Spagna
30.07.2022 - 11:32

Il risparmio energetico passa... dalla cravatta

Il pirmo ministro spagnolo Pedro Sanchez dà l’esempio, e invita tutta la popolazione a togliersela se non strettamente necessaria

Ats, a cura di Red.Web
il-risparmio-energetico-passa-dalla-cravatta
Keystone
Togliamocela

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha invitato ieri i cittadini a seguire il suo esempio e a togliersi la cravatta per ridurre le bollette energetiche, utilizzando meno l’aria condizionata. E ha esortato la comunità imprenditoriale a fare lo stesso.

"Vorrei che notaste che non indosso la cravatta", ha detto Sanchez con un sorriso, mostrando il colletto aperto della camicia durante una conferenza stampa a Madrid. "Questo significa che tutti noi possiamo risparmiare dal punto di vista energetico", ha proseguito.

Ha chiesto ai suoi ministri e ai capi delle amministrazioni di fare lo stesso. "Se non lo fate già, vorrei che non indossaste la cravatta quando non è necessario", ha detto alla comunità imprenditoriale. "Questo è anche il modo in cui possiamo contribuire al risparmio energetico, così necessario nel nostro Paese", ha concluso.

Il capo del Governo è solito indossare giacca e cravatta durante i suoi impegni pubblici, soprattutto nelle conferenze stampa.

Misure urgenti

Ha inoltre annunciato che il Governo adotterà lunedì in Consiglio dei ministri "una serie di misure urgenti" per il risparmio energetico, "in linea con quanto stanno facendo gli altri Paesi europei". Non ha fornito dettagli.

In risposta alla guerra in Ucraina, a metà maggio la Commissione europea aveva presentato un piano da 210 miliardi di euro per potenziare le energie rinnovabili e realizzare importanti risparmi energetici, al fine di allontanarsi dalle importazioni di gas russo "il più rapidamente possibile".

L’Ue-27 ha inoltre adottato martedì un piano in cui si impegna a fare "tutto il possibile" per ridurre il consumo di gas di almeno il 15% tra agosto 2022 e marzo 2023, rispetto alla media degli ultimi cinque anni nello stesso periodo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved