la-colombia-depenalizza-l-aborto-e-la-polemica-divampa
Keystone
Attiviste pro-aborto esultano all’annuncio della sentenza
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

’Ndrangheta, in Svizzera il gestore di un giro di soldi sporchi

Un 52enne italiano residente nella Confederazione è considerato il ‘dominus’ di un giro di affari che reinvestiva all’estero i soldi della malavita
Estero
8 ore

La sfida di Edimburgo: ‘Referendum per la secessione nel 2023’

La first minister scozzese Nicola Sturgeon annuncia un voto ‘consultivo’. ‘La democrazia scozzese non sarà prigioniera di Johnson o di un altro premier’
Estero
14 ore

Dalla Casa Bianca trapelano dubbi sulla vittoria ucraina

Fonti interne all’amministrazione Usa discutono dell’opportunità che Kiev ‘moderi le sue aspettative’ accettando anche perdite territoriali irreversibili
Confine
15 ore

Infrazioni a sei cifre a cavallo del confine

Intercettati beni per un valore complessivo di 1’734’342 euro non dichiarati da parte della Guardia di finanza. E pure una cartella ipotecaria
Estero
16 ore

Strage di migranti in Texas: complice il caldo, 46 morti

Fra le vittime, rinvenute in un camion abbandonato a San Antonio, quattro bambini. Il governatore attacca Biden: ‘Queste morti sono le sue’
Estero
1 gior

A Roma brucia un capannone, le fiamme non si fermano

Finora le persone rimaste intossicate sono poco più di una trentina, tra i quali quattro poliziotti; trasportati all’ospedale una donna con un bambino
Estero
1 gior

Treno colpisce un camion e deraglia in Missouri, morti e feriti

L’incidente è occorso ad un incrocio stradale nei pressi della città di Mendon, a circa 130 chilometri da Kansas City
Estero
1 gior

Un tribunale della Louisiana ferma il divieto di aborto

Lo Stato, uno dei primi a mettere fuori legge l’interruzione di gravidanza dopo la decisione dalla Corte Suprema, riprenderà gli interventi
Estero
1 gior

Italia: il centrodestra si lecca le ferite, il Pd sorride

I ballottaggi delle amministrative rimescolano gli equilibri delle coalizioni. Giorgia Meloni chiede un vertice.
22.02.2022 - 19:50
Ansa, a cura de laRegione

La Colombia depenalizza l’aborto, e la polemica divampa

Storica sentenza nel paese sudamericano. La Corte, con una maggioranza risicata, autorizza l’interruzione fino a 24 settimane di gravidanza

Buenos Aires – Sentenza storica in Colombia: la Corte costituzionale ha depenalizzato l’aborto, autorizzandolo fino alla 24esima settimana di gravidanza, superando una precedente norma che lo consentiva solo in caso di stupro, gravi malformazioni o serio pericolo per la donna. Una norma, quella finora in vigore, che prevedeva fino a quattro anni e mezzo di carcere per chiunque abortisse o aiutasse una donna a farlo, al di fuori di questi casi.

Da ora in poi sarà invece possibile abortire fino al sesto mese di gravidanza senza dover fornire alcuna motivazione, un limite ben più ampio anche rispetto a quanto previsto in Italia dove l’aborto – ad eccezione di quello terapeutico – è consentito entro i primi tre mesi di gravidanza.

Una sentenza divisiva

La decisione colombiana ha suscitato ampi consensi, ma anche reazioni critiche e polemiche: movimenti femminili e femministi, esponenti politici, organizzazioni sociali e anche l’ufficio dell’Onu a Bogotà hanno accolto con favore una sentenza che mette fine a decenni di mancate decisioni da parte del Parlamento. Infatti, dal 1975 l’organo legislativo ha avuto la possibilità di esaminare, senza averlo fatto, almeno 39 iniziative legislative di tutte le tendenze politiche. Per cui, mettendo fine a questo stato di cose, con una sentenza divisiva – cinque giudici a favore e quattro (fra cui tre donne) contro – la Corte costituzionale ha anche ordinato al ministero della Salute e al governo di emanare urgentemente un regolamento in cui siano chiare le regole per l’accesso all’interruzione volontaria di gravidanza. Probabilmente anche entrando in merito alle 24 settimane di gestazione, ritenute da più parti troppo estese.

In precedenza la stessa Corte nel 2006 aveva già depenalizzato l’aborto in caso di stupro, incesto o se la vita della madre o del feto fossero in pericolo. Ora queste tre circostanze potranno essere invocate nel caso di donne che volessero abortire oltre il periodo previsto.

Il dibattito è appena cominciato

Agli applausi dei movimenti che per anni si sono battuti per la depenalizzazione, si sono opposti oggi gli interventi critici per il termine di 24 settimane previsto dalla sentenza, di alte personalità del governo colombiano, fra cui la ministra degli Esteri e vicepresidente, Marta Lucía Ramírez, e lo stesso presidente della repubblica, Iván Duque, manifestatosi da sempre ‘pro vita’. E se la ministra Ramírez ha sostenuto che "più che depenalizzarlo, si sta legittimando l’aborto", Duque ha sottolineato che "siamo di fronte a una decisione che riguarda l’intera società colombiana e cinque persone non possono proporre a essa qualcosa di così atroce come permettere che una vita si interrompa fino a sei mesi di gestazione".

Su questo delicato tema, in definitiva, il dibattito è appena cominciato. Tuttavia non si deve dimenticare che nel 2020 almeno 4’268 ragazze di età compresa tra i dieci e i 14 anni sono rimaste incinte in Colombia, dove le relazioni sessuali con bambine o adolescenti sono considerate stupro. Inoltre, ha ricordato l’avvocatessa Cristina Rosero della ong Causa Justa, "l’aborto è la quarta causa di mortalità materna nel Paese e si stima che dei 400’000 che annualmente vengono praticati in Colombia, meno del 10% lo sono in istituzioni sanitarie con controlli adeguati".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aborto colombia corte gravidanza sentenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved