l-ungheria-rompe-il-fronte-ue-e-paghera-il-gas-russo-in-rubli
Keystone
Rubinetti chiusi per Polonia e Bulgaria
ULTIME NOTIZIE Estero
ucraina
6 ore

Colpita la centrale nel Donbass dei mercenari russi Wagner

Il gruppo paramilitare opera anche in Siria, in Libia e in Africa: è accusato di crimini di guerra e di violazioni dei diritti umani.
Estero
7 ore

Rushdie, l’Iran smentisce i legami con l’aggressione

I giornali conservatori del Paese islamico dipingono però l‘accoltellatore, che si è dichiarato non colpevole, come un uomo ’coraggioso e ligio al dovere’
Kenya
9 ore

Kenya, Ruto proclamato vincitore delle presidenziali

Ma sulle elezioni non si placa la bufera: quattro dei sette membri della commissione elettorale hanno rifiutato di accettare il risultato
Italia
10 ore

Sessantamila infrazioni stradali in quindici giorni

Inizio di agosto ‘caldo’ per la Polizia stradale italiana. Già ritirate 1’055 patenti e decurtati 93’605 punti
Russia
11 ore

Brittney Griner non si arrende: presentato l’appello

I legali della star del basket condannata a nove anni di carcere in Russia per droga fanno ricorso. Slitta il possibile scambio di prigionieri
Confine
13 ore

Delitto di via Giussani, sarebbe bastato un Tso per evitarlo?

Emergono alcuni dettagli nella scia della follia che ha portato all’uccisione di un senzatetto e al ferimento di un bambino e di un ragazzo
Italia
13 ore

Tir tampona due pullman di profughi: un morto

Il conducente dell’articolato, 53enne rumeno, è morto. Una cinquantina gli immigrati coinvolti nel sinistro all’altezza di Firenze, 15 i contusi
Birmania
14 ore

Suu Kyi condannata a sei anni per corruzione

L’ex leader democratica è stata riconosciuta colpevole di quattro capi d’accusa. Probabile il ricorso dei suoi avvocati
Gran Bretagna
14 ore

Luce verde al nuovo booster aggiornato contro Omicron

Coronavirus, il nuovo preparato di Moderna, già approvato in Gran Bretagna, potrebbe richiedere una sola vaccinazione all’anno
28.04.2022 - 21:58
Ansa, a cura de laRegione

L’Ungheria rompe il fronte Ue e pagherà il gas russo in rubli

Il ministro degli Esteri di Budapest solleva questioni di sicurezza dell’approvvigionamento per il suo Paese

Il presidente russo Vladimir Putin mette in crisi l’Ue sul pagamento in rubli del gas di Mosca, facendo emergere posizioni e interessi contrastanti tra gli Stati dell’Unione. E anche se la Commissione ha avvertito sulla possibile violazione delle sanzioni imposte per l’invasione dell’Ucraina, l’Ungheria si è già chiamata fuori dicendosi pronta a pagare in rubli per garantirsi gli approvvigionamenti.

L’esecutivo Ue ha sollecitato in particolare le società europee a non prestarsi a quanto chiesto dal decreto di Putin di fine marzo sui pagamenti del gas, aprendo in particolare un secondo conto bancario in rubli dove far transitare il pagamento originario versato in euro (o dollari). Diverso invece il discorso per i conti correnti in euro presso Gazprom o Gazprombank, che resteranno consentiti, come del resto sono consentiti gli acquisti di gas dalla Russia.

Il chiarimento dell’esecutivo Ue ha lasciato però ancora una grande confusione, soprattutto dopo che Mosca ha chiuso mercoledì i rubinetti a Polonia e Bulgaria per il mancato pagamento in rubli. Il timore è che la lettura degli uffici di Bruxelles su cosa violi o meno le sanzioni si trasformi in un embargo di fatto, senza che ci sia già una volontà politica unitaria in tal senso nell’Ue.

A gettare benzina sul fuoco, e ulteriore confusione, è intervenuta appunto Budapest: "L’Ungheria non ha dubbi sul proprio obbligo di pagare il gas russo nel modo che garantisca la sua regolare fornitura" ha detto il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó, confermando che intende farlo in rubli.

Mentre la Commissione ha ribadito che, in linea con i contratti esistenti, i pagamenti dovranno continuare ad avvenire nella valuta prevista nei contratti originari, nel 97% dei casi euro o dollari. "L’obbligo della società termina nel momento in cui ha fatto il pagamento in euro o in dollari", ha spiegato il portavoce Eric Mamer, aggiungendo: "Se il pagamento avviene in rubli, non stiamo parlando del contratto stipulato e ma di un aggiramento delle sanzioni".

L’intralcio principale del secondo conto corrente in rubli presso Gazprombank, oltre a quello in euro, è che così le società "pagheranno in una valuta e il loro pagamento verrà convertito in rubli da qualcun altro a un tasso di cambio e con dei tempi su cui non abbiamo controllo", ha chiarito Mamer. L’importo, hanno spiegato fonti Ue, sarebbe "completamente nelle mani delle autorità russe e della Banca centrale russa", e potrebbe anche configurare un prestito.

Dall’inizio della guerra in Ucraina, ha messo in evidenza un’analisi del Center for Research on Energy and Clean Air pubblicata dal Financial Times, la Russia ha esportato combustibili fossili via mare o tramite oleodotti per 63 miliardi di euro, 44 miliardi dei quali verso l’Ue. Tra i singoli Paesi mondiali, invece, i maggiori importatori sono Germania, Italia e Cina.

"In uno scenario di interruzione dell’approvvigionamento di gas russo a partire dal primo maggio, la maggior parte dei Paesi europei non raggiungerebbe l’obiettivo del livello di stoccaggio dell’80 o del 90% il primo ottobre", ha intanto avvertito Entsog, la Rete europea dei gestori dei sistemi di trasporto del gas.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gas russo rubli russiaucraina ungheria
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved