ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

Spagna, notificato un caso di contagio da aviaria

Secondo la testata digitale eldiario.es, sarebbe la seconda persona in Europa essere stata testata positiva al virus
la guerra in ucraina
8 ore

Al via domani le esercitazioni di soldati tedeschi in Lituania

L’azione fa parte della strategia di maggiore presenza della Nato sul fianco orientale dell’Alleanza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
la guerra in ucraina
9 ore

Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte

Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni
la guerra in ucraina
9 ore

Putin frena sul nucleare, i russi arretrano ancora

Il Cremlino ora parla di confini mobili a Kherson e Zaporizhzhia: ‘Penetrate le nostre linee di difesa’
balcani
10 ore

Voto in Bosnia: Dodik tiene, ma avanzano i moderati

Alla presidenza per l’entità serba andrà Zeljka Cvijanovic, l’ex presidente eletto nella Republika Srpska. Sconfitto anche il figlio di Izetbegovic
Regno Unito
12 ore

Un taglio di capelli? ‘La prossima volta’

Finito il periodo di lutto, primo impegno ufficiale per re Carlo III, oggi in visita alla cittadina scozzese di Dunfermline
Estero
12 ore

Dalla Corte Suprema duro colpo alla lobby delle armi negli Usa

I nove saggi hanno respinto il ricorso contro il bando dei potenziatori ai fucili automatici, uno dei rari provvedimenti in tal senso di Donald Trump
Russia
13 ore

Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’

Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
13 ore

Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino

Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
15 ore

Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno

Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
Iran
19 ore

Scontri fra studenti e forze di sicurezza: lezioni sospese

Non si placano le proteste dopo la morte della 22enne curda arrestata dalla polizia perché indossava, a loro dire, il velo in modo inappropriato
02.05.2022 - 22:01

Il premier spagnolo Sánchez spiato con Pegasus

Attacco hacker ha infettato il cellulare del primo ministro. Sottratti 2,7 gigabytes di dati. Lo confermano fonti del governo a vari media

Ansa / Ats, a cura de laRegione
il-premier-spagnolo-sanchez-spiato-con-pegasus
Keystone
Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez

Gli hacker che hanno "infettato" il telefono cellulare del premier spagnolo Pedro Sánchez con il software Pegasus hanno sottratto dal dispositivo oltre 2,7 gigabytes di dati, secondo quanto affermato da fonti del governo del Paese iberico a El País e altri media nazionali. L’attacco è avvenuto in due occasioni a maggio e giugno 2021, aggiunge Madrid.

Nel caso della ministra della Difesa Margarita Robles, anche lei — stando al governo spagnolo — spiata con Pegasus a giugno 2021, la quantità di dati sottratta corrisponde a 9 megabytes.

La crisi diplomatica tra la Spagna e il Marocco, segnata da episodi come l’arrivo in incognito del leader saharawi Brahim Ghali o l’entrata in massa di oltre 8 mila migranti nell’enclave di Ceuta, e la maturazione della decisione di concedere la grazia ai leader catalani condannati al carcere sono i fatti d’attualità più rilevanti avvenuti nel periodo in cui Sánchez e Robles sono stati spiati.

Ghali, ricordano i media iberici, arrivò in Spagna ad aprile, mentre la crisi migratoria di Ceuta avvenne a partire dal 15 maggio. L’indulto ai leader catalani venne concesso il 22 giugno, anche se Sánchez li aveva preannunciati giorni prima.

A maggio 2021 ebbero luogo anche la vittoria della popolare Isabel Díaz Ayuso alle elezioni regionali di Madrid e la formazione dell’attuale governo catalano di Pere Aragonès con un accordo tra i partiti indipendentisti Esquerra Republicana e Junts per Catalunya. Il ministro della Presidenza, Félix Bolaños, ha dichiarato che il governo preferisce evitare "illazioni" sui motivi del presunto spionaggio.

Conferenza stampa a sorpresa

I telefoni cellulari del premier spagnolo, Pedro Sanchez, e della ministra della Difesa del suo governo, Margarita Robles, sono stati "infettati" con il programma informatico di spionaggio Pegasus: è quanto affermato dal ministro della Presidenza Félix Bolaños in una conferenza stampa convocata a sorpresa.

Secondo quanto aggiunto da Bolaños, le "intrusioni esterne" con il software nei cellulari del capo del governo e di Robles sono avvenute tra maggio e giugno 2021.

Le "intrusioni" nei cellulari del premier Pedro Sánchez (che sarebbero avvenute a maggio 2021) e della ministra della Difesa Margarita Robles (giugno 2021) sono state verificate dal Centro Crittologico Nazionale, che fa parte del Centro Nazionale dell’Intelligence, ha spiegato il ministro della Presidenza Félix Bolaños. Quanto scoperto è stato "denunciato alla giustizia", ha aggiunto Bolaños, considerato il braccio destro di Sánchez.

"Non abbiamo nessun dubbio del fatto che si tratta di un’intrusione esterna"; ha detto il ministro, senza precisare a che tipo di agente esterno si stesse riferendo, ma indicando che stava parlando di attività "estranea a organismi statali" ed effettuata "senza autorizzazione giudiziaria". Bolaños ha anche affermato che sono in corso verifiche per capire se altri esponenti del governo siano stati spiati con Pegasus.

L’annuncio di Madrid arriva dopo che, circa due settimane fa, inchieste giornalistiche hanno denunciato una presunta operazione di spionaggio con Pegasus a leader indipendentisti catalani. Diverse tra le presunte vittime accusano di questa attività di sorveglianza — che considerano illegittima — i servizi segreti spagnoli e hanno chiesto al governo Sánchez di assumere "responsabilità", arrivando, in alcuni casi, a chiedere le dimissioni della stessa Margarita Robles, dal cui ministero dipende l’intelligence spagnola. Sánchez stesso sostiene invece che i servizi segreti operano sempre "con scrupoloso e rigoroso rispetto della legge".

In seguito alle tensioni con diversi soci parlamentari su questo tema, il governo ha rischiato giovedì scorso un tonfo in Parlamento sulla convalida di un decreto cruciale contenente misure urgenti per affrontare l’impatto della guerra in Ucraina, salvandosi con un margine di soli quattro voti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved