ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
18 min

Fiscalità dei frontalieri, l’accelerazione fa sperare per luglio

Il governo italiano ha approvato il disegno di Legge che porta alla ratifica, ora tocca al parlamento. Mattarella domani in visita nella Confederazione
Video
Messico
3 ore

Sale ballando una scala sacra, turista linciata dalla folla

Una donna cammina lungo la piramide di Kukulkán ‘El Castillo’ nella penisola messicana dello Yucatán. Sarà multata
Italia
4 ore

Quattordicenne ridotta in schiavitù a Roma

Arrestati i genitori dell’adolescente costretta a violenze fisiche e morali: la giovane collocata in una struttura protetta
Confine
4 ore

Un riparo per i senzatetto nell’‘Emergenza freddo’

Da giovedì a Como l’ex caserma dei carabinieri si trasforma in un dormitorio per chi vive per la strada
Iran
5 ore

Rapper rischia la pena di morte: ‘Corruzione sulla Terra’

Toomaj Salehi è accusato di violazione delle leggi della Sharia, per la sua ‘cooperazione con Stati ostili contro la Repubblica islamica’
Gallery
Italia
6 ore

Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi

Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna
Italia
22 ore

Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati

Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
Canada
22 ore

Terrore all’atterraggio: aereo fuori pista, salvi i passeggeri

Un Boeing, proveniente da Vancouver, era appena arrivato all’aeroporto internazionale della regione canadese di Waterloo
Bielorussia
22 ore

Morto il ministro degli Esteri bielorusso: avvelenamento?

Sessantaquattro anni, aveva in programma un incontro con il suo omologo russo Serghei Lavrov: ‘Siamo scioccati’
03.09.2022 - 13:41

Beato per la guarigione miracolosa di undici anni fa

Domani la cerimonia per la beatificazione di Albino Luciani, al secolo Giovanni Paolo primo, il cui pontificato durò appena 33 giorni

Ats, a cura di Red.Web
beato-per-la-guarigione-miracolosa-di-undici-anni-fa
Keystone
Un pontificato durato poco più di un mese

Dal pericolo di morte imminente alla completa guarigione: è la storia, che risale al 2011, di una bambina argentina che allora aveva undici anni. Un miracolo per la Chiesa cattolica, attribuito all’intercessione di Giovanni Paolo primo (al secolo Albino Luciani), Papa per soli 33 giorni, dal 26 agosto al 28 settembre 1978, quando morì nel Palazzo Apostolico, ufficialmente per infarto miocardico acuto.

Proprio il riconoscimento di quel miracolo ha dato il via libera alla beatificazione, che avverrà domani in Vaticano, del Pontefice che i cardinali avevano eletto in Conclave dopo la morte di Paolo VI e che, da pastore, con stile sobrio, aveva sempre manifestato attenzione per gli ammalati, per i poveri e per il mondo operaio. Sarà una giornata storica anche a Canale d’Agordo (Belluno), paese natale di papa Luciani, che conta poco più di mille abitanti: domattina, gran parte della gente seguirà la cerimonia di beatificazione, presieduta da papa Francesco, attraverso un maxischermo allestito nella piazza centrale del paese intitolata proprio a papa Luciani, mentre una folta delegazione di canalini sarà in piazza San Pietro per assistere dal vivo all’evento.

Il miracolo della bambina argentina

La bambina argentina il 20 marzo 2011 ebbe un forte mal di testa che continuò per una settimana, poi si manifestarono febbre, vomito, disturbi comportamentali e della parola. Lo stesso giorno fu ricoverata d’urgenza a Paraná. Secondo quanto riportato in documenti vaticani, dopo gli esami e le cure del caso, fu formulata la diagnosi di "encefalopatia epilettica a insorgenza acuta, con stato epilettico refrattario ad eziologia sconosciuta". Il quadro clinico era grave, caratterizzato da numerose crisi epilettiche giornaliere, tanto che fu necessario intubarla.

Non essendosi riscontrato alcun miglioramento, il 26 maggio la piccola venne trasferita, con prognosi riservata, nel reparto di terapia intensiva di un ospedale di Buenos Aires. Il 22 luglio il quadro clinico peggiorò ulteriormente per la comparsa di uno stato settico da broncopolmonite. I medici curanti convocarono i familiari, prospettando la possibilità di ‘morte imminente’. Il 23 luglio 2011 (data del miracolo) – "inaspettatamente", si legge in un documento del Dicastero delle Cause dei Santi – vi fu un rapido miglioramento dello shock settico, che continuò con il successivo recupero della stabilità emodinamica e respiratoria.

L’8 agosto la paziente venne estubata; il successivo 25 agosto lo stato epilettico apparve risolto e il 5 settembre 2011 la paziente venne dimessa con prescrizione di terapia farmacologica e riabilitativa. La bambina riacquistò la completa autonomia fisica e comportamentale.

Si legge nel documento del Dicastero: "L’iniziativa di invocare il Venerabile Servo di Dio Giovanni Paolo primo fu presa dal parroco della parrocchia a cui apparteneva il complesso ospedaliero. Egli si recò al capezzale della piccola e propose alla madre di chiedere insieme l’intercessione del Venerabile Servo di Dio, al quale era molto devoto. Alle loro preghiere si unì il personale infermieristico presente in rianimazione. Le invocazioni furono rivolte esclusivamente a Papa Luciani. Le preghiere furono corali, individuali e antecedenti il viraggio favorevole del decorso clinico. È stato ravvisato il nesso causale tra l’invocazione al Venerabile Giovanni Paolo primo e la guarigione della piccola".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved