ULTIME NOTIZIE Estero
intimidazioni in tutta Europa
1 ora

Pacchi con sangue inviati alle ambasciate ucraine

Dopi i sei colli con esplosivo in Spagna, minacce anche in Italia, Polonia, Ungheria, Croazia e Paesi Bassi. Spediti anche occhi di animali
russia
1 ora

Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no

La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
1 ora

Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein

La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
francia
1 ora

Due bebè congelati trovati nel frigo, fermata una donna

La donna è residente nel piccolo comune di Bédoin, nel dipartimento di Vaucluse: ancora non si sa il tipo di legame con i due piccoli
Confine
3 ore

Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese

Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
7 ore

Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando

Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
Estero
12 ore

Kanye West esalta Hitler: Twitter lo blocca, Parler lo scarica

L’account del rapper è stato sospeso dal social, e anche la piattaforma di estrema destra americana dice ‘no, grazie’ alla proposta di acquisto
Estero
13 ore

È morto Issei Sagawa, il ‘cannibale giapponese’

Nel 1981 a Parigi uccise e mangiò una studentessa olandese. Dopo il ricovero psichiatrico, fu estradato in Giappone dove tornò in libertà
03.08.2022 - 22:29

S’infiamma ancora il Nagorno-Karabakh

Mosca pronta a intervenire: accuse incrociate di aver violato tregua tra Azerbaijan e Armenia e tre morti

Ansa, a cura di Red.Estero
s-infiamma-ancora-il-nagorno-karabakh
Parata per le vittime azere del conflitto (Keystone)

Torna ad infiammarsi la situazione nell’enclave contesa del Nagorno-Karabakh, dove una nuova escalation di violenza ha provocato la morte di due combattenti armeni e un azero, sollevando lo spettro della guerra del 2020. Riaffiorano gli antichi dissapori fra l’Azerbaigian e l’Armenia che oggi si sono accusate a vicenda di avere violato la tregua, riaprendo antiche cicatrici non del tutto guarite, mentre la Russia, già pesantemente coinvolta nel conflitto ucraino, si è detta pronta ad intervenire e mediare tra le parti. La miccia è stata accesa dopo che l’Azerbaigian e il Nagorno-Karabakh hanno denunciato ognuno la morte di propri combattenti. Il ministero della Difesa azero ha accusato i combattenti dell’autoproclamata repubblica di aver preso di mira le posizioni dell’esercito nel distretto di Lachin (sotta la supervisione delle truppe russe) uccidendo un soldato di leva.

Il Nagorno-Karabakh ha a sua volta puntato il dito contro gli azeri accusandoli di aver ucciso due combattenti e averne feriti altri otto. Baku ha poi precisato di aver preso il controllo di diverse alture strategiche nella regione contesa e di aver condotto un’operazione denominata "Vendetta" in risposta alle "azioni terroristiche di alcuni gruppi armati armeni sul territorio dell’Azerbaigian".

In serata il Nagorno-Karabakh ha annunciato "una mobilitazione parziale" ma ha aggiunto che la situazione era "relativamente stabile" e che "misure per stabilizzare la situazione" vengono prese assieme alle forze russe. Mosca da parte sua ha accusato "le forze armate azere di avere violato il cessate il fuoco e si è detta pronta a "stabilizzare" la situazione. "Il comando del contingente di mantenimento della pace russo sta adottando misure per stabilizzare la situazione insieme ai rappresentanti della parte azerbaigiana e armena", ha fatto sapere il ministero della Difesa russo citato dall’agenzia Tass.


In preghiera sulle tombe delle vittime armene (Keystone)

In campo è scesa anche Bruxelles. L’Unione Europea ha chiesto "l’immediata cessazione delle ostilità" e di "ridurre la tensione, rispettare pienamente il cessate il fuoco e tornare al tavolo dei negoziati per cercare soluzioni negoziate". Armenia e Azerbaigian, acerrimi nemici, hanno combattuto due guerre - nel 2020 e negli anni ’90 - sulla regione azera del Nagorno-Karabakh, popolata da armeni. Sei settimane di combattimenti nell’autunno del 2020 hanno causato più di 6.500 vittime e si sono concluse con un accordo di cessate il fuoco mediato dalla Russia. L’Armenia ha ceduto aree di territorio che aveva controllato per decenni e la Russia ha schierato circa 2.000 militari per sovrintendere alla fragile tregua, ostacolata dalle tensioni che continuano a emergere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved