ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
4 ore

Como, Varese e Sondrio, nelle province calano i voti

L’affluenza alle urne è diminuita, ma il centrodestra ne esce vincente. Il partito di Giorgia Meloni sbanca anche nella patria della Lega
Estero
4 ore

Meloni sulla testa di Letta e Salvini

Un riassunto di quel che è successo alle elezioni in Italia, ‘per chi l’ha visto e per chi non c’era’
Ecuador
4 ore

Naufragio alle Galapagos: l’unica svizzera a bordo sta bene

La donna era fra i passeggeri dell’imbarcazione protagonista di un grave incidente che ha visto la morte di quattro persone
Stati Uniti d'America
5 ore

Dodicenne spara al padre: aveva fatto un patto con un’amica

L’adolescente di una cittadina del Texas, a est di Dallas, avrebbe stretto un accordo con una coetanea per uccidere le due famiglie
Stati Uniti d'America
6 ore

New York non è una città per donne: casi di stupro in aumento

Critiche alla gestione della sicurezza sono rivolte alla polizia e all’Unità vittime speciali dopo l’incremento dell’11% dei casi
Italia
6 ore

Il leader dei Dem Enrico Letta non si ricandida alla segreteria

Dopo la sconfitta elettorale la sinistra fa il mea culpa e afferma di voler portare avanti “un’opposizione dura e intransigente”
Confine
8 ore

Como, approvato il nuovo piano di sicurezza in città

Più zone rosse, niente bottiglie di alcol in strada e bottiglietta d’acqua obbligatoria per chi porta a spasso il cane
italia
8 ore

I politici italiani? ‘Non hanno un amico’

Il comico Luca Bizzarri stila un breve bilancio sulle bizzarrie comunicative della campagna elettorale appena conclusa
Estero
9 ore

TikTok rischia 30 milioni di multa nel Regno Unito

L’azienda avrebbe violato la legge sulla protezione dati britannica non proteggendo adeguatamente le informazioni personali dei minori di 13 anni
Estero
11 ore

Spari in una scuola in Russia: 11 bimbi morti, suicida il killer

Uccisi anche due insegnanti e due guardie di sicurezza. La sparatoria a Izhevskn nella Russia centrale
Estero
12 ore

Un affarista russo ammette di aver fondato il gruppo Wagner

L’imprenditore, che sarebbe anche a capo di una ‘fabbrica di troll’ della propaganda di Mosca, aveva in precedenza negato collegamenti con i mercenari
Estero
13 ore

Per i media stranieri in Italia ‘al governo l’estrema destra’

Ampio spazio per le elezioni italiane e per Giorgia Meloni, di cui più di una testata sottolinea il ruolo di erede della tradizione politica neofascista
Estero
14 ore

‘La Russia non parli alla leggera di armi nucleari’

Il segretario di Stato americano Antony Blinken conferma le comunicazioni ad alto livello con Mosca
Estero
14 ore

 Pianificava una strage di massa, 37enne arrestato in California

Dopo l’arresto l’uomo ha minacciato di uccidere gli agenti e le loro famiglie
Estero
15 ore

Giorgia Meloni si prende l’Italia con numeri saldi per governare

Ampia maggioranza alle due Camere per la coalizione di centrodestra a guida Fratelli d’Italia, primo partito in tutto il Paese ad eccezione del Sud
Estero
19 ore

In Italia vince nettamente la destra

Elezioni politiche: 40% alla coalizione di Meloni secondo le proiezioni, centrosinistra fermo al 25%. Malissimo la Lega
Estero
1 gior

Meno italiani alle urne, più astensionismo al Sud

Chiusi i seggi alle 23. Inizia lo spoglio del Senato, toccherà poi alla Camera. Per i sondaggi il centrodestra è nettamente in testa.
Stati Uniti
1 gior

‘Se Mosca userà l’atomica risponderemo in modo deciso’

A dirlo oggi il consigliere del presidente americano
Serbia
1 gior

‘Non accetteremo l’esito dei referendum in Donbass’

Dopo la Turchia, anche il Paese balcanico prende le distanze dalle strategie di Mosca
Confine
1 gior

Como, la vista del lago scompare da piazza Cavour

Continuano i lavori per le paratie anti-esondazione. Le baracche da cantiere resteranno a ridosso della biglietteria fino alla prossima primavera.
laR
 
23.09.2022 - 07:20

Esclusiva: l’ultimo sondaggio a poche ore dal voto in Italia

La rilevazione ottenuta da laRegione fotografa un centrodestra avviato al trionfo, con Fratelli d’Italia forza egemone e Lega e Forza Italia in difficoltà

esclusiva-l-ultimo-sondaggio-a-poche-ore-dal-voto-in-italia
Keystone
  • Netto distacco del centrodestra rispetto a Pd e alleati
  • Cresce il Movimento 5 Stelle, che però non insidierebbe i Dem
  • Terzo Polo al di sotto delle aspettative, ma vince la sfida in area moderata

La coalizione di centrodestra trainata da Fratelli d’Italia, nelle intenzioni di voto degli italiani a tre giorni dalle elezioni, surclassa nettamente il centrosinistra orfano dei Cinquestelle, ottenendo il 44,3% dei consensi contro il 27,9% degli avversari. Maggioranza che potrebbe rivelarsi anche più ampia per Giorgia Meloni e i suoi alleati in Parlamento, in base al risultato dei collegi uninominali che assegnano il 37% dei seggi: qui la frammentazione e la lotta fratricida nello schieramento opposto fra il centrosinistra a egemonia Pd, il Movimento 5 Stelle e il ‘terzo polo’ (Azione - Italia viva) di Carlo Calenda e Matteo Renzi potrebbe avvantaggiare il centrodestra. Proprio a destra cala la Lega, sempre più lontana dalle cifre degli ultimi anni, ma anche Forza Italia, superata nell’area moderata dal terzo polo, che resta comunque al di sotto delle attese. Nel centrosinistra scende il Pd – che rimane comunque forza egemone della coalizione – mentre i Cinquestelle tengono e anzi crescono, pur senza riuscire a insidiare i Dem. Fuori dal Parlamento Italexit e la sinistra radicale di Unione Popolare.

Questo è quanto fotografa il sondaggio realizzato oggi da BiDiMedia e ottenuto in esclusiva da laRegione: la rilevazione, mancando meno di 15 giorni alle elezioni, non può essere pubblicata in Italia, ma nulla ne vieta la diffusione in Svizzera.

Cifre alla mano, dunque, anche volendo ipotizzare un fronte dei contrari unito – con una riedizione dell’alleanza "giallorossa" fra Democratici e Movimento Cinque Stelle e un’improbabile tregua fra quest’ultimo e l’accoppiata Renzi-Calenda sul tema del reddito di cittadinanza – nulla sembra poter fermare la corsa di Giorgia Meloni a Palazzo Chigi. Gli elettori indecisi ammonterebbero al 21%: una percentuale che, in base alle proporzioni attuali, comunque non sembra poter spostare di molto gli equilibri.

La Lega in discesa libera, sfida per l’area moderata

Dalle risposte degli intervistati alla data del 22 settembre salta all’occhio il calo della Lega, che vede i suoi consensi non solo ridotti di oltre due terzi rispetto allo sfavillante 34,6% delle elezioni europee del 2019, ma molto indietro anche rispetto al 17% delle ultime Politiche, nel 2018: un risultato che, se confermato, apre prospettive incerte per la leadership di Matteo Salvini, stretto fra gli imbarazzi degli alleati per l’eccessiva "simpatia" verso la Russia di Putin e i malumori interni da parte dell’ala più incline a posizioni moderate e meno sovraniste, vicina al governatore del Veneto Luca Zaia oltre che all’ex ministro Giancarlo Giorgetti.

Una discesa, quella del Carroccio, che insieme a quella di Forza Italia – anch’essa pesantemente ridimensionata rispetto alla precedente tornata elettorale – spinge in alto, come sull’altalena basculante, Fratelli d’Italia, che si conferma primo partito con il 26% delle intenzioni di voto nonché forza egemone della coalizione. Tuttavia il fronte sovranista a guida Meloni-Salvini, a oggi, non sembra ancora in grado di fare a meno dell’ala più moderata rappresentata dai berlusconiani.

Eventuali (e prevedibili) frizioni con gli alleati sovranisti su temi quali i diritti civili e i rapporti con l’Europa e la Russia, comunque, paiono spingere più di un forzista nelle braccia di Renzi e Calenda. Questi ultimi, da una parte, sembrano avviati a mancare l’obiettivo dichiarato del 10%, e con esso il sogno di diventare l’ago della bilancia; dall’altra, però, sorpassano al momento Forza Italia, rubandole consensi e vincendo la sfida per la leadership d’area.

Pd egemone a sinistra, Caporetto per Di Maio, tengono i Cinque Stelle

A sinistra cala, di poco, il Pd, che fagocita comunque quasi per intero i consensi della coalizione: in base al sondaggio, a superare la soglia del 3% è infatti solo l’Alleanza Sinistra/Verdi, che con il 4,1% migliorerebbe il risultato della formazione di Liberi e Uguali presente nel 2018 a rappresentare la sinistra "alternativa".

Si preannuncia invece una vera e propria catastrofe per Impegno Civico, la lista creata da Luigi Di Maio con gli ex Cinquestelle fedeli al governo uscente di Mario Draghi. Gli elettori grillini puniscono dunque l’ennesimo partitino senza alcun aggancio concreto col territorio e nato esclusivamente per manovre di palazzo: una Caporetto per l’ormai ex golden boy della politica italiana, a cui evidentemente essere prima protagonista della nascita del primo governo Conte, poi capo di un ministero di peso come gli Esteri non è bastato per acquisire una rilevanza politica indipendente dall’ombra del padre-padrone Beppe Grillo.

Gli elettori grillini restano insomma piuttosto fedeli a Giuseppe Conte e al Movimento 5 Stelle, che cresce dell’1,5% rispetto all’ultima rilevazione e risulta sostanzialmente stabile rispetto alle Europee del 2019, nonostante la scissione interna e i molti deputati che nel corso della legislatura hanno cambiato casacca. Pare sfumare il sorpasso sul Pd, ma la perdita di consensi sembra comunque arginata, nonostante la responsabilità nella caduta dell’esecutivo Draghi: a tenere vivo il Movimento potrebbe essere, soprattutto al sud, il tema di bandiera del reddito di cittadinanza, sempre più nel mirino non solo del centrodestra, ma anche del terzo polo.

Proprio a proposito del sud, e al di là di quanto può misurare un singolo sondaggio, va aggiunta un’ulteriore osservazione: è possibile che il dato del Movimento 5 Stelle sia comunque sottostimato in quei collegi meridionali dove i candidati grillini potrebbero essere già davanti al Pd. Laddove i due partiti sono storicamente più vicini, come in Puglia e in Campania, all’uninominale gli elettori Dem potrebbero infatti far convergere il loro ‘voto utile’ sui Cinquestelle. Questo indebolirebbe ulteriormente il Pd, ma al contempo potrebbe erodere la maggioranza del centrodestra al Senato, esacerbando le spaccature tra l’anima leghista e quella meloniana.

Fallisce il cartello della sinistra radicale, lo spumante resta tappato per Marco Rizzo

Tra i partiti minori, nessuna speranza per l’ennesima coalizione della sinistra radicale guidata dall’ex sindaco di Napoli e magistrato Luigi De Magistris, Unione Popolare, accreditata all’1,4% e, seppure in lieve crescita, evidentemente non in grado di raggiungere la soglia di sbarramento del 3%. Un’ulteriore sconfitta, dunque, analoga a quella della Rivoluzione Civile dell’ex pm Antonino Ingroia alle elezioni del 2013, e inferiore anche al risultato nel 2018 della singola lista di Potere al Popolo, membro dell’alleanza.

Si avvicina invece alla soglia del 3% Italexit: la lista dell’altro ex Cinquestelle (espulso) Gianluca Paragone, schierata su posizioni euroscettiche, sovraniste e No Vax, è accreditata al 2,4%. Che resta, comunque, molto più dello 0,7% previsto per Italia Sovrana e Popolare, guidata dal leader del Partito Comunista Marco Rizzo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved