Italia
01.10.2022 - 09:35
Aggiornamento: 03.10.2022 - 12:06

Prega sulla tomba del padre per 33 anni, ma non è lui

Al cimitero in Abruzzo. La scoperta da parte di una donna di 61 anni nel momento della traslazione della salma nell’ossario.

prega-sulla-tomba-del-padre-per-33-anni-ma-non-e-lui
Amen

È accaduto a Teramo, in Abruzzo, al cimitero comunale di Pineto. Qui giaceva un uomo, deceduto nella seconda metà degli anni Ottanta, e padre di una donna 61enne. La salma, secondo le norme che richiedono il trasferimento dopo un tot di anni, doveva essere traslata all’ossario. Così la donna contatta i servizi cimiteriali. Ma nel momento in cui i resti del caro vengono portati nel luogo della sua ‘seconda’ dimora si viene a sapere che la tomba sulla quale ha pregato per 33 anni non era quella del familiare ma di un perfetto sconosciuto.

Il magistrato, chiamato in causa dalla donna, è arrivato alla conclusione che lo scambio degli estinti è avvenuta fra la sepoltura e la posizione della lapide definitiva. Ma l’anziano custode nel frattempo è deceduto. C’è però un problema: la figlia non sa dov’è finito il padre e ha così intentato una causa volta a chiarire il mistero e a ottenere un maxi risarcimento di danni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved