ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese

Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
5 ore

Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando

Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
Estero
10 ore

Kanye West esalta Hitler: Twitter lo blocca, Parler lo scarica

L’account del rapper è stato sospeso dal social, e anche la piattaforma di estrema destra americana dice ‘no, grazie’ alla proposta di acquisto
Estero
11 ore

È morto Issei Sagawa, il ‘cannibale giapponese’

Nel 1981 a Parigi uccise e mangiò una studentessa olandese. Dopo il ricovero psichiatrico, fu estradato in Giappone dove tornò in libertà
italia
21 ore

Frana di Casamicciola, le vittime sono 11

Recuperati altri tre corpi. Manca all’appello ancora una dispersa. Nuova allerta meteo: si prepara l’evacuazione di oltre mille persone
la guerra in ucraina
21 ore

Biden pronto a parlare con Putin

Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
22 ore

La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’

Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
22 ore

Giallo su sei pacchi bomba in Spagna

Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
22 ore

“La Nato non entrerà nel conflitto”

Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
ucraina
29.07.2022 - 20:22
Aggiornamento: 21:10

Raid sul carcere coi prigionieri dell’Azov, rimpallo di accuse

Almeno 53 i morti nell’attacco. Zelensky al porto Odessa per la partenza del primo carico di grano

Ansa, a cura di Red.Estero
raid-sul-carcere-coi-prigionieri-dell-azov-rimpallo-di-accuse
Il simbolo del battaglione Azov (Keystone)

Erano diventati "eroi" dell’Ucraina dopo aver resistito per 10 settimane nell’acciaieria Azvostal agli incessanti missili russi su Mariupol. Oggi alcuni combattenti del reggimento Azov sono morti proprio là dove il battaglione era nato nel 2014 come gruppo di volontari contro i separatisti filo-russi nella regione del Donbass a causa di un bombardamento sul carcere di Olenivka dove erano detenuti insieme ad altri ucraini. Un bombardamento, che ha causato 53 morti e 130 feriti, su cui ora Kiev e Mosca si rimpallano la responsabilità.

Dopo la resa definitiva, il 20 maggio, dei capi del battaglione Azov, la Russia aveva trasferito circa 100 comandanti del reggimento, definito da Mosca "terrorista" e da anni accusato di convinzioni neonaziste, nel carcere Lefortovo a Mosca in attesa di un processo o di uno scambio di prigionieri. Altri erano stati portati alla colonia penale Sukhodol in Russia ma i russi aveva fatto sapere che la gran parte dei circa mille Azov erano stati portati nell’autoproclamata Repubblica del Donetsk. "Sono stati gli ucraini con missili Himars di fabbricazione americana, - accusa il capo dei filorussi Denis Pushilin - è ovvio che si tratta di un bombardamento intenzionale che mira a eliminare i membri del battaglione Azov che hanno iniziato a testimoniare".

Le controaccuse

Kiev contraccusa: "È una classica, cinica ed elaborata operazione condotta sotto falsa bandiera", attacca sostenendo che l’obiettivo dei russi, o dei separatisti, è sia di macchiare l’Ucraina di "crimini di guerra" agli occhi degli alleati sia di nascondere "la tortura dei prigionieri e le esecuzioni". Proprio oggi sui social media gira un video shock, ripreso da Nexta, che mostra un presunto mercenario russo che tortura e poi evira un presunto prigioniero di guerra ucraino con un taglierino.

Ancora missili

Il raid nel Donbass arriva dopo 24 ore di missili e sangue in tutta l’Ucraina. Quattro persone sono morte per un attacco russo alla fermata dell’autobus a Mykolaiv, città già presa di mira negli ultimi giorni.

Un altro raid russo è avvenuto a Kramatorsk, nel Donetsk, con almeno 2 morti e 5 feriti. Segnali che alcuni analisti interpretano come una reazione di Mosca dopo che gli ucraini hanno messo fuori uso il ponte di Kherson, occupata dai russi, con l’obiettivo dichiarato di riconquistare la città entro settembre grazie ai missili Himars e le altre armi di precisioni inviate dall’Occidente.

Il caso grano

Segnali poco incoraggianti per chi spera che l’accordo sul grano apra spiragli alla ripresa del dialogo tra Kiev e Mosca. La partenza delle prime navi in carovana, cariche di grano, dai porti di Odessa, Pivdennyi e Chornomorsk è imminente. Oggi Zelensky si è recato in visita ad uno dei porti dai quali i cereali partiranno alla volta del Mar Nero. Siamo pronti a esportare grano ucraino, stiamo aspettando segnali dai nostri partner per iniziare i trasporti", ha detto aggiungendo che "il primo carico dall’inizio della guerra è in corso su una nave turca".

Oggi il mediatore dell’accordo, Ankara, ha sentito Kiev per mettere a punto le questioni tecniche riguardo all’esportazione che stanno per essere completate e la prima nave partirà "il prima possibile", fa sapere il ministero della Difesa di Ankara. Ma si spera che in questa situazione di tensione almeno il grano prenda il largo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved