l-ultimo-goccio-della-guerra-del-whisky
L’isola Hans (Wikipedia)
+1
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Como, via i posteggi per assessori e consiglieri comunali

È stato il primo atto del sindaco Rapinese. Gli stalli sono ora riservati ai cittadini che si presentano in Municipio per sbrigare pratiche.
Belgio
2 ore

Salmonella nel cioccolato: stop alla produzione a Wieze

Lo annuncia il colosso della lavorazione di cacao Barry Callebaut. Sospesa anche la vendita di prodotti finiti
Stati Uniti
3 ore

Cento milioni di vaccini in vista dell’autunno

Coronavirus, gli Stati Uniti giocano d’anticipo e fanno ‘spesa’. Il contratto include dosi per adulti e dosi per bambini
Ucraina
4 ore

L’Aiea perde nuovamente il contatto con Zaporizhzhya

Saltata la connessione remota con i sistemi di sorveglianza della centrale nucleare. Grossi: ‘Ancora più necessaria una visita alla struttura’
Estero
15 ore

Stragi di Parigi, Salah Abdeslam condannato all’ergastolo

Per l’unico superstite dei commando kamikaze autori delle stragi jihadiste del 2015 nessuna possibilità di riduzioni né di sconti di pena
Estero
16 ore

Usa, Trump nei guai dopo rivelazioni su assalto Capitol Hill

L’assistente dell’ex chief of staff lo ha accusato di aver istigato i suoi fan a marciare per ribaltare il voto pur sapendo che alcuni erano armati
Estero
16 ore

Israele: Bennett non parteciperà a prossime elezioni

Il leader di Yamina ha spiegato che resterà ‘per quanto sarà necessario’ premier alternato a fianco dell’attuale ministro degli esteri Yair Lapid
Estero
22 ore

Finlandia e Svezia nella Nato: avviata la procedura

Durante il vertice in corso a Madrid è stato inoltre deciso un nuovo concetto strategico per l’alleanza militare
Confine
22 ore

Parcheggio stazione unica a Camerlata, lo scandalo prosegue

Promessa da mesi l’apertura, ma l’area di sosta si fa ancora attendere. Ora la nuova scadenza annunciata parla di luglio
Estero
23 ore

Biden annuncia più forze Usa in Europa

Il presidente degli Stati Uniti lo ha comunicato oggi aprendo il summit Nato a Madrid
Estero
23 ore

Johnson: ‘Se Putin fosse donna non avrebbe attaccato l’Ucraina’

Il primo ministro britannico ha descritto la guerra come un ‘perfetto esempio di mascolinità tossica’
Confine
1 gior

Rissa al carcere Bassone, un detenuto in gravissime condizioni

È accaduto nella tarda mattinata di ieri. Il 28enne è già stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico
Estero
1 gior

Ue, accordo raggiunto: stop a motori a combustione entro il 2035

Se le misure verranno confermate, non potranno essere venduti auto e furgoni nuovi a benzina e diesel
Italia
1 gior

In barba alla pandemia, il vino italiano va a gonfie vele

Il valore dell’imbottigliato nella vicina Penisola sfiora i 10 miliardi di euro, con vendite in crescita del 12%
Estero
1 gior

‘Trump sapeva che c’era gente armata al comizio’

Lo ha detto Cassidy Hutchinson, braccio destro dell’ex chief of staff Mark Meadows.
Estero
1 gior

Caso Epstein, a Ghislaine Maxwell pena massima: 20 anni

L’ex ‘socialite’ britannica ritenuta colpevole di aver adescato e manipolato minorenni perché fossero sessualmente abusate dal finanziere Jeffry Epstein
Estero
1 gior

’Ndrangheta, in Svizzera il gestore di un giro di soldi sporchi

Un 52enne italiano residente nella Confederazione è considerato il ‘dominus’ di un giro di affari che reinvestiva all’estero i soldi della malavita
Estero
1 gior

La sfida di Edimburgo: ‘Referendum per la secessione nel 2023’

La first minister scozzese Nicola Sturgeon annuncia un voto ‘consultivo’. ‘La democrazia scozzese non sarà prigioniera di Johnson o di un altro premier’
Estero
2 gior

Dalla Casa Bianca trapelano dubbi sulla vittoria ucraina

Fonti interne all’amministrazione Usa discutono dell’opportunità che Kiev ‘moderi le sue aspettative’ accettando anche perdite territoriali irreversibili
Confine
2 gior

Infrazioni a sei cifre a cavallo del confine

Intercettati beni per un valore complessivo di 1’734’342 euro non dichiarati da parte della Guardia di finanza. E pure una cartella ipotecaria
Estero
2 gior

Strage di migranti in Texas: complice il caldo, 46 morti

Fra le vittime, rinvenute in un camion abbandonato a San Antonio, quattro bambini. Il governatore attacca Biden: ‘Queste morti sono le sue’
Estero
2 gior

A Roma brucia un capannone, le fiamme non si fermano

Finora le persone rimaste intossicate sono poco più di una trentina, tra i quali quattro poliziotti; trasportati all’ospedale una donna con un bambino
diplomazia
22.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 20:27

L’ultimo goccio della Guerra del whisky

Danesi e canadesi hanno trovato l’accordo per i confini dell’Isola Hans, dove si facevano dispetti a suon di bandiere e bottiglie da quasi mezzo secolo

Con quali Paesi confina il Canada? Gli Stati Uniti. E, da una settimana, anche con la Danimarca, che si trova dall’altra parte del mondo. Sembra una di quelle bizzarre domande da quiz nei pub, quelle in cui – se rispondi esattamente – magari riesci a stupire gli astanti e anche a berti un bicchiere di whisky gratis. Solo che in questo caso il whisky è rimasto incastrato per 50 anni tra la domanda e la risposta dando anche il nome alla migliore delle guerre, quella dove non è morto nessuno.

La "guerra del whisky" è una disputa territoriale tra danesi e canadesi che ha avuto i suoi momenti di tensione, ma anche – se non soprattutto – di comicità involontaria. Poco più di un grande scoglio emerso nel gelido stretto di Nares, tra le coste nordoccidentali della Groenlandia e l’isola canadese di Ellesmere, l’isola Hans era per gli inuit un posto come un altro per andare a cacciare orsi, uccelli e altri animali che vivono a latitudini estreme. La chiamavano Tartupaluk, che nella lingua locale vuol dire ‘rene’, per la sua somiglianza con il rene umano. Solo più tardi, in tempi di esploratori artici, divenne l’Isola Hans, dal nome di Hans Hendrik Suersaq, il primo inuit a pubblicare un resoconto dei suoi viaggi.


Un comandante alza la bandiera danese sull’isola (Wikipedia)

Per i groenlandesi, e per estensione i danesi (di cui la Groenlandia fa parte), quell’isola è sempre stata affar loro. Nel XIX secolo, però, i canadesi hanno iniziato a reclamarla per sé. Erano anni in cui litigare per un avamposto più vicino al Polo Nord che alla civiltà era solo un impiccio, e la questione rimase congelata, con vaghi pezzi di carta in cui di fatto si rimandava la questione più in là, senza fissare confini precisi.

Tutto tacque per altri 60 anni, con l’isola che continuava a essere una tappa tra le tante per cacciatori e pescatori della zona. Si passava da una parte all’altra senza pensare alla Danimarca, al Canada o al confine. Se devi cacciare un orso su un’isola nell’estremo nord del mondo non ti fermi per rispettare una frontiera che nemmeno si sa bene dov’è.

La Guerra del maiale

Eppure in Canada di isole contese e confini poco chiari ne sapevano qualcosa sin dai tempi di un’altra guerra con un nome strano, "La Guerra del maiale", con un solo morto: appunto, un maiale. Era il 1859 dalle parti dell’Isola di Vancouver, quindi all’estremità opposta del Paese, che all’epoca non era ancora indipendente (lo sarà nel 1867), ma una colonia britannica. La questione riguardava l’appartenenza delle isole San Juan, rimasta sfocata e quindi interpretabile in ogni modo. Risultato: la Compagnia della Baia di Hudson (la compagnia commerciale più antica del Canada) avviò un ranch sull’isola, mentre alcuni americani sbarcarono in cerca di una terra in cui vivere. La coesistenza sembrava possibile fino al giorno in cui un contadino, tal Lyman Cutlar, sparò a un maiale britannico fuggito dal controllo di Charles Griffin, un irlandese a cui era stato affidato il ranch. Il maiale, di razza Large Black (tipicamente britannica), aveva mangiato per l’ennesima volta le patate coltivate da Cutlar. Anche per questo, per alcuni è la Guerra del maiale e delle patate.

Cutlar, convinto di aver sbagliato a uccidere l’animale offrì 10 dollari come risarcimento, ma Griffin ne chiese 100 (circa 3’000 franchi di oggi). Davanti al rifiuto di pagare da parte di Cutlar, le autorità britanniche annunciarono il suo arresto. Gli americani reagirono, e da tuberi e maiali si passò a baionette e militari: i primi 66 arrivarono sull’isola con l’ordine di non far sbarcare i britannici. Preoccupati che una popolazione eccessiva di coloni americani cominciasse a occupare San Juan, Londra inviò tre navi da guerra. L’escalation aumentò fino all’arrivo di quasi tremila uomini e oltre 80 cannoni, ma a riportare tutto su un piano più ragionevole fu il contrammiraglio Robert L. Baynes, che si oppose alla richiesta di un attacco dicendo "due grandi nazioni in guerra per un litigio su un maiale è la cosa più sciocca che abbia mai sentito".


Una targa ricorda la guerra sfiorata tra britannici e americani in Canada (Wikipedia)

Il problema venne risolto quando arrivò sul tavolo del presidente statunitense dell’epoca, James Buchanan, che cercò una via diplomatica fino a ridurre la presenza militare a non più di 100 uomini, con i britannici confinati nell’angolo a nord. Si instaurarono perfino rapporti di amicizia. E ancora oggi la Union Jack viene issata dai ranger americani del parco, completando la bizzarria. Gli stessi ranger dicono ai visitatori che la maggiore minaccia alla pace sull’isola durante quegli anni fu "la grande quantità di alcol disponibile".

Inuit, alcolici e confini

Tornando all’Isola Hans, l’alcol lì non c’era, ma danesi e canadesi hanno pensato bene di portarcelo, peggiorando le cose. Prima, nel 1973, riuscirono a mettere nero su bianco un accordo senza confini precisi. Poi, nel 1983, l’articolo di un giornalista danese invitato da una compagnia petrolifera che stava facendo dei sopralluoghi intorno all’isola, riaprì il dibattito. I canadesi inviarono dei soldati sul posto, proprio come fecero quasi un secolo e mezzo prima a San Juan. In più pensarono di portarsi una bandiera e una bottiglia di whisky, la loro bevanda nazionale: il messaggio era chiaro. Pochi mesi dopo, in seguito a una serie di accuse e minacce incrociate, il ministro degli Esteri danese dell’epoca si recò sull’isola in elicottero, fece piantare una bandiera del suo Paese e seppellì nel terreno una bottiglia di liquore.


L’isola vista dall’alto in mezzo agli iceberg (Wikipedia)

Furono solo i primi di una dozzina di episodi portati avanti sia da militari che da civili. E così l’isola incontaminata dove gli inuit inseguivano gli orsi è diventata un deposito di bandiere e alcolici: whisky canadese di qua, liquori danesi di là, in quel misto di patriottismo ad alta gradazione che innalza la pericolosità di qualsiasi scontro fra nazioni, dallo stadio alla trincea, quella vera.

Qua, per fortuna, ci si è fermati prima. Uno scontro tra giganti disabitati: la Groenlandia, infatti, è l’isola più grande del mondo, Ellesmere la decima (subito dietro la Gran Bretagna, quasi il doppio dell’Islanda). Fanno 60mila abitanti la prima, 191 la seconda. Ma quel conta, per chi comanda, erano ormai i confini marittimi e i contratti eventuali per le trivellazioni.

Ad abbassare il livello di tensione, dopo quasi mezzo secolo, è stata la mossa a sorpresa di Danimarca e Canada, che hanno deciso di dividere a metà l’isola, con una frontiera di appena un chilometro che esisterà per loro, per tutti, ma non per gli inuit, che sembrano i veri vincitori di questa contesa assurda e anche un po’ John Lennon: ‘Per noi non è cambiato nulla allora, non cambia oggi, la nostra grande nazione va oltre i confini’.

Per suggellare la pace i due ministri degli Esteri si sono scambiati una bottiglia di amaro Gammel Dansk e una di whisky. Per chi volesse brindare, da quelle parti non mancherà il ghiaccio.


I due ministri degli Esteri e lo scambio di bottiglie dopo la firma (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bandiere canada confini danimarca groenlandia guerra isola isola hans maiale whisky
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved