14.02.2022 - 19:12
Aggiornamento: 19:32

Si fa spedire droga in cartoleria, svizzero arrestato a Milano

Un 44enne si era fatto spedire mezzo litro di Gbl, la ‘droga dello stupro’, a un fermo posta: gli agenti, spacciandosi per commessi, lo hanno arrestato

si-fa-spedire-droga-in-cartoleria-svizzero-arrestato-a-milano
Depositphotos

Un pacco particolare, oseremmo dire “stupefacente”, quello che un 44enne cittadino svizzero residente a Milano si era fatto consegnare al servizio deposito pacchi di una cartoleria in zona Porta Romana. Il plico, infatti, conteneva mezzo litro di Gbl, la sostanza nota come droga dello stupro. E probabilmente stupefatta è stata la sua reazione nello scoprire che i commessi erano in realtà poliziotti in borghese, che lo hanno arrestato. Lo riferiscono i media locali italiani.

Gli agenti della Squadra Mobile, ricevuta una segnalazione della consegna di un pacco dal contenuto sospetto, hanno intercettato il corriere. Appreso che la consegna sarebbe stata effettuata presso il punto vendita, hanno predisposto una “consegna controllata”, individuando e arrestando, dunque, il destinatario del pacco al momento del ritiro.

La successiva perquisizione in casa del 44enne confederato ha permesso di rinvenire anche mezzo grammo di cocaina e mezzo grammo di shaboo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved