putin-firma-il-gas-va-pagato-in-rubli-scholz-non-si-cambia
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
ucraina
5 ore

Colpita la centrale nel Donbass dei mercenari russi Wagner

Il gruppo paramilitare opera anche in Siria, in Libia e in Africa: è accusato di crimini di guerra e di violazioni dei diritti umani.
Estero
6 ore

Rushdie, l’Iran smentisce i legami con l’aggressione

I giornali conservatori del Paese islamico dipingono però l‘accoltellatore, che si è dichiarato non colpevole, come un uomo ’coraggioso e ligio al dovere’
Kenya
8 ore

Kenya, Ruto proclamato vincitore delle presidenziali

Ma sulle elezioni non si placa la bufera: quattro dei sette membri della commissione elettorale hanno rifiutato di accettare il risultato
Italia
9 ore

Sessantamila infrazioni stradali in quindici giorni

Inizio di agosto ‘caldo’ per la Polizia stradale italiana. Già ritirate 1’055 patenti e decurtati 93’605 punti
Russia
10 ore

Brittney Griner non si arrende: presentato l’appello

I legali della star del basket condannata a nove anni di carcere in Russia per droga fanno ricorso. Slitta il possibile scambio di prigionieri
Confine
12 ore

Delitto di via Giussani, sarebbe bastato un Tso per evitarlo?

Emergono alcuni dettagli nella scia della follia che ha portato all’uccisione di un senzatetto e al ferimento di un bambino e di un ragazzo
Italia
12 ore

Tir tampona due pullman di profughi: un morto

Il conducente dell’articolato, 53enne rumeno, è morto. Una cinquantina gli immigrati coinvolti nel sinistro all’altezza di Firenze, 15 i contusi
Birmania
13 ore

Suu Kyi condannata a sei anni per corruzione

L’ex leader democratica è stata riconosciuta colpevole di quattro capi d’accusa. Probabile il ricorso dei suoi avvocati
31.03.2022 - 17:35
Aggiornamento: 18:18
Ats, a cura di Marco Narzisi

Putin firma: il gas va pagato in rubli. Scholz: non si cambia

I Paesi occidentali dovranno aprire un conto in rubli presso banche russe. Il cancelliere tedesco: contratti in euro e rimarranno così, detto a Putin

Vladimir Putin ha firmato il decreto presidenziale sulle regole del commercio di gas naturale russo con i cosiddetti Paesi ostili per il pagamento in rubli. Lo ha comunicato lo stesso leader russo, aggiungendo che entrerà in vigore da domani, primo aprile.

I Paesi occidentali dovranno aprire un conto in rubli presso le banche russe per pagare il gas in rubli, ha spiegato Putin, secondo quanto riporta l’agenzia Tass, sottolineando che il pagamento del gas in rubli è un passo verso la sovranità finanziaria della Russia.

"Nessuno ci vende niente gratis, e noi nemmeno faremo opere di carità – ha sottolineato –. Ciò significa che i contratti esistenti, in caso di mancato pagamento del gas in rubli, saranno interrotti". "Se tali pagamenti (in rubli) non vengono effettuati, noi considereremo questo come un inadempimento degli impegni con tutte le implicazioni che ne derivano", ha aggiunto Putin.

Secondo quanto precisa la Tass, il decreto prevede la possibilità che alcuni pagamenti non siano effettuati nella valuta di Mosca. I casi in cui sarà autorizzato il pagamento non in rubli saranno individuati dalla commissione governativa che vigila sugli investimenti stranieri. Il presidente ha dato istruzioni per approvare la procedura di autorizzazione di tali permessi entro dieci giorni. Putin ha quindi affermato che "gli Usa cercano di risolvere i propri problemi a scapito altrui. I loro errori in campo economico cercano di scaricarli su di noi. Cercano di spingere l’Europa ad acquistare il gas americano, che è più caro", rispetto a quello russo. Il presidente russo ha anche sostenuto che "le sanzioni illegittime sono state introdotte ormai da molti anni per indebolire il potenziale produttivo e finanziario del nostro Paese, sono sanzioni preparate precedentemente e che sarebbero state introdotte in ogni caso, sono sanzioni che minano la nostra libertà".

Scholz: il gas si paga in euro, ho detto a Putin che resterà così

"Abbiamo guardato i contratti, c’è scritto che si paga in euro. E ho chiarito nella telefonata che rimarrà così". Lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz rispondendo a una domanda in cancelleria sul colloquio di ieri con il presidente russo Vladimir Putin e anche sull’ultima dichiarazione del Cremlino che ha ribadito che il gas andrà pagato in rubli. "Le imprese potranno pagare, vorranno pagare e pagheranno in euro", ha aggiunto Scholz.

In conferenza stampa in cancelleria, con il collega austriaco Karl Nehammer, il cancelliere tedesco ha anche affermato che "le sanzioni alla Russia mostrano di avere effetto".

Parlando poi dell’allargamento dell’Ue, Scholz ha sostenuto che "serve una chiara prospettiva europea per gli Stati dei Balcani occidentali". "È importante che presto comincino i negoziati di Albania e Macedonia del Nord per l’ingresso in Europa", ha proseguito, aggiungendo che "ogni ulteriore esitazione rende i Balcani occidentali vulnerabili e aperti all’influenza di terzi".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gas olaf scholz russiaucraina vladimir putin
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved