflessioni sull’ampia disponibilità di droghe a basso costo e armi in Thailandia.

La dinemica

Il killer, Panya Kamrab (34 anni), ha prima ucciso due adulti in un centro amministrativo provinciale e poi ha fatto irruzione subito dopo l’ora di pranzo in un piccolo asilo nel villaggio di Uthaisawan Na Klang, nella provincia settentrionale di Nong Bua Lamphu. Con una pistola di 9 millimetri e un coltello, lì ha ucciso 24 persone, tra cui 22 bambini (19 maschi e tre femmine, alcuni di soli due anni) e le due maestre, una delle quali incinta di otto mesi. Altre sette persone, tra cui un bambino, sono state uccise durante la fuga. L’ex agente si è poi tolto la vita a casa, dove ha anche ucciso la moglie, il figliastro di quattro anni, e altri due adulti.

Secondo la polizia locale, Panya sarebbe andato all’asilo in cerca del figlio nato da una precedente relazione della moglie. Non trovandolo, avrebbe iniziato a sparare e ad accoltellare i presenti. Per i bambini era l’ora del riposo: in alcune cruente immagini trapelate sui social media, si nota che le piccole vittime sono ancora distese sul loro giaciglio sul pavimento. E il bilancio sarebbe potuto essere ancora più pesante se non fosse stata una giornata di forti piogge, che avevano convinto alcune famiglie a tenere i bambini a casa.

Non è ancora chiaro cosa abbia fatto perdere la testa al killer. È però altamente probabile che l’uomo non fosse in sé a causa del recente licenziamento, deciso dopo essere stato arrestato perché vendeva metanfetamine. Si era dovuto presentare in tribunale poco prima di fare irruzione nell’asilo, in vista dell’imminente inizio del processo.

La strage ha scioccato un Paese dove, data la tipica assenza di violenza, gli standard di sicurezza sono molto rilassati, specie in una provincia come Nong Bua Lamphu, una zona rurale tra le più povere della Thailandia. La dinamica ricorda quella della sparatoria in una base militare e in un centro commerciale del nordest nel febbraio 2020, quando un soldato – anche lì con un desiderio di vendetta scaturito da un presunto torto sul lavoro – uccise 29 persone e ne ferì 58.

Droghe e povertà

Inevitabile collegare quest’ultima tragedia con l’alta diffusione di metanfetamine e armi da fuoco in Thailandia. Le pillole di ‘ya baa’ - la cosiddetta ‘droga dei pazzi’ – sono alla portata di tutti, e vengono consumate regolarmente da chi ha turni di lavoro massacranti per tirare a campare; il che, in un Paese dalle altissime disuguaglianze, significa un’ampia fetta della popolazione.

In constrasto con la sua immagine di Paese pacifico, la Thailandia è il secondo Paese del Sud-est asiatico per numero di morti in sparatorie, un numero più alto anche di quello degli Stati Uniti. È stato stimato che siano in circolazione 15 armi per ogni 100 thailandesi, il 60 per cento detenute illegalmente. La pistola del killer dell’asilo era regolarmente registrata, ha riferito la polizia, ma il problema rimane. Armi e droghe facilmente reperibili, uomini dall’ego fragile: un mix letale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved