ULTIME NOTIZIE Estero
caro-energia
1 ora

L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa

Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
tensioni in asia
1 ora

Gli Usa rispondono a Kim, ma il missile si schianta al suolo

Il vettore di Seul fuori controllo ha creato terrore e panico tra gli abitanti di una tranquilla cittadina sulla costa orientale della Corea del Sud
diritti civili
2 ore

Slovenia: il Parlamento approva il matrimonio gay e l’adozione

Si tratta del primo Paese dell’ex area comunista a farlo. Attuata un’indicazione dell’Alta Corte
la guerra in ucraina
3 ore

Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’

Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
Estero
4 ore

Servizi americani: ‘Kiev dietro l’omicidio Dugina, Usa estranei’

Secondo fonti dell’intelligence citate dal Nyt, i servizi di Washington non erano a conoscenza dell’attentato contro la figlia dell’ideologo di Putin
Confine
5 ore

Trenord, disagi previsti nel weekend a causa di uno sciopero

Sabato 8 in caso di ripercussioni saranno disponibili autobus sostitutivi tra Milano Cadorna e l’aeroporto T1 di Malpensa e tra Stabio e il T1.
Confine
5 ore

Como, tra le province con i dati più bassi di criminalità

I furti in abitazione e la piaga dell’usura indicano qualche segnale di allarme, ma inferiore rispetto a Milano che si trova in cima alla graduatoria.
Estero
7 ore

Getta in terra sculture ai Musei Vaticani, fermato un turista

L’uomo ha danneggiato gravemente due antichi busti nella galleria Chiaramonti. È apparso agitato e ha detto di voler parlare col papa
31.03.2022 - 17:35
Aggiornamento: 18:18

Putin firma: il gas va pagato in rubli. Scholz: non si cambia

I Paesi occidentali dovranno aprire un conto in rubli presso banche russe. Il cancelliere tedesco: contratti in euro e rimarranno così, detto a Putin

Ats, a cura di Marco Narzisi
putin-firma-il-gas-va-pagato-in-rubli-scholz-non-si-cambia
Keystone

Vladimir Putin ha firmato il decreto presidenziale sulle regole del commercio di gas naturale russo con i cosiddetti Paesi ostili per il pagamento in rubli. Lo ha comunicato lo stesso leader russo, aggiungendo che entrerà in vigore da domani, primo aprile.

I Paesi occidentali dovranno aprire un conto in rubli presso le banche russe per pagare il gas in rubli, ha spiegato Putin, secondo quanto riporta l’agenzia Tass, sottolineando che il pagamento del gas in rubli è un passo verso la sovranità finanziaria della Russia.

"Nessuno ci vende niente gratis, e noi nemmeno faremo opere di carità – ha sottolineato –. Ciò significa che i contratti esistenti, in caso di mancato pagamento del gas in rubli, saranno interrotti". "Se tali pagamenti (in rubli) non vengono effettuati, noi considereremo questo come un inadempimento degli impegni con tutte le implicazioni che ne derivano", ha aggiunto Putin.

Secondo quanto precisa la Tass, il decreto prevede la possibilità che alcuni pagamenti non siano effettuati nella valuta di Mosca. I casi in cui sarà autorizzato il pagamento non in rubli saranno individuati dalla commissione governativa che vigila sugli investimenti stranieri. Il presidente ha dato istruzioni per approvare la procedura di autorizzazione di tali permessi entro dieci giorni. Putin ha quindi affermato che "gli Usa cercano di risolvere i propri problemi a scapito altrui. I loro errori in campo economico cercano di scaricarli su di noi. Cercano di spingere l’Europa ad acquistare il gas americano, che è più caro", rispetto a quello russo. Il presidente russo ha anche sostenuto che "le sanzioni illegittime sono state introdotte ormai da molti anni per indebolire il potenziale produttivo e finanziario del nostro Paese, sono sanzioni preparate precedentemente e che sarebbero state introdotte in ogni caso, sono sanzioni che minano la nostra libertà".

Scholz: il gas si paga in euro, ho detto a Putin che resterà così

"Abbiamo guardato i contratti, c’è scritto che si paga in euro. E ho chiarito nella telefonata che rimarrà così". Lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz rispondendo a una domanda in cancelleria sul colloquio di ieri con il presidente russo Vladimir Putin e anche sull’ultima dichiarazione del Cremlino che ha ribadito che il gas andrà pagato in rubli. "Le imprese potranno pagare, vorranno pagare e pagheranno in euro", ha aggiunto Scholz.

In conferenza stampa in cancelleria, con il collega austriaco Karl Nehammer, il cancelliere tedesco ha anche affermato che "le sanzioni alla Russia mostrano di avere effetto".

Parlando poi dell’allargamento dell’Ue, Scholz ha sostenuto che "serve una chiara prospettiva europea per gli Stati dei Balcani occidentali". "È importante che presto comincino i negoziati di Albania e Macedonia del Nord per l’ingresso in Europa", ha proseguito, aggiungendo che "ogni ulteriore esitazione rende i Balcani occidentali vulnerabili e aperti all’influenza di terzi".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved