ULTIME NOTIZIE Estero
intimidazioni in tutta Europa
54 min

Pacchi con sangue inviati alle ambasciate ucraine

Dopi i sei colli con esplosivo in Spagna, minacce anche in Italia, Polonia, Ungheria, Croazia e Paesi Bassi. Spediti anche occhi di animali
russia
1 ora

Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no

La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
1 ora

Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein

La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
francia
1 ora

Due bebè congelati trovati nel frigo, fermata una donna

La donna è residente nel piccolo comune di Bédoin, nel dipartimento di Vaucluse: ancora non si sa il tipo di legame con i due piccoli
Confine
2 ore

Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese

Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
7 ore

Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando

Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
Estero
12 ore

Kanye West esalta Hitler: Twitter lo blocca, Parler lo scarica

L’account del rapper è stato sospeso dal social, e anche la piattaforma di estrema destra americana dice ‘no, grazie’ alla proposta di acquisto
Estero
13 ore

È morto Issei Sagawa, il ‘cannibale giapponese’

Nel 1981 a Parigi uccise e mangiò una studentessa olandese. Dopo il ricovero psichiatrico, fu estradato in Giappone dove tornò in libertà
italia
23 ore

Frana di Casamicciola, le vittime sono 11

Recuperati altri tre corpi. Manca all’appello ancora una dispersa. Nuova allerta meteo: si prepara l’evacuazione di oltre mille persone
la guerra in ucraina
23 ore

Biden pronto a parlare con Putin

Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
myanmar
20.09.2022 - 21:37

L’esercito birmano attacca una scuola, uccisi 11 bambini

Raffiche da elicotteri e raid nelle classi, ‘cercavano ribelli’

Ansa, a cura di Red.Estero
l-esercito-birmano-attacca-una-scuola-uccisi-11-bambini
Gli effetti del bombardamento sulla scuola (Keystone)

Raffiche di mitragliatrici da elicotteri militari, e poi raid dei soldati classe per classe: almeno 11 bambini e sette adulti sono stati uccisi in Birmania - e altri 15 piccoli studenti, feriti, sono ricoverati in un ospedale nelle mani dei militari - in un attacco dell’esercito contro una scuola nel centro-nord del Paese, che ufficialmente aveva come obiettivo i ribelli armati che si oppongono al governo militare.

Un anno e mezzo dopo il colpo di stato che ha fatto precipitare la Birmania in una guerra civile, la strage di bambini conferma l’assenza di scrupoli di una giunta militare sorda alle richieste di democrazia della popolazione.

L’attacco è avvenuto venerdì scorso nel villaggio di Let Yet Kone, nella divisione di Sagaing, una delle aree dove è più attivo un movimento armato di resistenza alla giunta militare. Nel weekend i media statali avevano riportato la notizia dell’assalto - senza far menzione dei bambini - parlando di una "ispezione a sorpresa" contro ribelli che trasportavano armi utilizzando la scuola come nascondiglio, e che avrebbero aperto il fuoco per primi. La portata della strage è emersa però nei giorni successivi grazie a racconti di abitanti del villaggio a siti di informazione birmani indipendenti, nonché alle foto delle classi insanguinate diffuse sui social media.

Le testimonianze

L’amministratrice della scuola, Mar Mar, ha raccontato che gli elicotteri hanno iniziato a sparare mentre lei stava cercando di portare gli studenti in un nascondiglio sicuro all’interno dell’istituto, che si trova nel complesso di un monastero buddista e ospita 240 bambini dall’asilo alle elementari. "Hanno continuato a sparare dall’alto per un’ora. Non si sono fermati nemmeno un minuto", ha detto la donna, aggiungendo che poi circa 80 soldati hanno fatto irruzione sparando nelle aule.

Secondo alcuni residenti del villaggio, i corpi dei piccoli uccisi sono stati cremati già il giorno dopo dai militari, allo scopo di rimuovere qualsiasi traccia della strage. L’Unicef ha condannato l’azione dei militari: "Le scuole devono essere sicure. I bambini non devono mai essere attaccate", si legge in una nota del Fondo dell’Onu per l’infanzia, che chiede il rilascio "immediato e sicuro" dei 15 bambini prelevati dai militari e ancora in ospedale; secondo alcune testimonianze, alcuni dei bambini feriti hanno perso degli arti. Per quanto sia il più cruento di cui si abbia notizia, l’attacco di venerdì non è il primo contro istituti educativi dal golpe del 1 febbraio 2021: l’Onu ne ha documentati almeno 260.

Spirale di violenza

La strage è l’ennesima conferma di come la Birmania sia precipitata in un vortice di violenza di cui non si vede l’uscita. La giunta del generale Min Aung Hlaing, dopo aver deposto il governo guidato da Aung San Suu Kyi, ha represso nel sangue manifestazioni della popolazione inizialmente pacifiche, e da allora la resistenza ai militari è diventata armata e si è spostata nelle campagne, spesso unendosi a milizie ribelli di gruppi etnici in guerra da decenni contro il governo centrale. Almeno 3mila civili sono stati uccisi, e altri 15mila arrestati.

Suu Kyi, che ha 77 anni, è stata condannata per una serie farsesca di reati, accumulando già 17 anni di reclusione, con altri processi non ancora conclusi. L’economia è in ginocchio, un intero decennio di graduale transizione verso la democrazia è stato cancellato. Ma nonostante gli appelli internazionali, Min Aung Hlaing sembra intenzionato a mantenere il potere, costi quel che costi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved