ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
15 min

Il ritorno delle bandiere ucraine nel Donbass

Kiev si riprende Lyman, snodo strategico nel Donetsk. La Nato avverte Putin: ‘Reazione dura se userà il nucleare’
Estero
33 min

Brasile al voto: Lula si riprende la scena ma il Paese è diviso

Nonostante la campagna più polarizzata nella storia del colosso verde-oro, l‘ex sindacalista è convinto che sarà ’facile ristabilire pace e democrazia’
Confine
34 min

La Lombardia vista come ‘capitale italiana della ’ndrangheta’

È quanto emerge dalla relazione dalla Direzione investigativa antimafia inoltrata in questi giorni al Parlamento
Confine
3 ore

Valmorea, centinaia di persone al tributo per don Renzo Scapolo

Sabato pomeriggio si è celebrata l’intitolazione del ‘Parco dell’accoglienza’ dedicato all’ex parroco di Caversaccio tra ritratti e testimonianze
Estero
3 ore

Re Carlo non parteciperà alla conferenza sul clima

Nonostante negli anni passati vi abbia partecipato, quest’anno il sire non presenzierà all’incontro seguendo il consiglio della premier Truss
Italia
4 ore

Curato grazie a Maradona, nei guai per spaccio

Per l’ex bimbo di Acerra salvato (e curato in Svizzera) dal Pibe de Oro sono scattati gli arresti domiciliari e la revoca del reddito di cittadinanza
Iran
5 ore

Caso Mahsa Amini: da inizio proteste morte almeno 92 persone

L’Ong Iran Human Rights ha accusato le forze di sicurezza di aver ‘represso in modo sanguinario’ le rivolte
Italia
8 ore

L’Odissea degli ultimi: nel 2022 sono 1’400 i morti in mare

In quasi dieci anni, sono invece 25mila le persone che hanno perso la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo
Iran/Usa
9 ore

Onu, liberato Baquer Namazi insieme al figlio

L’uomo, ex responsabile dell’Unicef, era stato incarcerato nel febbraio del 2016. Entrambi erano stati condannati a dieci anni di prigione per spionaggio
Bosnia ed Erzegovina
10 ore

Di elezioni generali e profonde crisi politiche

Oggi le votazioni ‘federali’ nel Paese balcanico, fra lo spettro dei nazionalismi e dei populismi
Portogallo
1 gior

Pedofilia: il vescovo di Fatima indagato per copertura abusi

Il religioso è rimasto sorpreso dall’informazione, fornitagli da una persona legata ai media: “Collaborerò per chiarire queste situazioni drammatiche”
04.05.2022 - 20:54

Scontro sul petrolio russo, Orban fa slittare le sanzioni Ue

La Commissione europea ha presentato il sesto pacchetto di misure. Nella black list anche il Patriarca di Mosca Kirill

di Mattia Bernardo Bagnoli, Ansa
scontro-sul-petrolio-russo-orban-fa-slittare-le-sanzioni-ue
Keystone
Graduale indipendenza dal petrolio russo

Strasburgo - La Commissione europea ha finalmente presentato il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia, ormai una sorta di Godot legislativo. E dalle reazioni, si capisce il motivo. Le misure prevedono infatti nuovi oligarchi nella black list, tra cui il Patriarca Kirill, l’espulsione da Swift della Sberbank (la principale banca russa), un colpo alla propaganda di regime ma, soprattutto, l’atteso embargo al petrolio. Graduale e con delle deroghe a Ungheria e Slovacchia, troppo dipendenti dal greggio di Putin per farne a meno all’improvviso. Concessioni che però non sono bastate a Budapest: "Così com’è non sosterremo la proposta", ha tuonato il portavoce del governo di Orban, minacciando di fatto il veto. Ma, come spesso accade in Europa, il quadro è più complesso.

Intanto una nota procedurale. La Commissione ha inoltrato ai Paesi il pacchetto sanzioni solo nella notte tra martedì e mercoledì e stamattina, alle 8.30, la presidente Ursula von der Leyen era già nell’emiciclo dell’Eurocamera di Strasburgo a illustrarne i contenuti. "Il futuro dell’Europa si scrive anche in Ucraina", ha dichiarato nel suo discorso. Dunque basta al greggio russo "entro sei mesi" e ai prodotti raffinati "entro la fine dell’anno". Un addio dolce per permettere "ai nostri partner di assicurare vie di approvvigionamento alternative e di ridurre al minimo l’impatto sui mercati globali". Poi ha messo le mani avanti. "Non sarà facile: alcuni Stati membri sono fortemente dipendenti dal petrolio russo, ma dobbiamo farlo e basta". Nessun accenno alle deroghe. Quella parte si è appresa quando i 27 hanno iniziato ad analizzare il testo, riuniti al Coreper, l’organo dei rappresentanti permanenti all’Ue.

Il "non sarà facile" di von der Leyen, per alcuni osservatori, nasconde una specie di ‘forcing’ della Commissione, stanca delle trattative infinite. Che siano i Paesi, era il ragionamento, ad assumersi le loro responsabilità - con il relativo putiferio per chi minaccia il veto. Cosa poi puntualmente avvenuta. "Gli Stati Ue che continueranno a opporsi all’embargo sul petrolio saranno complici dei crimini commessi dalla Russia in territorio ucraino", ha attaccato il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba in un video messaggio.

Dall’altra parte, però, ci sono pure le procedure europee da rispettare, per quanto astruse, con i Paesi gelosi delle loro prerogative, restii a fare da passacarte della Commissione. Ecco dunque la necessità di avere qualche giorno di tempo per analizzare il documento, valutarlo, declinarlo nelle varie specificità. Nessuna fumata nera, quindi, ma semplice "logica delle cose". "Non vedo impedimenti insormontabili, entro la fine della settimana il pacchetto sarà approvato", confida una fonte Ue.

Certo, ora tocca alla politica e la politica è l’arte delle possibilità. Budapest fa la voce grossa, pubblicamente, ma nelle ovattate stanze del Coreper pare che i toni fossero differenti.

L’obiettivo di Ungheria e Slovacchia potrebbe essere quello di ottenere delle "compensazioni" ulteriori oltre alla deroga "fino al 2023" che consentirà l’estinzione naturale dei contratti (ma resta il divieto di stipularne di nuovi). E anche altri a questo punto (si fa il nome di Repubblica Ceca e Bulgaria) chiedono trattamenti ad hoc. La Grecia poi, forte della sua potente flotta, contesta la penalizzazione delle sue petroliere, dato che la Russia userebbe altre navi, con poco effetto sull’embargo ma molto sul business greco. "Siamo nella fase mercato delle vacche", azzarda un’altra fonte. Nulla però che (a oggi) possa davvero affondare l’operazione.

La conferma verrebbe anche dalla sponda inglese. Il Regno Unito ha annunciato che la Russia e le sue aziende vengono immediatamente bandite dalla rete di servizi finanziari, di consulenza e di pubbliche relazioni della City britannica. Difficile pensare che Londra e Bruxelles non si siano coordinate, ottenendo così il massimo impatto mediatico. Perché minacciare il veto è un conto, usarlo davvero un altro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved