preoccupa-il-vaiolo-delle-scimmie-primo-caso-in-italia
La malattia al microscopio (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Nato, via al processo di ratificazione di Svezia e Finlandia

Oggi la firma dei protocolli di accesso all’Alleanza atlantica. Stoltenberg: ‘Giornata storia per tutte le parti in causa’
Confine
2 ore

Tragedia in montagna: il Cervino si prende due vite

Gli alpinisti svizzeri vittima di una caduta nella zona della Cresta del Leone, sul versante aostano
Estero
3 ore

Marmolada, è ancora corsa contro il tempo

Riprendono le ricerche dei dispersi dopo il crollo del seracco. Impiegati anche quattro droni
Stati Uniti
4 ore

Fermato il presunto killer della parata di Chicago

Individuato nella zona a nord della città dell’Illinois, l’uomo è stato arrestato dopo un breve inseguimento
Confine
13 ore

Val Grande, turista svizzero disperso

Senza esito le ricerche di un confederato sparito domenica. Sarebbe dovuto giungere a Fondotoce. Dopo un bivacco in capanna, non si è più visto
Estero
13 ore

Ucraina, nel Regno Unito la prossima conferenza dei donatori

Lo ha confermato a Lugano la ministra degli Esteri britannica Liz Truss. L’appuntamento è per il 2023.
Estero
13 ore

Bosnia: condanne per estorsione pellegrini italiani Medjugorje

Due alti funzionari statali accusati di corruzione, criminalità organizzata e abuso d’ufficio trascorreranno 14 e 10 anni in carcere
Estero
14 ore

Putin: ‘Avanti con l’offensiva’

La seconda fase dell’invasione russa nel Donbass è iniziata: Mosca punta a conquistare il Donetsk
Estero
16 ore

Sparatoria in Illinois alla parata del 4 luglio, sei le vittime

Stando ai media statunitensi diverse persone sono rimaste ferite. È caccia allo sparatore, non ancora localizzato
19.05.2022 - 21:36
Ansa, a cura de laRegione

Preoccupa il vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia

L’Oms vigila. Altri contagiati erano stati segnalati in Svezia, Spagna, Portogallo e Regno Unito. ‘Sintomi lievi e basso pericolo di trasmissione’

Un nuovo virus si affaccia in Europa e negli Usa suscitando forte preoccupazione, ma al momento non si registra una situazione di allarme: è il vaiolo delle scimmie, infezione che generalmente si manifesta in forme non gravi nell’uomo e diffusa soprattutto in Africa. Dall’inizio di maggio, vari casi sono stati segnalati in alcuni Paesi europei e oltreoceano, e oggi un primo contagio è stato confermato anche in Italia e altri due attendono conferma.

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sta monitorando la situazione che è in "rapida evoluzione", ed in Italia il ministero della Salute ha avviato un sistema di sorveglianza dei casi e allertato le Regioni. Ad oggi, dopo i primi casi segnalati nel Regno Unito per un totale di 9, contagi sono stati registrati in Portogallo e Spagna - dove è stato dichiarato uno stato di allerta - ma anche in Svezia e in Italia. Altri casi sono segnalati in Usa e Canada.


La malattia potrebbe essere stata trasmessa dai roditori (Keystone)

Il primo contagio nel Regno Unito sarebbe stato ‘importato’ dopo un viaggio all’estero in un’area endemica, gli altri sarebbero autoctoni. Sempre nel Regno Unito, secondo le autorità sanitarie britanniche, le trasmissioni sono concentrate, senza un legame causale individuato, nella comunità gay.

In Italia, il primo caso riguarda un uomo di ritorno dalle isole Canarie, ricoverato in isolamento. In generale, la malattia spesso si esaurisce con sintomi che si risolvono spontaneamente entro 14-21 giorni, non è molto contagiosa tra gli uomini e si trasmette attraverso l’esposizione alle goccioline di saliva e i contatti stretti con lesioni cutanee infette o con lo scambio di liquidi corporei come nei rapporti sessuali. I sintomi (tra cui febbre, mal di testa, dolori muscolari e eruzioni cutanee) possono essere lievi o gravi.

Il serbatoio originario del virus, secondo l’Oms, è sconosciuto anche se è probabile che sia tra i roditori. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) - che la prossima settimana pubblicherà un rapporto sulla valutazione del rischio - ha invitato le organizzazioni di salute pubblica ad adottare "misure per aumentare la consapevolezza sulla potenziale diffusione del vaiolo delle scimmie nelle comunità di individui che si identificano come Msm", ovvero uomini che fanno sesso con altri uomini, "o che hanno rapporti sessuali occasionali o che hanno più partner sessuali", esortando anche a valutare la vaccinazione dei contatti stretti ad alto rischio con il vaccino antivaiolo, come sta già accadendo nel Regno Unito.

L’Oms ha infatti ricordato che il vaccino antivaiolo è efficace anche contro il vaiolo delle scimmie: i più anziani sono dunque coperti ma non i più giovani dal momento che tale vaccinazione non è più praticata dai primi anni ’80. Un vaccino (MVA-BN) e un trattamento specifico (tecovirimat) sono stati approvati per il vaiolo delle scimmie, rispettivamente nel 2019 e nel 2022, ma, avverte l’Oms, non sono ancora ampiamente disponibili.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
malattia oms vaccino vaiolo scimmie
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved