il-30-del-paese-e-distrutto-un-nuovo-ponte-puo-salvare-vite
Keystone
Un ponte distrutto a Irpin, a nord di Kiev
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Novartis conferma il decesso di due bimbi dopo terapia genetica

Il farmaco ha causato nei due pazienti una disfunzione al fegato. ‘I benefici restano superiori ai rischi’, afferma l’azienda farmaceutica.
Estero
3 ore

Samsung: erede del gruppo graziato dalla condanna di corruzione

Lee Jae-yong sarà ‘reintegrato’ per ‘aiutare a superare la crisi economica della Corea del Sud’, ha spiegato il ministro della Giustizia del Paese
Estero
14 ore

Incendi fuori controllo in Francia, il fumo arriva nel Vaud

Particolarmente colpito il sud-ovest del Paese: 400 ettari di foreste distrutti nel Giura francese
Confine
14 ore

Sangue a Como: ucciso un 70enne, feriti un bimbo e un ragazzo

Le tre aggressioni sono avvenute tutte nella stessa zona, a sud della città. Arrestato un 33enne di Albiolo.
roma
14 ore

Flop della banda del buco, ladro resta incastrato nel tunnel

Salvato dopo 8 ore dai vigili del fuoco, forse progettavano il colpo di Ferragosto
italia
14 ore

Accordo Renzi-Calenda, nasce il terzo polo

Obiettivo principale riportare Draghi a Palazzo Chigi. Il leader di Azione sarà il candidato numero uno
Estero
15 ore

L’Estonia chiude l’ingresso ai russi

Tallinn revoca visti e chiede lo stop Ue. Cremlino infuriato. La Germania dissente con la mossa estone e Kiev chiede spiegazioni
la guerra in ucraina
15 ore

Nuovi raid a Zaporizhzhia, scambi di accuse Mosca-Kiev

Guterres (Onu): smilitarizzare l’area. In Crimea distrutti 8 jet russi
libano
15 ore

Prende ostaggi in banca per disperazione, la folla sta con lui

L’uomo, armato, voleva recuperare i suoi soldi congelati dalle banche.
stati uniti
15 ore

Trump non ha risposto 400 volte

L’ex presidente festeggiato nel suo golf club in New Jersey, ma il procuratore James pensa di portarlo a processo
Estero
18 ore

Barcone di migranti si capovolge al largo di Lampedusa

Non ci sarebbero vittime. È successo mentre erano in corso le operazioni di soccorso
Confine
20 ore

Svolta green per la navigazione sul lago di Como

Una motonave da 350 posti diesel-elettrica andrà a incrementare la flotta. La gara telematica avviata terminerà il 30 agosto
Confine
21 ore

Turismo boom a Como. Prima nella classifica italiana

Nel primato intervengono pure fattori legati al suo brand, cresciuto enormemente grazie anche alla presenza di molte celebrità
Estero
22 ore

Lavoro, la pandemia ha toccato maggiormente i giovani

La fascia d’età tra i 15 e i 24 anni ha perso più impieghi rispetto agli adulti. Lo indica l’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo)
Confine
22 ore

Monteviasco offre gestione gratuita dell’ostello per rilanciarsi

Il Comune del Varesotto a poca distanza dal Ticino cerca un gestore per la struttura attualmente inutilizzata per rilanciarsi dopo l’isolamento
la conferenza di lugano
laR
 
07.07.2022 - 08:22
Aggiornamento: 15:47

‘Il 30% del Paese è distrutto, un nuovo ponte può salvare vite’

Il ministro delle Infrastrutture ucraino Kubrakov chiede aiuti subito, anche modesti: ‘Con 500mila euro strutture temporanee che possono essere decisive’

Nello stesso momento in cui, a Villa Ciani, il premier ucraino Denys Shmyhal limava con Ignazio Cassis gli ultimi dettagli della Dichiarazione di Lugano, il ministro delle Infrastrutture Oleksandr Kubrakov entrava all’Hotel Pestalozzi, letteralmente dall’altro lato della strada, per una colazione di lavoro. Nel buffet ci sono torte, brioche e bevande di ogni tipo, c’è chi si contiene e chi si abbuffa. Kubrakov si farà portare solo un bicchier d’acqua e non toccherà nemmeno quello. Ha voglia e fretta di parlare, esprime un’urgenza che fa passare in secondo piano persino la sete. Non ci gira intorno: «Abbiamo bisogno di soldi». Tanti, maledetti e subito. Tanti e maledetti non lo dice, anche se lo fa intuire, ma «subito» lo ripete più volte.

Man mano che parla, si capisce che esistono obiettivi a breve termine da perseguire e lui è venuto sin qui soprattutto per quello. Kubrakov e Shmyhal come una coppia da telefilm, il premier nei panni del poliziotto buono e paziente che mette nero su bianco l’impegno e la fedeltà ai sette princìpi stabiliti dalla Conferenza, i cui risultati si vedranno solo col tempo. A Kubrakov tocca il lavoro sporco: insomma, è quello venuto a fare la questua, ma con validi argomenti. «Nella zona di Kharkhiv, tra le più colpite dalla guerra, non sono stati colpiti solo edifici di primaria importanza, come scuole e ospedali. In alcuni casi non c’erano e non ci sono più nemmeno le strade. L’importanza di una strada in buone condizioni è spesso sottovalutata da chi guarda le cose da fuori».

Per questo il ministro ucraino sceglie un esempio molto semplice e diretto: «Dopo aver riasfaltato una di quelle strade siamo riusciti a ridurre il tempo di percorrenza di un tratto di 40 chilometri da oltre 2 ore a 40 minuti. Abbiamo spostato più velocemente le armi in un’area vicina al fronte e allo stesso tempo abbiamo salvato un sacco di vite. Quando si è in guerra metterci la metà del tempo ad arrivare in ospedale può fare la differenza tra la vita e la morte».

Kubrakov sa che insistere sugli aiuti per armamenti o su infrastrutture legate solo all’attività militare non attira troppe simpatie a Occidente. Chiaro che ponti e strade servono a tutti, civili compresi. Su quello si concentrano le richieste del ministro, che ricorda anche come a oggi sono circa 320mila le persone rimaste senza un tetto: «Ormai oltre il 30 per cento delle infrastrutture del Paese sono state distrutte. Ci sono aeroporti e porti fuori uso o ridotti a capacità minime, ci sono strade su cui prima di rimetterci mano bisogna chiamare sminatori e artificieri, la ferrovia è fortemente danneggiata, sono stati bombardati ospedali e scuole. Tutto quello che fa funzionare un Paese è già danneggiato o potenzialmente sotto attacco».


Cassis e Kubrakov durante la Conferenza (Keystone)

E torna, nel suo discorso, la cifra sventolata anche da Zelensky e Shmyhal, 5 miliardi: è quello che le casse dello Stato ucraino perdono ogni mese di guerra. A proposito di questo Kubrakov ricorda il ruolo ingrato del ministro delle Finanze: «I soldi in questo momento sono destinati per la quasi totalità agli armamenti e al primo soccorso. Eppure basterebbe poco, almeno per gli standard occidentali per rimettere in piedi il Paese con strutture temporanee eppure vitali. Sono stampelle, ma stampelle che fanno tutta la differenza tra muoversi e restare fermi. «Un ponte temporaneo ha costi tra i 500mila euro e il milione, quindi relativamente economico. Si può tirare su in tempi brevi e garantisce benefici a cascata già sperimentati in questi mesi di guerra».

Per capire meglio l’enormità di questo 30 per cento fuori uso è bene ricordare quanto è grande l’Ucraina, che copre una superficie di 600mila chilometri quadrati, più grande della Francia o della Germania, il doppio dell’Italia. Il solo, martoriato Donbass è grande quanto tutta la Svizzera più mezza Lombardia.

«L’Ucraina aveva un ramificato sistema di trasporti su rotaia. Vogliamo svilupparlo ulteriormente in futuro e abbiamo già un accordo per una linea veloce tra Kiev e Varsavia. Inoltre treni e trasporto su gomma stanno diventando fondamentali dopo i problemi con i porti sul Mar Nero. Fino al giorno dell’invasione l’80 per cento del nostro export transitava via mare. Inoltre anche i porti sul Danubio (che per il 4% passa in territorio ucraino) hanno una capacità ridotta tra il 30 e il 40 per cento. Per questo ci siamo attivati per accelerare i controlli della merce via terra con accordi con i nostri partner europei». Tra le esportazioni di peso c’è il grano, i cui campi sono inutilizzati solo per il 10 per cento, il resto c’è ancora e cerca solo una strada sicura per uscire. Anche quella, come tutto, ha un prezzo. La colazione è finita, chissà Kubrakov come vede il bicchiere che non ha neanche toccato, se mezzo pieno o mezzo vuoto.


Il 30% delle infrastrutture è distrutto (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
conferenza lugano kiev lugano oleksandr kubrakov russiaucraina ucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved