ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese

Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
5 ore

Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando

Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
Estero
10 ore

Kanye West esalta Hitler: Twitter lo blocca, Parler lo scarica

L’account del rapper è stato sospeso dal social, e anche la piattaforma di estrema destra americana dice ‘no, grazie’ alla proposta di acquisto
Estero
11 ore

È morto Issei Sagawa, il ‘cannibale giapponese’

Nel 1981 a Parigi uccise e mangiò una studentessa olandese. Dopo il ricovero psichiatrico, fu estradato in Giappone dove tornò in libertà
italia
21 ore

Frana di Casamicciola, le vittime sono 11

Recuperati altri tre corpi. Manca all’appello ancora una dispersa. Nuova allerta meteo: si prepara l’evacuazione di oltre mille persone
la guerra in ucraina
21 ore

Biden pronto a parlare con Putin

Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
22 ore

La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’

Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
22 ore

Giallo su sei pacchi bomba in Spagna

Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
22 ore

“La Nato non entrerà nel conflitto”

Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
01.09.2022 - 20:06

Sarah Palin umiliata in Alaska, eletta prima nativa dem

Passa ai democratici lo Stato che ha sempre votato repubblicano. Grand Old Party per la prima volta indietro nei sondaggi.

Ansa, a cura di Red.Estero
sarah-palin-umiliata-in-alaska-eletta-prima-nativa-dem
Keystone
Umiliazione per la protetta di Trump

Washington – Non brilla più l’ormai ex stella della destra Usa, Sarah Palin, la "pitbull col rossetto" che fece la storia nel 2008 diventando la prima candidata repubblicana a vice presidente nel ticket (perdente) con il senatore John McCain. L’ex governatrice dell’Alaska sognava il ritorno sul palcoscenico politico dopo oltre 10 anni con la benedizione di Donald Trump, di cui è considerata una progenitrice.

Invece è scivolata sui ghiacci di casa, perdendo la ‘special election’ suppletiva per l’unico seggio del suo Stato alla Camera Usa, vacante per qualche mese dopo la scomparsa del repubblicano Don Young, il deputato più longevo del suo partito (49 anni alla Camera). A batterla è stata Mary Peltola, che a sua volta fa la storia diventando la prima donna, la prima nativa (è una eschimese Yup’ik) e il primo esponente democratico in quasi mezzo secolo ad occupare questo scranno in uno Stato che ha sempre votato repubblicano in tutte le elezioni presidenziali sin dai tempi di Lyndon Johnson.

Nuovo sistema di voto

La vittoria (51,5% a 48,5%), arrivata nel giorno del suo 49esimo compleanno, è stata resa possibile anche dal nuovo sistema di voto a scelta multipla: gli elettori esprimono le loro prime tre preferenze, ma se nessuno ottiene il 50% passano i due candidati con più voti e le seconde scelte di chi ha votato per il perdente vengono redistribuite tra chi resta.

L’eliminato, Nick Begich, era anche lui un repubblicano e questo aveva fatto ipotizzare che la 58enne Palin potesse incassare gran parte dei suoi voti. Invece metà ha preferito Peltola, una dem moderata che ha fatto campagna sul diritto di aborto e sulla pesca (settore chiave in Alaska), ricevendo le congratulazioni di Joe Biden e della speaker della Camera Nancy Pelosi. Palin si è vista voltare le spalle dai repubblicani moderati e dagli indipendenti. Potrà tentare di rifarsi a Midterm, quando i tre candidati si sfideranno nuovamente per un mandato - stavolta biennale - nello stesso seggio.

Vento favorevole ai democratici

Ma la sua sconfitta sembra l‘ennesima prova delle difficoltà dei repubblicani e del buon momento per i democratici, che in un sondaggio del Wall Street Journal sorpassano per la prima volta il Grand Old Party nelle intenzioni di voto a novembre: 47% a 44%. Un recupero legato all’accresciuto sostegno tra indipendenti (38% contro 35%), donne e giovani. E alla mobilitazione sull’aborto e sui diritti, dopo che la corte suprema ha cancellato la storica sentenza ’Roe v. Wade’.

La debacle della Palin è un brutto colpo anche per Trump, che l’aveva sostenuta. E per il partito, sempre più timoroso che alcuni candidati estremisti appoggiati dal tycoon in Stati in bilico facciano sfumare la riconquista del Senato. Ma non è l’unica cattiva notizia per l’ex presidente, costretto a firmare un accordo con la commissione vigilanza della Camera per consegnare i suoi documenti finanziari, comprese le dichiarazioni fiscali. E sempre più incalzato dall’inchiesta dell’Fbi sui documenti classificati sequestrati nella sua residenza di Mar-a-Lago, dove la sua richiesta di nominare un ‘arbitro’ per esaminare le carte si è trasformata per ora in un boomerang, consentendo agli inquirenti di rivelare foto e ipotesi d’accusa pesanti. Come l’ostruzione alla giustizia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved